Concorso di colpa: a chi spetta pagare?

Guidare un’automobile significa essere al corrente dei rischi connessi. Il più diffuso tra questi è quello di incappare in un incidente stradale. Se l’assicurazione RC Auto, obbligatoria per legge, serve a coprire i danni cagionati dai sinistri, bisogna comunque saper distinguere i singoli casi. Chi paga in caso di concorso di colpa? Quali sono gli effetti di questo tipo di collisione sul premio assicurativo e sulla classe di merito?

Concorso di colpa: cos’è

Per concorso di colpa incidente stradale si intende quando un sinistro avviene per colpa di due o più conducenti. Come stabilisce l’articolo 2054 del Codice Civile della circolazione dei veicoli “nel caso di scontro tra veicoli si presume, fino a prova contraria, che ciascuno dei conducenti abbia concorso ugualmente a produrre il danno subito dai singoli veicoli”. In mancanza di prove contrarie, dunque, la responsabilità incidente stradale è da condividere tra le vetture coinvolte. Ma in quale parte?

Come funziona

Difficilmente il concorso di colpa prevede una responsabilità analoga tra i conducenti coinvolti. Per stabilire la suddivisione responsabilità sinistro stradale, dunque, si divide tra:

  • Concorso di colpa paritario: le responsabilità si possono suddividere in parti uguali
  • Concorso di colpa effettivo: si ha quando, a seguito degli accertamenti effettuati, la misura della responsabilità non risulta suddivisibile in parti uguali

I casi di concorso di colpa effettivo risultano essere ovviamente maggiori. Per quanto riguarda il risarcimento concorso di colpa, anch’esso dipende dalle responsabilità emerse. Per un concorso di tipo paritario, ciascuno degli automobilisti coinvolti è chiamato a risarcire il danno cagionato, attraverso la propria compagnia assicurativa, per la metà dei danni subiti. Questo indennizzo prescinde dall’importo del danno. In caso di concorso di colpa effettivo, invece, a seguito degli accertamenti emersi sarà il giudice ad ordinare a ciascuna delle parti in causa di risarcire l’altra, in base alla percentuale stabilita dalla sentenza.

Concorso di colpa Bonus Malus

Quando si ipotizza il concorso di colpa, il risarcimento è per prassi preceduto da una lunga istruttoria di cui si occupano giudici e periti delle compagnie coinvolte. L’istruttoria serve a verificare la percentuale di colpa degli assicurati coinvolti e le responsabilità. Bisogna sempre ricordare che con il concorso di colpa classe di merito non varia: non è infatti prevista la retrocessione della classe universale del contraente. Il concorso al 50% non comporta la retrocessione della classe di merito, non fa scattare il Malus e non implica l’aumento del premio dell’assicurazione RCA. Nessuna penalizzazione viene inoltre applicata al conducente corresponsabile con una percentuale di responsabilità minoritaria.

Per evitare perdite di tempo supplementari in caso di incidente o rallentare le pratiche per ottenere l’indennizzo, è fondamentale essere sempre in regola con l’assicurazione auto. Se la tua sta per scadere, pensi di pagare troppo o vuoi guardarti intorno, sfrutta il nostro comparatore. Inserendo poche semplici informazioni riceverai le quotazioni delle migliori compagnie online. Salva il preventivo gratuito e decidi se convalidarlo entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Danni caduta alberi: chi li risarcisce?

La caduta alberi è un evento sempre più frequente a causa dei cambiamenti climatici. In caso di piogge abbondanti o forte vento, il pericolo caduta alberi aumenta mettendo a repentaglio anche i veicoli in sosta. Se si verifica la caduta di un albero su un’automobile, chi paga i danni? La prima tutela per gli automobilisti

CONTINUA A LEGGERE

Fondo vittime della strada: quando richiederlo, quali sono i massimali

Restare coinvolti in un incidente con un veicolo non assicurato è un evento che si verifica purtroppo spesso. Nonostante l’obbligatorietà della polizza RC Auto, infatti, sono frequenti i casi simili. Chi paga i danni quando si verificano? Il Fondo Vittime della Strada interviene proprio per risarcire i soggetti coinvolti in sinistri del genere. Qual è

CONTINUA A LEGGERE

Rinnovo patente dopo gli 80 anni: scadenze e limitazioni

Il rinnovo della patente di guida è un’operazione semplice che va effettuata a cadenze prestabilite. Ma ogni quanto si rinnova la patente? La scadenza patente dipende dall’età. Il rinnovo patente dopo 80 anni, ad esempio, segue delle regole ben precise. Scopriamo quali sono, qual è la procedura da seguire e quali documenti servono. Rinnovo patente

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Calcolo rata mutuo: come fare

Il calcolo rata mutuo è una procedura indispensabile per chiunque si appresti a richiedere un finanziamento per acquistare l’immobile. Prima di chiedere un mutuo, infatti, è molto utile calcolare in anticipo l’entità della rata che si sarà chiamati a versare mensilmente. Scopriamo come si calcola rata mutuo e quali sono i simulatori mutuo più semplici

CONTINUA A LEGGERE

Preventivo assicurazione auto: come calcolarlo e risparmiare sulla RCA

La ricerca di una polizza RC Auto conveniente passa attraverso il miglior preventivo assicurazione auto. Sul mercato sono presenti le offerte di tutte le compagnie assicurative: come rintracciare quella migliore? La prima considerazione da fare è banale: non esiste la migliore, ma solo quella più adatta alle proprie esigenze. Per risparmiare sulla RC Auto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

RC Auto familiare: 5 cose da sapere

La RC Auto familiare è la grande novità del 2020 sul tema assicurazione auto. Introdotto dalla modifica dell’articolo 134 del Codice delle Assicurazioni Private (CAP), questo provvedimento estende e migliora i benefici della Legge Bersani. L’epicentro della norma è la ereditarietà della classe di merito. Chi può aderire e cosa bisogna sapere sulla Rca familiare? Cos’è

CONTINUA A LEGGERE

Indennizzo diretto: cos’è, come funziona

L’indennizzo diretto prevede la possibilità di richiedere il risarcimento danni direttamente alla propria compagnia assicurativa. La norma del risarcimento diretto è stata introdotta dal 1° febbraio 2007 per effetto del Decreto Bersani e trova riscontro nell’art 149 codice assicurazioni. L’art 149 cda spiega che “in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per

CONTINUA A LEGGERE