Come conoscere la classe di merito dalla targa

La classe di merito è uno degli elementi più impattanti sul costo del premio che si paga per l’assicurazione auto. Quando si decide di cambiare polizza, sapere a quale classe di merito assicurazione auto si appartiene è fondamentale per risparmiare.  Scopriamo com’è possibile risalire alla classe di merito auto soltanto conoscendo la targa.

Cos’è la classe di merito

La classe di merito è un indice che le compagnie assicurative usano per calcolare il rischio da associare al contraente. Tramite la valutazione della classe assicurazione viene determinato il grado di pericolosità dell’automobilista. Nella determinazione della classe di rischio influiscono diverse variabili:

  • Età del conducente
  • Anni di esperienza alla guida
  • Curriculum da automobilista, ovvero numero di incidenti in cui è rimasto coinvolto

Attraverso la determinazione delle classi di merito assicurazione, dunque, si valuta il rischio con cui un’automobilista possa restare coinvolto in un incidente. Le classi di merito assicurazioni vanno dalla prima alla diciottesima. Più le classi assicurazione sono basse e meno si paga. Chi non ha mai stipulato una polizza entra dalla CU d’ingresso 14, a meno di beneficiare della Legge Bersani o della RC Auto Familiare che consente di ereditare la classe di merito di una familiare convivente.

Come conoscere la classe di merito

Conoscere la classe di merito serve per avere un’indicazione dei costi che si sosterranno in caso di cambio polizza. Per risalire alla CU basta essere in possesso dell’attestato di rischio (divenuto elettronico dal 2015), del precedente contratto di assicurazione o disporre dell’identificativo della targa. Generalmente chi decide di cambiare polizza è in possesso del precedente contratto e dispone dell’attestato di rischio. Ma cosa succede, invece, se la targa è l’unico strumento per conoscere la classe di merito:

Come risalire alla classe di merito dalla targa

Conoscere la classe di merito dalla targa è un’operazione semplice. Per farlo basta affidarsi a un comparatore online, come quello presente sul nostro sito. In questo caso basterà compilare il form con il numero della targa del veicolo che si intende assicurare e con le informazioni relative al contraente. Basterà includere dati anagrafici, regione e comune di residenza, ed eventuali garanzie accessorie da aggiungere alla polizza RC Auto. Partendo da questi dati, tutte le altre verranno prese in automatico attingendo al database ANIA (Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici), che viene aggiornato in tempo reale da tutte le compagnie assicuratrici.

Per risparmiare sulla tua prossima polizza auto, affidati a noi. Usa il nostro comparatore smart per accedere subito alle migliori offerte assicurazione auto online. Inserisci i tuoi dati e quelli del veicolo per ricevere istantaneamente le quotazioni delle compagnie più competitive. Salva sul tuo pc tutti i preventivi gratuiti di cui hai bisogno per fare la tua scelta e valutali entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE