Cilindrata minima autostrada: via libera alle moto 125

Qual è la cilindrata minima autostrada per una moto? I centauri meno informati hanno tutto il tempo per mettersi in regola. La legge sui motocicli in autostrada sta infatti per cambiare, portando con sé un’attesa rivoluzione. Il nuovo Codice della Strada proporrà un’integrazione gradita per tutti i motociclisti maggiorenni, che a breve potranno circolare con i loro scooter 125 e le moto 125 da strada anche su tangenziali e autostrade.

Cilindrata minima autostrada: cosa prevede l’articolo 175 del Codice della Strada

A tutt’oggi è l’articolo 175 CdS a disciplinare la materia. Questo dispone il divieto di circolazione sulle autostrade e sulle strade extraurbane principali di velocipedi, ciclomotori, motocicli di cilindrata inferiore a 150 cc se a motore termico e motocarrozzette di cilindrata inferiore 250 cc se a motore termico”. Il limite cilindrata autostrada per le moto è, pertanto, 150cc. La violazione dell’articolo 175 è punita con una multa da 41 a 168 euro.

Nuovo Codice della Strada: novità per scooter e moto 125

Rimasto a lungo in ghiaccio, il Ddl che prevede il transito in autostrada e tangenziale per scooter e moto 125 sta per vedere la luce. La cilindrata minima autostrada si abbassa: anche i mezzi con cubatura fino a 149cc potranno circolare sulle autostrade. Ad una sola condizione: alla loro guida dovrà esserci un maggiorenne. Allo stato attuale l’Italia è l’unico Stato membro dell’Unione Europea ad avere questa limitazione alla circolazione. La sua eliminazione è prevista nei prossimi mesi, mentre non è arrivata la fumata bianca sulla possibilità di aumentare a 150 km/h il limite massimo in autostrada.

Motociclo 125 in autostrada: con quale patente?

La novità riguardante la cilindrata moto per circolare in autostrada ne comporta anche una sul tema delle patenti moto. Fino al 2019 soltanto chi aveva conseguito la patente B prima del 1986 poteva porsi alla guida di una moto 150. Gli over 50 (o meglio: chi ha conseguito questo titolo di guida dopo il 1986) erano obbligati a prendere la patente A2 per andare in autostrada. Con le nuove modifiche cambia tutto. Chi ha conseguito la patente B negli ultimi 32 anni, infatti, è abilitato alla guida degli scooter o moto 125cc. Ciò significa che qualunque titolare di una patente B (non sono previste limitazioni per i neopatentati, ovvero i soggetti che hanno preso la patente da meno di tre anni) potrà condurre un veicolo 125cc su tangenziali o autostrade.

In attesa che la svolta sulla cilindrata minima autostrada diventi a tutti gli effetti realtà, portati avanti mettendo al sicuro te e la tua due ruote. Prima di accendere i motori e allacciare il casco è obbligatorio sottoscrivere un’assicurazione RC moto. Col comparatore di Quale.it potrai fare la scelta più adatta al tuo stile di guida. Sia se guidi la tua motocicletta tutto l’anno o se sali in sella in determinati periodi. In quel caso non sottovalutare il risparmio garantito da polizze sospendibili o temporanee, come assicurazione mensile, trimestrale o semestrale. Per ricevere un preventivo gratuito e senza impegno, valido ben due mesi, basterà inserire pochi dati: i tuoi e quelli del veicolo che intendi assicurare.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione donazione casa: cos’è e come funziona

La donazione immobiliare è una delle soluzioni più adottate dagli italiani per trasferire la proprietà di case e altri beni immobiliari quando ancora in vita ai propri eredi. La donazione permette di risparmiare su molti oneri fiscali, al momento della successione ereditaria, ma soprattutto permette di aggiungere delle clausole per i beneficiari. Perché quindi acquistare

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE