Copertura assicurativa dopo la scadenza: quanto si può circolare con l’assicurazione auto scaduta?

Girare in auto con l’assicurazione scaduta è una distrazione che può costare cara. Non tutti, però, sanno che esiste una copertura assicurativa dopo la scadenza della polizza RCA. È il cosiddetto periodo di tolleranza dell’assicurazione, ovvero quello entro il quale si può continuare a circolare in strada senza incorrere in multe e sanzioni. Scopriamo a quanti giorni ammonta e quando è opportuno effettuare il rinnovo assicurazione auto.

Assicurazione scaduta: 15 giorni di tolleranza

Il ritardo nel rinnovo dell’assicurazione auto è tollerato fino a un certo periodo. La copertura assicurativa dopo la scadenza vale infatti per 15 giorni. Alla scadenza di questa proroga, il contraente è chiamato a rinnovare la sua assicurazione RC auto. Durante queste due settimane supplementari, invece, l’automobilista è libero di circolare con il proprio veicolo e può decidere se rinnovare la polizza con la stessa compagnia oppure affidarsi a un’offerta più in linea con le proprie esigenze. Per trovare l’assicurazione auto più in linea con le proprie abitudini è sempre utile dare un’occhiata ai consigli per risparmiare.

Scadenza assicurazione auto: cosa prevede il Codice della Strada

Stabilito che la copertura assicurativa dopo la scadenza dura 15 giorni, vediamo adesso cosa accade se si continua a girare con l’assicurazione auto scaduta dopo il suddetto periodo. L’obbligo dell’assicurazione per responsabilità civile è stabilito dall’articolo 193 del Codice della Strada. Nel comma 2 si legge che “chiunque circola senza la copertura dell’assicurazione è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 849 euro ad euro 3.396”. Se invece si viene colti in flagrante per lo stesso motivo in due anni, la sanzione pecuniaria raddoppia.

Ciò significa che chi gira con la polizza RCA scaduta e viene fermato due volte, rischia di pagare fino a 6.792 euro. Inoltre è prevista la sospensione della patente da uno a due mesi e il fermo amministrativo del veicolo. La sanzione viene ridotta se la posizione viene regolarizzata entro 15 giorni dal termine del periodo di tolleranza. In alternativa se entro 30 giorni dalla stessa data si provvede alla demolizione dell’auto, come stabilito sia dall’articolo 193 del Codice della Strada che dall’articolo 1901 del Codice Civile.

Il periodo di tolleranza inizia il giorno della scadenza del premio indicato sul contratto e si conclude alle ore 23:59 del quindicesimo giorno da tale data. Ciò significa che a partire da un minuto dopo, ovvero dalla mezzanotte del sedicesimo giorno, si è passibili di sanzione. Per evitare di circolare col calendario a portata di mano, assicurati di essere assicurato. Usa il nostro comparatore per visionare le offerte più vantaggiose delle migliori compagnie online. Inserendo pochi dati personali e relativi al veicolo, si riceverà subito un preventivo gratuito con la migliore quotazione prevista. A quel punto ti basterà metterti comodo e valutarlo: per decidere se convalidarlo o meno, avrai infatti a disposizione fino a due mesi di tempo.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Polizza vita mista: cos’è, quanto dura

Quale polizza vita scegliere? Quanto costa un’assicurazione sulla vita? Sempre più compagnie consigliano ai loro clienti la polizza vita mista.  Quando si parla di assicurazioni sulla vita, si distingue solitamente tra: Polizza caso vita Polizza caso morte Assicurazione mista Scopriamo come funziona e quali sono i vantaggi di una polizza mista e perché è sempre

CONTINUA A LEGGERE

Preventivo assicurazione auto senza targa: come ottenerlo?

È possibile ottenere un preventivo assicurazione auto senza targa? La risposta è affermativa, ma ci sono alcuni limiti di cui tener conto. La targa auto è infatti uno dei dati fondamentali quando si deve calcolare un preventivo RC Auto. Senza conoscere il numero di targa auto o moto, dunque, diventa impossibile identificare il veicolo che

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto giornaliera: quanto costa?

Assicurare il proprio veicolo soltanto per un giorno? Con l’assicurazione auto giornaliera è possibile. Questa soluzione permette di avere la copertura assicurativa per 24 ore. Si tratta di una polizza RCA temporanea che è particolarmente indicata in alcune occasioni. Scopriamo quali sono, quando conviene e quanto costa. Cos’è l’assicurazione auto giornaliera L’assicurazione auto giornaliera è

CONTINUA A LEGGERE

Mutuo prima casa giovani: come richiedere le agevolazioni

Il mutuo prima casa giovani è un finanziamento a tasso agevolato legato alla condizione personale o lavorativa. Attraverso questo istituto lo Stato agevola fiscalmente categorie con contratti di lavoro atipici o precari, ma non solo. Tramite questi fondi di garanzia, accessibili in via preferenziale a persona appartenenti a specifiche classi sociali o in possesso di

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Protezioni moto: quali sono obbligatorie?

Quello delle protezioni moto è un tema particolarmente dibattuto tra i centauri. Quella tra look e sicurezza dovrebbe essere una sfida impari, eppure non sono pochi i motociclisti (soprattutto dell’ultima ora) che sembrano preferire un outfit di grido sacrificando la propria incolumità. Con i pericoli della strada, però, non si scherza. Le 687 vittime nel

CONTINUA A LEGGERE

Come pagare il bollo auto online: la procedura

È possibile pagare il bollo auto online? Il bollo automezzi è la tassa automobilistica che grava su tutti i proprietari di un veicolo. Il versamento va effettuato ogni anno, indipendentemente dall’utilizzo o meno di auto o moto. Si tratta infatti di un contributo legato al possesso e non all’utilizzo del bene. Come si corrisponde e

CONTINUA A LEGGERE

Cambio domicilio: come e dove farlo, documenti

Hai bisogno di fare un cambio domicilio e non sai come fare? Pensi di dover affrontare la stessa trafila che spetta al cambio di residenza? Niente paura. Vediamo come funziona il cambio di domicilio. Residenza e domicilio differenza Prima di tutto è importante definire la differenza tra domicilio e residenza. Entrambi sono descritti dal Codice

CONTINUA A LEGGERE

Città più pericolose del mondo: classifica, come viaggiare sicuri

Viaggiare è uno tra gli hobby più gettonati dagli italiani. Chi si può permettere un weekend o una vacanza, magari all’estero, non può non tenere conto di una classifica: quella delle città più pericolose del mondo. Si tratta di un ranking che confronta abitanti e numero di omicidi, restituendo un indice di pericolosità in percentuale.

CONTINUA A LEGGERE