Denuncia sinistro stradale: cosa succede se non viene fatta?

Se si resta coinvolti in un incidente stradale vige l’obbligo di effettuare la denuncia sinistro alla propria compagnia assicurativa. La denuncia di sinistro deve rispettare dei tempi e va fatta anche per incidenti di lieve entità o che non coinvolgono altri veicoli. Scopriamo qual è la procedura da seguire e il termine denuncia sinistro e cosa succede in caso di sinistro non denunciato.

Obbligo denuncia sinistro assicurazione

La denuncia sinistro stradale è un obbligo disciplinato dall’articolo 143 del Codice delle Assicurazioni. L’art. 143 CdA stabilisce che “nel caso di sinistro avvenuto tra veicoli a motore per i quali vi sia obbligo di assicurazione, i conducenti dei veicoli coinvolti o, se persone diverse, i rispettivi proprietari, sono tenuti a denunciare il sinistro alla propria impresa di assicurazione, avvalendosi del modulo fornito dalla medesima, il cui modello è approvato dall’IVASS”. Tale obbligo vige anche in presenza di un solo veicolo coinvolto, ovvero dove non occorre compilare il modulo di constatazione amichevole. Vediamo come compilare il modulo denuncia sinistro.

Denuncia sinistro: come fare

La denuncia sinistro va effettuata entro tre giorni dal fatto. L’interessato può trasmettere la lettera denuncia sinistro tramite raccomandata A/R, PEC, via telefono o internet. Per la denuncia di sinistro va usato il modulo blu CAI (constatazione amichevole incidente), con firma della controparte o a firma singola, qualora non si sia trovato un accordo sulla descrizione dell’incidente. Nel modulo blu sono presenti tutte le informazioni utili alla denuncia del sinistro. L’apertura sinistro deve contenere i dettagli: data, ora, luogo, targa del veicolo, polizza assicurativa in vigore. Deve contenere anche i dati della controparte. Bisogna inoltre aggiungere tutte le informazioni utili. Ad esempio quella relativa a dove si trovavano i mezzi al momento dell’impatto, l’eventuale intervento delle forze dell’ordine e la presenza di testimoni. Alla denuncia vanno inoltre allegati i referti medici e le cartelle cliniche che possano attestare lo stato di salute conseguente al sinistro

Sinistro non denunciato: conseguenze

Se la denuncia sinistro entro tre giorni dall’incidente, non sarà più possibile chiedere alcun risarcimento danni alla compagnia assicurativa. In questo caso si applica infatti l’articolo 1915 del Codice Civile. Questo segnala che “l’assicurato che dolosamente non adempie l’obbligo dell’avviso o del salvataggio perde il diritto all’indennità”. Invece se l’omissione è colposa, “l’assicuratore ha diritto di ridurre l’indennità in ragione del pregiudizio sofferto”.

Se l’omissione è dolosa, quindi, si perde completamente il diritto all’indennizzo. Se, invece, l’omissione è colposa (involontaria) la compagnia assicurativa può ridurre l’indennizzo. Per poter ridurre l’importo del risarcimento, però, l’assicuratore deve dimostrare di aver subito un danno e in quale misura. In mancanza di tale documentazione da parte della compagnia, l’assicurato ha diritto all’intero rimborso.

Per non correre rischi è sempre indispensabile rispettare i tempi e stare in regola con l’assicurazione auto. Se la tua polizza sta per scadere e hai bisogno di rinnovarla, affidati a noi. Usa il nostro comparatore e confronta le migliori assicurazioni auto online. Salva il preventivo gratuito e valutalo in 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Rottamazione moto: come fare, costi

La rottamazione moto è una procedura obbligatoria quando si decide di dismettere un veicolo. I modi per demolire una moto sono sostanzialmente due: se la demolizione è propedeutica all’acquisto di un nuovo mezzo, si può beneficiare dell’Ecobonus moto. Scopriamo allora cosa fare per rottamare moto, quali sono i costi da sostenere e come usufruire dell’Ecobonus.

CONTINUA A LEGGERE

Prestiti personali: 5 cose da sapere prima di richiederli

I prestiti personali sono finanziamenti che consentono di ottenere denaro per qualunque necessità di acquisto. Vengono erogati da banche o finanziarie e la somma che si riceve a seguito di una richiesta prestito va restituita tramite rate mensili in un arco di tempo prestabilito. A differenza di mutuo o leasing, il prestito personale non è

CONTINUA A LEGGERE

Rc Auto familiare: è valida per gli autocarri?

Entrata in vigore il 16 febbraio 2020, la RC Auto familiare ha ampliato i vantaggi della Legge Bersani assicurazione sul tema della classe di merito. Intervenendo sull’art. 134 del Codice delle Assicurazioni Private, questo provvedimento predispone che nell’ambito dello stesso nucleo familiare ogni veicolo si possa assicurare con una CU meno elevata. Il beneficio si

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Viaggi in moto Europa: quali sono le protezioni obbligatorie

Quando si fanno viaggi in moto Europa è fondamentale imparare le regole del paese che si intende visitare. Dopo aver individuato gli itinerari moto Europa da esplorare, dunque, c’è subito una domanda da porsi: quali sono le protezioni per moto da indossare? Le norme variano da paese a paese e sono spesso diverse da quelle

CONTINUA A LEGGERE

Visura PRA: cos’è e come ottenerla

La visura PRA è un servizio che consente di ottenere un documento contenente informazioni su un veicolo e sul relativo proprietario. Questo documento è rilasciato dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e le visure PRA possono essere per targa o nominative. A cosa serve la visura PRA La visura PRA permette di: Controllare l’iscrizione di un

CONTINUA A LEGGERE

Coronavirus: come richiedere la sospensione rate mutuo

La legge di conversione del Decreto Cura Italia (DL 18/2020) rende attuabile la richiesta di sospensione rate mutuo. Questa procedura speciale è stata avallata per fronteggiare l’emergenza economica derivante dalla pandemia Coronavirus. Vediamo chi può sospendere il mutuo, come fare richiesta sospensione mutuo e qual è il modulo da utilizzare. Sospensione rate mutuo: a chi

CONTINUA A LEGGERE