Conversione kW CV: come farla, a cosa serve

Il calcolo bollo auto è un’operazione necessaria e che spesso non appare facile. Vanno considerati i cavalli fiscali, i cavalli vapore o i kiloWatt? Prima di rispondere è opportuno fare un passo indietro partendo dalle basi. La potenza di un motore viene generalmente espressa attraverso due unità di misura: il cavallo vapore (CV o HP) e il kiloWatt (kW). Disporre di uno strumento in grado di fare la conversione kW CV è particolarmente utile, perché sempre più spesso la potenza viene indicata in kW.

Conversione kW CV: tabella di conversione

Fare la conversione kW CV è semplice. Basta affidarsi a un convertitore kW CV oppure sapere come calcolare da kW a CV. La potenza del motore è un indicatore essenziale per sapere quanto costa il bollo auto e per capire se la propria vettura è soggetta al superbollo auto, che scatta per valori superiori a 185 kW. A questo punto non resta che prepararsi per i calcoli, sapendo che 1 kiloWatt corrisponde a 1,36 cavalli. Per procedere alla corretta conversione cavalli kwatt basta quindi moltiplicare per 1,36 i kW indicati sul libretto di circolazione. Viceversa, per poter calcolare i kW partendo dai cavalli fiscali, bisognerà moltiplicare questi ultimi per la cifra di 0,7354.

Cavalli fiscali, cavalli vapore e kiloWatt: differenze

Se la conversione kW CV non è chiara, è il caso di entrare nello specifico. Le differenze tra cavalli fiscali, cavalli vapore e kiloWatt sono infatti rilevanti per capire quanto pagare la tassa automobilistica. Quando si parla di potenza assoluta, ci si riferisce a cilindrata e potenza in CV o kW, mentre per potenza in cavalli si tratta di:

  • Cavalli vapore: esprimono la potenza del motore e le sue prestazioni, come velocità massima, coppia e ripresa. Sono indicati con la sigla CV o HP (Horse Power)
  • Cavalli fiscali: individuano la cubatura dell’auto per calcolare il suo valore fiscale e legale. Sono determinanti ai fini del calcolo bollo auto. Non rientrano in questo calcolo potenza del motore e cilindrata.

Tutto chiaro? Quando si acquista un’auto e si deve pagare la relativa tassa automobilistica, vanno tenuti in considerazione esclusivamente i secondi. Il bollo auto rappresenta solo una delle tante scadenze che riguardano il nostro veicolo. Nella categoria degli obblighi rientra anche la sottoscrizione dell’assicurazione auto. Se hai bisogno di rinnovare quella in vigore o di sottoscrivere la prima, passa a trovarci. Su Quale.it potrai trovare la migliore tariffa polizza auto confrontando le proposte delle compagnie assicurative online. Dopo aver generato un preventivo gratuito, avrai 60 giorni di tempo per valutare con calma la quotazione ricevuta e decidere se convalidare o ripetere la procedura.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE