Copertura assicurativa dopo la scadenza: quanto si può circolare con l’assicurazione auto scaduta?

Girare in auto con l’assicurazione scaduta è una distrazione che può costare cara. Non tutti, però, sanno che esiste una copertura assicurativa dopo la scadenza della polizza RCA. È il cosiddetto periodo di tolleranza dell’assicurazione, ovvero quello entro il quale si può continuare a circolare in strada senza incorrere in multe e sanzioni. Scopriamo a quanti giorni ammonta e quando è opportuno effettuare il rinnovo assicurazione auto.

Assicurazione scaduta: 15 giorni di tolleranza

Il ritardo nel rinnovo dell’assicurazione auto è tollerato fino a un certo periodo. La copertura assicurativa dopo la scadenza vale infatti per 15 giorni. Alla scadenza di questa proroga, il contraente è chiamato a rinnovare la sua assicurazione RC auto. Durante queste due settimane supplementari, invece, l’automobilista è libero di circolare con il proprio veicolo e può decidere se rinnovare la polizza con la stessa compagnia oppure affidarsi a un’offerta più in linea con le proprie esigenze. Per trovare l’assicurazione auto più in linea con le proprie abitudini è sempre utile dare un’occhiata ai consigli per risparmiare.

Scadenza assicurazione auto: cosa prevede il Codice della Strada

Stabilito che la copertura assicurativa dopo la scadenza dura 15 giorni, vediamo adesso cosa accade se si continua a girare con l’assicurazione auto scaduta dopo il suddetto periodo. L’obbligo dell’assicurazione per responsabilità civile è stabilito dall’articolo 193 del Codice della Strada. Nel comma 2 si legge che “chiunque circola senza la copertura dell’assicurazione è soggetto alla sanzione amministrativa del pagamento di una somma da euro 849 euro ad euro 3.396”. Se invece si viene colti in flagrante per lo stesso motivo in due anni, la sanzione pecuniaria raddoppia.

Ciò significa che chi gira con la polizza RCA scaduta e viene fermato due volte, rischia di pagare fino a 6.792 euro. Inoltre è prevista la sospensione della patente da uno a due mesi e il fermo amministrativo del veicolo. La sanzione viene ridotta se la posizione viene regolarizzata entro 15 giorni dal termine del periodo di tolleranza. In alternativa se entro 30 giorni dalla stessa data si provvede alla demolizione dell’auto, come stabilito sia dall’articolo 193 del Codice della Strada che dall’articolo 1901 del Codice Civile.

Il periodo di tolleranza inizia il giorno della scadenza del premio indicato sul contratto e si conclude alle ore 23:59 del quindicesimo giorno da tale data. Ciò significa che a partire da un minuto dopo, ovvero dalla mezzanotte del sedicesimo giorno, si è passibili di sanzione. Per evitare di circolare col calendario a portata di mano, assicurati di essere assicurato. Usa il nostro comparatore per visionare le offerte più vantaggiose delle migliori compagnie online. Inserendo pochi dati personali e relativi al veicolo, si riceverà subito un preventivo gratuito con la migliore quotazione prevista. A quel punto ti basterà metterti comodo e valutarlo: per decidere se convalidarlo o meno, avrai infatti a disposizione fino a due mesi di tempo.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento in forma specifica RC Auto: quando si applica?

Il risarcimento in forma specifica è una particolare clausola contrattuale che si applica anche alle assicurazioni RC Auto. Questo tipo di clausola è facoltativa e non obbligatoria: garantisce sconti a chi decide di inserirla, ma vincola il contraente a rispettare alcuni paletti. Vediamo cosa si intende per risarcimento in forma specifica RCA e cosa cambia

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE