assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

Come immatricolare un’auto nuova

Come immatricolare un’auto nuova

L’immatricolazione auto è la procedura che consiste nell’assegnazione della targa e nell’iscrizione del veicolo al registro del PRA con il rilascio del libretto di circolazione. Le operazioni necessarie a compierla servono a regolarizzare la proprietà del mezzo e la sua circolazione. Chiunque acquisti un’automobile nuova è tenuto ad immatricolarla nel paese in cui risiede, ma può utilizzare anche una residenza secondaria. L’immatricolazione auto è obbligatoria per legge e prevede sanzioni per i trasgressori.

Immatricolazione auto: a chi spetta?

Se si acquista un’auto in pronta consegna, sarà il concessionario (attraverso un’agenzia di pratiche auto) a farsi carico di tutte le pratiche amministrative propedeutiche all’immatricolazione. La procedura avviene per la maggior parte in via telematica e i tempi sono legati alla consegna della targa auto e alla stampa del libretto. Di norma non si superano i tre giorni lavorativi. Soltanto una volta stipulata la regolare assicurazione auto, si potrà ritirare la vettura e circolare su strada. L’iscrizione al PRA può essere invece effettuata entro 30 giorni dal rilascio del libretto di circolazione.

Immatricolazione auto: cosa occorre

All’atto dell’acquisto il futuro proprietario dovrà fornire al venditore i seguenti documenti.

  • Copia del documento d’identità in corso di validità
  • Codice fiscale
  • Modulo TT2120: dichiarazione sostitutiva del certificato di residenza

Qualora l’acquirente intenda effettuare personalmente la procedura per un’auto nuova, dovrà inoltre essere impossesso anche dell’atto di vendita del veicolo. Questo documento verrà rilasciato dal concessionario. Una volta ottenuto, bisognerà collegarsi allo Sportello telematico dell’Automobilista (STA) per completare la domanda che verrà inoltrata agli uffici della Motorizzazione Civile e all’ACI. Oltre alla documentazione di cui sopra, andranno allegati anche i modelli NP2C (necessario per l’iscrizione al PRA) e NP2D (nel caso in cui sia stato effettuato un atto di vendita) reperibili presso il sito della Motorizzazione.

Immatricolazione auto: costi

Il costo dell’immatricolazione varia a seconda della provincia di residenza. Questi sono quelli fissi.

  • Emolumenti ACI: 27 euro
  • Iscrizione al PRA: 32 euro
  • Rilascio della carta di circolazione: 32 euro
  • Diritti di trasporto: 10,20 euro

A questi si aggiungono i seguenti costi variabili.

  • IPT: l’Imposta Provinciale di Trascrizione dipende dalla potenza del mezzo e dalle tariffe della provincia di residenza. Si ottiene calcolando per 4,56 il numero di KW.
  • Costo della targa: anche questo dipende esclusivamente dalla provincia.

Il calcolo è presto fatto. Per immatricolare un’utilitaria, di solito con potenza inferiore ai 53KW, serviranno in media 300-350 euro.

Immatricolazione auto: le sanzioni

Chi trasgredisce le regole relative all’immatricolazione auto è soggetto a una multa minima di 422 euro e può incorrere nel sequestro del veicolo. Se non si registra il veicolo al PRA entro 60 giorni, si paga inoltre una sanzione pari al 30% dell’IPT più i relativi interessi. I veicoli di San Marino, Gibilterra, Isole Canarie e i rimorchi di massa complessiva tra 3,5 e 6 tonnellate non possono essere immatricolati mediante lo STA.

È opportuno ricordare che dopo aver ottenuto il numero di targa si dovrà immediatamente provvedere a stipulare una polizza RC auto. Per farlo ti consigliamo di consultare il nostro sito, sul quale potrai comparare le migliori offerte delle compagnie assicurative. Una volta scelta quella più adatta a te potrai generare un preventivo che resterà valido 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Viaggio last minute in montagna in Trentino Alto Adige

Viaggio last minute in montagna in Trentino Alto Adige Partire verso la fine di agosto o agli inizi di settembre è un’ottima occasione per evitare la calca, non solo al mare, ma anche in montagna! Il Trentino Alto Adige offre ancora il meglio di sé ed è una meta perfetta per un viaggio on the

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze fine estate: le migliori mete al mare

Vacanze fine estate: le migliori mete al mare Hai preferito prendere le ferie verso fine agosto, magari a inizio settembre? Le vacanze cosiddette intelligenti sono un ottimo modo per risparmiare qualche euro sul soggiorno e soprattutto per trovare meno folla in spiaggia e nei luoghi di villeggiatura. Queste sono le nostre mete preferite per potersi

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione casa vacanze: come tutelare la seconda casa

Assicurazione casa vacanze: come tutelare la seconda casa Sempre più italiani, complici alcune piattaforme che mettono facilmente in condivisione la domanda con l’offerta, stanno affittando le proprie seconde case durante le vacanze. È un ragionamento piuttosto semplice. Un immobile che non viene usato in certi periodi dell’anno dai padroni di casa può essere invece una

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Guida alla bicicletta: modelli, regole e assicurazione

Guida alla bicicletta: modelli, regole e assicurazione Bici, che passione! In Italia l’amore per le due ruote sopravvive alla crescente offerta di motori e tecnologie, come dimostrato dai dati del 2017. Nei dodici mesi dell’anno sono state vendute 1.688.000 unità sommando biciclette tradizionali ed elettriche. La tipologia più acquistata è la city-bike, che si lascia

CONTINUA A LEGGERE

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene Il conto in banca scende ma la necessità di acquistare un’auto nuova si fa sempre più stringente? Niente paura. Anche in un periodo di recessione economica sarà possibile soddisfare il proprio bisogno di cambiare vettura. Purché, che sia essa nuova o usata, non si decida di comprarla in

CONTINUA A LEGGERE

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo

CONTINUA A LEGGERE

Il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine Utilizzare l’automobile solo quando serve davvero e pagarla a consumo. Se il car sharing, pratica introdotta in Italia da pochi anni e diventata subito prassi, ha aperto una strada, il noleggio a lungo termine appare pronto a solcarla. Di cosa si tratta? Nato come servizio per le aziende, che se

CONTINUA A LEGGERE