Come fare il cambio residenza assicurazione auto

Il cambio residenza assicurazione auto è una procedura obbligatoria quando ci si trasferisce in un’abitazione ubicata in un comune diverso dal nostro. Cosa comporta per un contraente e quali sono le procedure da seguire? Se si beneficia della Legge Bersani cambia qualcosa tra i privilegi acquisiti? E il premio assicurativo risente del cambio assicurazione auto?

Cambio residenza assicurazione auto: procedura

Il cambio residenza assicurazione auto comporta la variazione dei dati anagrafici presenti sul contratto di assicurazione. L’intestatario della polizza auto deve quindi avvertire la propria compagnia assicurativa comunicando il suo nuovo indirizzo di casa. La comunicazione può avvenire recandosi presso la sede della compagnia, oppure contattando il servizio clienti o via PEC o Fax. Il cambio residenza auto va comunicato perché, come noto, il premio annuo varia anche in base al comune o regione in cui si vive. Ciò significa che alla scadenza del contratto, il premio può aumentare o diminuire. Inoltre non vanno dimenticate le conseguenze in caso di incidente. Qualora l’indirizzo comunicato non dovesse coincidere con quello attuale, l’assicurazione può decidere di non corrispondere l’indennizzo o di avvalersi della rivalsa.

Cambiare assicurazione auto in corso: documenti

Gli attori coinvolti quando si effettua l’assicurazione auto cambio residenza sono in realtà quattro. Oltre al contraente e alla sua compagnia assicurativa, la comunicazione va inoltrata anche alla Motorizzazione Civile e al Comune. In Municipio occorre portare patente di guida, estremi del veicolo (targa) e documento di identità in corso di validità. A questo punto si può richiedere il modulo di richiesta, da compilare e conservare fino all’aggiornamento della carta di circolazione. Sarà a questo punto il Comune a farsi carico di inoltrare la comunicazione all’ufficio provinciale della Motorizzazione Civile (UMC), che a sua volta invierà l’indirizzo aggiornato al Pubblico Registro Automobilistico (PRA). Per informazioni sullo stato della pratica è possibile contattare il numero verde 800.232323

Costo cambio residenza

L’iter per il cambio di residenza viene effettuato da una delegazione dell’ACI oppure da un’agenzia di pratiche auto. I costi sono così suddivisi:

  • Emolumenti ACI: 13,50 euro
  • Imposta di bollo per la registrazione al PRA: 32 euro se si utilizza il Certificato di Proprietà (CdP) o 48 euro se si presenta il modulo NP3C

A questi costi fissi vanno aggiunti quelli per il servizio di intermediazione, che subentrano se ci si avvale di agenzie pratiche auto. Una volta completata la procedura burocratica, come anticipato, è possibile registrare una variazione nel premio annuo. A seconda del nuovo comune di residenza, infatti, il premio assicurativo può aumentare o diminuire. Se, invece, si usufruisce della Legge Bersani, non si è sottoposti a questa regola, in quanto la classe di merito appartiene di diritto e non può cambiare.

Per rinnovare la tua assicurazione auto o sottoscrivere la prima polizza RCA, visita il nostro sito. Grazie a un comparatore intuitivo, impiegherai pochi minuti per ricevere un preventivo gratuito. Inserisci i tuoi dati e ricevi subito le quotazioni delle migliori compagnie assicurazione auto e moto. Salva quanti preventivi vuoi sul tuo pc e fai la tua scelta entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento in forma specifica RC Auto: quando si applica?

Il risarcimento in forma specifica è una particolare clausola contrattuale che si applica anche alle assicurazioni RC Auto. Questo tipo di clausola è facoltativa e non obbligatoria: garantisce sconti a chi decide di inserirla, ma vincola il contraente a rispettare alcuni paletti. Vediamo cosa si intende per risarcimento in forma specifica RCA e cosa cambia

CONTINUA A LEGGERE

Incidente con revisione scaduta: cosa si rischia con l’assicurazione

Circolare con la revisione scaduta è un azzardo che può costare molto caro. Dimenticanza per molti, preoccupante abitudine per altri, questa condotta vale per tutti la stessa sanzione. Con revisione scaduta cosa succede? Ma soprattutto, cosa accade se si incappa in un incidente senza aver sostenuto il controllo periodico? Revisione auto scaduta: art.80 Codice della

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE