Come leggere il libretto di circolazione

Come leggere il libretto di circolazione

Rilasciato dalla Motorizzazione Civile insieme alla targa in caso di nuova immatricolazione o di rinnovo, il libretto di circolazione rappresenta la “carta d’identità” della nostra automobile. Tale documento è infatti necessario alla circolazione del veicolo e deve essere sempre portato con sé dal conducente per poter circolare. Contiene i dati relativi alle caratteristiche tecniche del veicolo e viene ritirato qualora questi sia sottoposto a sequestro, confisca o fermo amministrativo. È inoltre importante sapere che il suo possesso non costituisce prova della proprietà del veicolo in questione.

Come è divisa la carta di circolazione

Il libretto è composto da due facciate suddivise in quattro quadranti. Sul retro vengono riportati gli aggiornamenti, ovvero gli eventuali trasferimenti di proprietà del veicolo e i risultati delle revisioni, oltre alla leggenda relativa al significato dei codici. Nel primo quadrante vengono riportati i dati che identificano il veicolo e il suo proprietario.

Il secondo raggruppa le informazioni su marca e modello della vettura insieme ad altri dati tecnici ad essa inerenti. Nel terzo e nel quarto, invece, ci sono informazioni scritte per esteso e senza codici. Di norma si tratta delle dimensioni del veicolo, del rapporto potenza/tara (indispensabile da conoscere se si è neopatentati), e della classe di omologazione ambientale.

Come leggere la carta di circolazione

A questo punto siamo pronti a scoprire il significato dei codici comunitari riportati sul nostro libretto di circolazione auto.

  •         A – Targa del veicolo
  •         B – Data di prima immatricolazione
  •         C – Sezione riservata ai dati del proprietario
  •         C1.1 e C1.2 – Dati intestatario della carta di circolazione
  •         C2.1 e C2.2 – Nome e cognome del proprietario del veicolo
  •         C3 – Persona fisica che può utilizzare il veicolo oltre al proprietario
  •         C3.1, C3.2 e C3.3 – Nome, cognome e indirizzo del soggetto
  •         D.1 – Marca
  •         D.2 – Modello
  •         D.3 – Denominazione commerciale
  •         E – Numero di identità del veicolo, numero del telaio
  •         F – Massa
  •         F.1 – Massa massima ammissibile
  •         F.2 – Masa massima ammissibile del veicolo in servizio nello Stato di immatricolazione
  •         F.3 – Massa massima ammessa dell’insieme
  •         G – Massa del veicolo in servizio carrozzato in kg
  •         H – Durata di validità, se non illimitata
  •         I – Data di immatricolazione alla quale si riferisce il libretto
  •         J – Categoria del veicolo
  •         J.1 – Destinazione e uso del veicolo
  •         J.2 – Carrozzeria del veicolo
  •         K – Numero di omologazione
  •         L – Numero di assi
  •         M – Interasse
  •         N – Per mezzi di massa superiore alle 3,5 tonnellate, indica la ripartizione della massa sui vari assi identificati come N.1, N.2, N.3, N.4 e N.5
  •         O – Massa massima ammessa a rimorchio
  •         O.1 – Rimorchio frenato espresso in chilogrammi
  •         O.2 – Rimorchio non frenato espresso in chilogrammi
  •         P – Motore
  •         P.1 – Cilindrata
  •         P.2 – Potenza massima (in KW)
  •         P.3 – Tipo di alimentazione
  •         P.4 – Regime motore in giri/min al quale è espressa la potenza
  •         P.5 – Numero di serie del motore
  •         Q – Rapporto peso/potenza per i motocicli, espresso in Kw/Kg
  •         R – Colore
  •         S – Posti a sedere
  •         S.1 – Numero di posti a sedere compreso il conducente
  •         S.2 – Numero di posti in piedi eventualmente disponibili
  •         T – Velocità massima
  •         U – Rumorosità in decibel
  •         U.1 – Rumorosità in decibel a veicolo fermo
  •         U.2 – Rumorosità in decibel a regime motore in giri/min
  •         U.3 – Rumorosità in decibel a veicolo in marcia
  •         V – Emissioni inquinanti espresse in g/km o g/kwh.
  •         V.1 – Co Co2; V.2 – HC; V.3 NOx; V.4 – HC + NOx; V.5 particolato (per motori diesel); V.6 – regime di assorbimento per motori diesel (in giri/min); V.7 – Co2; V.8 – consumo dichiarato in litri/100 km nel ciclo misto; V.9 – Classe di emissioni inquinanti (Euro 1, Euro 2, ecc…)

Libretto obbligatorio a bordo, tagliando assicurazione no. Ma…

Presa familiarità con l’alfabeto del vostro libretto di circolazione, è meglio ricordare alcune regole fondamentali. La sua presenza a bordo è obbligatoria, mentre dal 18 ottobre 2015 non lo è più esporre il tagliando di assicurazione. I controlli sulla polizza RCA vengono infatti effettuati attraverso la targa. Ciò significa che è comunque fondamentale essere in regola con il pagamento della assicurazione auto. Potrai scegliere quella più adatta consultando le migliori offerte presenti sul mercato e generando un preventivo gratuito che avrà validità 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Giubbino ciclismo: quando e dove è obbligatorio

Giubbino ciclismo: quando e dove è obbligatorio Quando si va in bicicletta look e sicurezza non sempre vanno d’accordo. L’irresistibile richiamo della moda o la voglia di immedesimarsi negli idoli ammirati in tv, porta spesso i ciclisti della domenica a trascurare l’aspetto basilare. Da sempre utenti deboli della strada, infatti, gli amanti delle due ruote

CONTINUA A LEGGERE

Ecotassa auto 2019: chi deve pagarla, costi, FAQ

Ecotassa auto 2019: chi deve pagarla, costi, FAQ Tra le novità introdotte dalla Legge di Bilancio 2019 varata dal Governo Lega-M5S alcune riguardano il settore auto. Sono stati previsti infatti incentivi e imposte volte a favorire la conversione verso la mobilità sostenibile, garantita dall’ingresso massiccio sul mercato di auto elettriche e ibride plug-in. Accanto all’Ecobonus

CONTINUA A LEGGERE

Limiti di velocità e autovelox: Google Maps li segnala

Limiti di velocità e autovelox: Google Maps li segnala Il piacere di guidare una automobile si scontra spesso con gli obblighi connessi. Tra quelli di ogni guidatore, oltre alla stipula di una regolare assicurazione RC auto, c’è il rispetto dei limiti di velocità. Oltre a determinare multe e sanzioni, la loro mancata osservanza rischia di

CONTINUA A LEGGERE

Ecobonus moto: condizioni, rottamazione, abbigliamento

Ecobonus moto: condizioni, rottamazione, abbigliamento La Legge di Bilancio 2019 ha previsto alcune norme volte a incentivare la conversione verso una mobilità sostenibile. In vista di un allineamento alle direttive dell’Europarlamento, il Governo M5S – Lega ha inserito nel testo due interessanti novità: Ecobonus ed Ecotassa. Finora se ne è parlato quasi esclusivamente in ambito

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE

Fattura elettronica: cos’è e come funziona

Se hai un’attività, che sia un’azienda, un negozio o una semplice partita Iva, sarai già venuto a conoscenza di questa temibile fatturazione elettronica. Cos’è? Come funziona? Quanto costa? Chi può evitare di emetterla? Fattura elettronica: cosa è La fattura elettronica è stata introdotta con la Finanziaria del 2018 ed è diventata obbligatoria e operativa il

CONTINUA A LEGGERE

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo Per i ciclisti che non hanno la fortuna di vivere in posti caldi o quelli particolarmente intolleranti alle temperature rigide, l’inverno è un periodo particolarmente complicato per mantenere rapporti cordiali con la propria due ruote. A maggior ragioni i mesi freddi sono quelli in più è

CONTINUA A LEGGERE