assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

Come leggere il libretto di circolazione

Come leggere il libretto di circolazione

Rilasciato dalla Motorizzazione Civile insieme alla targa in caso di nuova immatricolazione o di rinnovo, il libretto di circolazione rappresenta la “carta d’identità” della nostra automobile. Tale documento è infatti necessario alla circolazione del veicolo e deve essere sempre portato con sé dal conducente per poter circolare. Contiene i dati relativi alle caratteristiche tecniche del veicolo e viene ritirato qualora questi sia sottoposto a sequestro, confisca o fermo amministrativo. È inoltre importante sapere che il suo possesso non costituisce prova della proprietà del veicolo in questione.

Come è divisa la carta di circolazione

Il libretto è composto da due facciate suddivise in quattro quadranti. Sul retro vengono riportati gli aggiornamenti, ovvero gli eventuali trasferimenti di proprietà del veicolo e i risultati delle revisioni, oltre alla leggenda relativa al significato dei codici. Nel primo quadrante vengono riportati i dati che identificano il veicolo e il suo proprietario. Il secondo raggruppa le informazioni su marca e modello della vettura insieme ad altri dati tecnici ad essa inerenti. Nel terzo e nel quarto, invece, ci sono informazioni scritte per esteso e senza codici. Di norma si tratta delle dimensioni del veicolo, del rapporto potenza/tara (indispensabile da conoscere se si è neopatentati), e della classe di omologazione ambientale.

Come leggere la carta di circolazione

A questo punto siamo pronti a scoprire il significato dei codici comunitari riportati sul nostro libretto di circolazione auto.

  •         A – Targa del veicolo
  •         B – Data di prima immatricolazione
  •         C – Sezione riservata ai dati del proprietario
  •         C1.1 e C1.2 – Dati intestatario della carta di circolazione
  •         C2.1 e C2.2 – Nome e cognome del proprietario del veicolo
  •         C3 – Persona fisica che può utilizzare il veicolo oltre al proprietario
  •         C3.1, C3.2 e C3.3 – Nome, cognome e indirizzo del soggetto
  •         D.1 – Marca
  •         D.2 – Modello
  •         D.3 – Denominazione commerciale
  •         E – Numero di identità del veicolo, numero del telaio
  •         F – Massa
  •         F.1 – Massa massima ammissibile
  •         F.2 – Masa massima ammissibile del veicolo in servizio nello Stato di immatricolazione
  •         F.3 – Massa massima ammessa dell’insieme
  •         G – Massa del veicolo in servizio carrozzato in kg
  •         H – Durata di validità, se non illimitata
  •         I – Data di immatricolazione alla quale si riferisce il libretto
  •         J – Categoria del veicolo
  •         J.1 – Destinazione e uso del veicolo
  •         J.2 – Carrozzeria del veicolo
  •         K – Numero di omologazione
  •         L – Numero di assi
  •         M – Interasse
  •         N – Per mezzi di massa superiore alle 3,5 tonnellate, indica la ripartizione della massa sui vari assi identificati come N.1, N.2, N.3, N.4 e N.5
  •         O – Massa massima ammessa a rimorchio
  •         O.1 – Rimorchio frenato espresso in chilogrammi
  •         O.2 – Rimorchio non frenato espresso in chilogrammi
  •         P – Motore
  •         P.1 – Cilindrata
  •         P.2 – Potenza massima (in KW)
  •         P.3 – Tipo di alimentazione
  •         P.4 – Regime motore in giri/min al quale è espressa la potenza
  •         P.5 – Numero di serie del motore
  •         Q – Rapporto peso/potenza per i motocicli, espresso in Kw/Kg
  •         R – Colore
  •         S – Posti a sedere
  •         S.1 – Numero di posti a sedere compreso il conducente
  •         S.2 – Numero di posti in piedi eventualmente disponibili
  •         T – Velocità massima
  •         U – Rumorosità in decibel
  •         U.1 – Rumorosità in decibel a veicolo fermo
  •         U.2 – Rumorosità in decibel a regime motore in giri/min
  •         U.3 – Rumorosità in decibel a veicolo in marcia
  •         V – Emissioni inquinanti espresse in g/km o g/kwh.
  •         V.1 – Co Co2; V.2 – HC; V.3 NOx; V.4 – HC + NOx; V.5 particolato (per motori diesel); V.6 – regime di assorbimento per motori diesel (in giri/min); V.7 – Co2; V.8 – consumo dichiarato in litri/100 km nel ciclo misto; V.9 – Classe di emissioni inquinanti (Euro 1, Euro 2, ecc…)

Libretto obbligatorio a bordo, tagliando assicurazione no. Ma…

Presa familiarità con l’alfabeto del vostro libretto di circolazione, è meglio ricordare alcune regole fondamentali. La sua presenza a bordo è obbligatoria, mentre dal 18 ottobre 2015 non lo è più esporre il tagliando di assicurazione. I controlli sulla polizza RCA vengono infatti effettuati attraverso la targa. Ciò significa che è comunque fondamentale essere in regola con il pagamento della assicurazione auto. Potrai scegliere quella più adatta consultando le migliori offerte presenti sul mercato e generando un preventivo gratuito che avrà validità 60 giorni.

News

L’assicurazione autobus e filobus

L’assicurazione autobus e filobus è stato modificato: 2018-04-02 di Marco L’assicurazione autobus e filobus Quando ci riferiamo all’autobus, pensiamo subito ai mezzi pubblici cittadini. Invece sono moltissimi i mezzi privati come autobus, filobus, miniautobus e minivan di proprietà di compagnie di trasporto ma anche di scuole e hotel. Per autobus si intende infatti un qualsiasi

CONTINUA A LEGGERE

Come leggere il libretto di circolazione

Come leggere il libretto di circolazione è stato modificato: 2018-03-14 di Marco Come leggere il libretto di circolazione Rilasciato dalla Motorizzazione Civile insieme alla targa in caso di nuova immatricolazione o di rinnovo, il libretto di circolazione rappresenta la “carta d’identità” della nostra automobile. Tale documento è infatti necessario alla circolazione del veicolo e deve

CONTINUA A LEGGERE

Pneumatici invernali: cosa sono e quali scegliere

Pneumatici invernali: cosa sono e quali scegliere è stato modificato: 2018-03-14 di Marco Pneumatici invernali: cosa sono e quali scegliere Con la legge non si scherza e con la sicurezza neppure. Una direttiva del 2013 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha previsto che l’Ente proprietario della strada, e/o il gestore possano, dal 15

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione moto: cosa rischia chi circola senza

Assicurazione moto: cosa rischia chi circola senza è stato modificato: 2018-03-14 di Marco Assicurazione moto: cosa rischia chi circola senza Moto, che passione! In Italia è in continua crescita il numero delle due ruote a motore in circolazione su strada. Le ultime rilevazioni ACI sul parco veicolare forniscono un dato vicino ai sette milioni, con

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Eccesso di velocità: quali effetti sulla assicurazione auto?

Eccesso di velocità: quali effetti sulla assicurazione auto? è stato modificato: 2018-03-14 di Marco Eccesso di velocità: quali effetti sulla assicurazione auto? Sei appena stato multato per eccesso di velocità e vuoi sapere se ci saranno ripercussioni anche sul premio della tua assicurazione auto? Allora questo è il posto giusto per te! Come saprai, il

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto aziendale: cos’è e come funziona

Assicurazione auto aziendale: cos’è e come funziona è stato modificato: 2018-03-01 di Marco Nel mare magnum delle assicurazioni auto trovano una loro collocazione anche le polizze riservate ai veicoli aziendali. Questa particolare tipologia è riferita a contratti su vetture possedute, a titolo di proprietà o di leasing, dalle aziende per i propri dipendenti. L’assicurazione auto

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione auto d’inverno: i consigli per viaggiare sicuri

Manutenzione auto d’inverno: i consigli per viaggiare sicuri è stato modificato: 2018-02-08 di Marco Il clima mite che ha caratterizzato le festività natalizie e si è protratto per buona parte del gennaio italiano non tragga in inganno. Nuovi sprazzi del “Generale Inverno” sono infatti previsti a febbraio e ci costringeranno a difenderci dalle sue temperature

CONTINUA A LEGGERE