Come immatricolare un’auto nuova

Come immatricolare un’auto nuova

L’immatricolazione auto è la procedura che consiste nell’assegnazione della targa e nell’iscrizione del veicolo al registro del PRA con il rilascio del libretto di circolazione. Le operazioni necessarie a compierla servono a regolarizzare la proprietà del mezzo e la sua circolazione. Chiunque acquisti un’automobile nuova è tenuto ad immatricolarla nel paese in cui risiede, ma può utilizzare anche una residenza secondaria. L’immatricolazione auto è obbligatoria per legge e prevede sanzioni per i trasgressori.

Immatricolazione auto: a chi spetta?

Se si acquista un’auto in pronta consegna, sarà il concessionario (attraverso un’agenzia di pratiche auto) a farsi carico di tutte le pratiche amministrative propedeutiche all’immatricolazione. La procedura avviene per la maggior parte in via telematica e i tempi sono legati alla consegna della targa auto e alla stampa del libretto. Di norma non si superano i tre giorni lavorativi. Soltanto una volta stipulata la regolare assicurazione auto, si potrà ritirare la vettura e circolare su strada. L’iscrizione al PRA può essere invece effettuata entro 30 giorni dal rilascio del libretto di circolazione.

Immatricolazione auto: cosa occorre

All’atto dell’acquisto il futuro proprietario dovrà fornire al venditore i seguenti documenti.

  • Copia del documento d’identità in corso di validità
  • Codice fiscale
  • Modulo TT2120: dichiarazione sostitutiva del certificato di residenza

Qualora l’acquirente intenda effettuare personalmente la procedura per un’auto nuova, dovrà inoltre essere impossesso anche dell’atto di vendita del veicolo. Questo documento verrà rilasciato dal concessionario. Una volta ottenuto, bisognerà collegarsi allo Sportello telematico dell’Automobilista (STA) per completare la domanda che verrà inoltrata agli uffici della Motorizzazione Civile e all’ACI. Oltre alla documentazione di cui sopra, andranno allegati anche i modelli NP2C (necessario per l’iscrizione al PRA) e NP2D (nel caso in cui sia stato effettuato un atto di vendita) reperibili presso il sito della Motorizzazione.

Immatricolazione auto: costi

Il costo dell’immatricolazione varia a seconda della provincia di residenza. Questi sono quelli fissi.

  • Emolumenti ACI: 27 euro
  • Iscrizione al PRA: 32 euro
  • Rilascio della carta di circolazione: 32 euro
  • Diritti di trasporto: 10,20 euro

A questi si aggiungono i seguenti costi variabili.

  • IPT: l’Imposta Provinciale di Trascrizione dipende dalla potenza del mezzo e dalle tariffe della provincia di residenza. Si ottiene calcolando per 4,56 il numero di KW.
  • Costo della targa: anche questo dipende esclusivamente dalla provincia.

Il calcolo è presto fatto. Per immatricolare un’utilitaria, di solito con potenza inferiore ai 53KW, serviranno in media 300-350 euro.

Immatricolazione auto: le sanzioni

Chi trasgredisce le regole relative all’immatricolazione auto è soggetto a una multa minima di 422 euro e può incorrere nel sequestro del veicolo. Se non si registra il veicolo al PRA entro 60 giorni, si paga inoltre una sanzione pari al 30% dell’IPT più i relativi interessi. I veicoli di San Marino, Gibilterra, Isole Canarie e i rimorchi di massa complessiva tra 3,5 e 6 tonnellate non possono essere immatricolati mediante lo STA.

È opportuno ricordare che dopo aver ottenuto il numero di targa si dovrà immediatamente provvedere a stipulare una polizza RC auto. Per farlo ti consigliamo di consultare il nostro sito, sul quale potrai comparare le migliori offerte delle compagnie assicurative. Una volta scelta quella più adatta a te potrai generare un preventivo che resterà valido 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Carta di circolazione moto: cos’è, come leggerla

“Favorisca patente e libretto”. Quante volte ci è capitato di imbatterci in una frase del genere? Se siete stati guidatori fortunati l’avrete ascoltata magari soltanto in tv, ma se circolate su strada da tanto è inevitabile non essere stati almeno una volta i destinatari della richiesta. I documenti richiesti dalle Forze dell’Ordine nei controlli di

CONTINUA A LEGGERE

Auto per disabili: agevolazioni acquisto, assicurazione e bollo

In Italia ci sono oltre 4,5 milioni di disabili. 160.000 sono invece le patenti B speciali attive, ovvero quelle riservate alle persone affette da handicap e che permettono di guidare auto per disabili. Lo Stato e le singole regioni prevedono diversi aiuti per il loro acquisto. Scopriamo insieme di quali si tratta e come accedervi.

CONTINUA A LEGGERE

Incidente in famiglia: si viene risarciti dall’assicurazione?

Restare coinvolti in un incidente stradale. Una paura recondita per la maggior parte degli automobilisti, una spiacevole circostanza capitata a molti. Una volta valutate le condizioni fisiche e del veicolo e accertate le responsabilità, facendo affidamento sull’assicurazione responsabilità civile obbligatoria per legge, giunge il momento di ricevere l’indennizzo. A questo punto sarà la compagnia assicuratrice

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE

Come proteggere gli animali dai botti

Come proteggere gli animali dai botti I botti, i petardi e i fuochi d’artificio sono frequentissimi durante le feste, specialmente a Capodanno, dove purtroppo fanno danni anche tra le persone. Ogni anno seguiamo il bollettino in tv: ragazzi che perdono dita o perfino interi arti, per il divertimento di una sera. Quello a cui pochi

CONTINUA A LEGGERE

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE