Chilometraggio taroccato sulle auto usate: come evitare le truffe?

Negli ultimi anni la compravendita di auto usate ha fatto registrare un aumento impressionante con un incremento mensile del 5-6%. Purtroppo queste cifre hanno fatto sì che aumentassero anche le truffe a danno degli acquirenti. Le più numerose sono quelle che vedono come protagonista il chilometraggio auto che spesso viene modificato dai venditori per aumentare il prezzo dei propri veicoli. È bene quindi sapere che, quando si compra un’auto usata, si ha diritto a specifiche forme di tutela.

Auto usate: gli obblighi di chi vende

Chi vende un veicolo usato è tenuto a fornire un certificato di conformità del veicolo, e cioè deve assicurare che il veicolo corrisponda alla descrizione fatta in sede di pubblicizzazione del bene prima e di contratto di acquisto poi. In particolare andranno indicate, in maniera specifica e dettagliata, tutte le informazioni sensibili sul veicolo in questione. Alla garanzia di conformità dovranno essere allegati con la necessaria documentazione:

  • L’intero equipaggiamento del veicolo e il suo valore.
  • L’esatto chilometraggio del veicolo al momento della compravendita.
  • Le scadenze della manutenzione e dell’ultima revisione effettuata.
  • Il numero e il tipo di importanti interventi di manutenzione o di modifica effettuati sul veicolo.
  • Il numero dei precedenti proprietari.
  • Il tipo di utilizzo del mezzo (se uso privato, aziendale, o altro).

La garanzia di conformità che si deve esigere dal venditore dura di norma 24 mesi e comunque mai meno di 12 mesi. Questo documento sancisce il diritto dell’acquirente di rescindere il contratto in caso di non conformità del veicolo, facendo fede alle caratteristiche e alla documentazione allegate allo stesso.

I diritti del compratore

Il compratore ha diritto a essere tutelato anche in caso di acquisto di un veicolo usato. Se le dichiarazioni del venditore nel certificato rilasciato non sono conformi alla verità il compratore può rescindere il contratto e chiedere la restituzione dell’importo versato per l’acquisto.

Se vengono trovati dei difetti nell’auto appena acquistata, il compratore li deve denunciare al venditore, che sia un privato o un concessionario, entro 60 giorni dalla loro scoperta. È al venditore che spetterà provare che il difetto sia stato causato dall’acquirente in seguito alla compravendita e non già esistente al momento della sua messa sul mercato.

Ai fini della conformità di garanzia, inoltre, vale tutto ciò che il venditore pubblicizza o dichiara durante la presentazione della vettura. Se per esempio il consumatore ha richiesto al venditore una particolare caratteristica e il venditore gli garantisce che l’auto in questione ne è provvista, qualora questo non corrispondesse a verità, il compratore ha il diritto di rescindere dal contratto.

È obbligo del venditore garantire la conformità delle sue dichiarazioni con il reale stato del veicolo. In particolare ai compratori è sempre consigliato di far controllare il veicolo da personale specializzato che può, ad esempio, riscontrare le sempre più frequenti truffe sul chilometraggio auto.

Una volta controllato il veicolo, si può procedere all’acquisto. È tempo quindi di sottoscrivere l’assicurazione RC Auto. Sei in dubbio su quale polizza fa per te? Confronta numerose offerte diverse grazie al nostro comparatore e scegli la compagnia assicurativa più vantaggiosa!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Carta di circolazione moto: cos’è, come leggerla

“Favorisca patente e libretto”. Quante volte ci è capitato di imbatterci in una frase del genere? Se siete stati guidatori fortunati l’avrete ascoltata magari soltanto in tv, ma se circolate su strada da tanto è inevitabile non essere stati almeno una volta i destinatari della richiesta. I documenti richiesti dalle Forze dell’Ordine nei controlli di

CONTINUA A LEGGERE

Auto per disabili: agevolazioni acquisto, assicurazione e bollo

In Italia ci sono oltre 4,5 milioni di disabili. 160.000 sono invece le patenti B speciali attive, ovvero quelle riservate alle persone affette da handicap e che permettono di guidare auto per disabili. Lo Stato e le singole regioni prevedono diversi aiuti per il loro acquisto. Scopriamo insieme di quali si tratta e come accedervi.

CONTINUA A LEGGERE

Incidente in famiglia: si viene risarciti dall’assicurazione?

Restare coinvolti in un incidente stradale. Una paura recondita per la maggior parte degli automobilisti, una spiacevole circostanza capitata a molti. Una volta valutate le condizioni fisiche e del veicolo e accertate le responsabilità, facendo affidamento sull’assicurazione responsabilità civile obbligatoria per legge, giunge il momento di ricevere l’indennizzo. A questo punto sarà la compagnia assicuratrice

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE

Come proteggere gli animali dai botti

Come proteggere gli animali dai botti I botti, i petardi e i fuochi d’artificio sono frequentissimi durante le feste, specialmente a Capodanno, dove purtroppo fanno danni anche tra le persone. Ogni anno seguiamo il bollettino in tv: ragazzi che perdono dita o perfino interi arti, per il divertimento di una sera. Quello a cui pochi

CONTINUA A LEGGERE

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE