Caduta in bici: le 5 cose da fare subito

A chi non è successo almeno una volta nella vita? Una caduta in bici non si nega proprio a nessuno. Che si sia pedalatore improvvisati o campioni del Giro d’Italia, finire a terra quando si pedala è una possibilità da tenere in considerazione. Basta una buca, un restringimento stradale o una frenata improvvisa per rovinare una giornata all’aria aperta. Come bisogna comportarsi davanti a un episodio del genere e quali sono le cose da fare?

Scopriamolo insieme.

Cosa fare in caso di incidente con bicicletta

I ciclisti sono per definizione utenti deboli della strada. 254 sono state le vittime nell’ultimo anno monitorato, mentre i casi di infortuni nel ciclismo sono molteplici. Le cose da fare dopo una caduta in bicicletta sono poche, ma se rispettate possono salvare la vita.

  • Sgombrare la strada: se si è in grado di rialzarsi rapidamente, la prima cosa da fare è togliersi immediatamente dalla carreggiata. Soprattutto se la scivolata è avvenuta in una zona molto trafficata o, peggio ancora, in prossimità di una curva, è fondamentale togliersi per evitare di essere investiti. Questa regola vale sia se circola da soli che in gruppo
  • Spostare e controllare la bicicletta: avete mai visto le immagini della caduta in bici di un ciclista professionista? La prima cosa che farà è provare a rimontare in sella. Questa condotta è legata alla necessità di “restare in gruppo”, di non perdere tempo. Imitarli non è necessario, anzi. Bisogna infatti ricordare che allenarsi in bicicletta non significa gareggiare e che la nostra due ruote, dopo una caduta, va controllata. Ma solo dopo averla spostata dalla sede stradale. Per cui sarà cura di ogni buon ciclista spostarsi sul lato destro della carreggiata e verificare l’efficienza del mezzo per poter, eventualmente, riprendere la marcia.
  • Sedersi e non affrettare la ripartenza: l’adrenalina può giocare brutti scherzi. Le cadute in bici non presentano subito il conto, ma non vanno mai sottovalutate. Dopo essere finiti sull’asfalto (o sulla terra), è consigliato sedersi per evitare giramenti di testa e constatare la mobilità degli arti e le eventuali ferite. Queste ultime andranno disinfettate nel miglior modo possibile, con acqua se si dispone di una borraccia. Se invece si ha difficoltà con gli arti, è meglio non ripartire. La funzionalità delle mani è indispensabile per frenare e cambiare marcia, mentre un dolore alle gambe impedirà una corretta pedalata e può creare problemi sul lungo periodo. In quel caso è opportuno chiamare subito i soccorsi.
  • Chiamare aiuto: se si è in gruppo affidarsi a un altro ciclista, altrimenti bisogna fare da sé. Una volta verificate le proprie condizioni di salute e valutata l’impossibilità a proseguire la marcia, occorre chiamare i soccorsi. Se il danno è di media-grave entità, bisognerà rivolgersi al personale specializzato del 118. Se invece ci si è spaventati o non si ritiene di poter o voler proseguire, si può fare affidamento su un conoscente. Contattate la vostra “ammiraglia” di fiducia, indicate la vostra posizione utilizzando magari il GPS del telefono e fatevi recuperare in auto. Chi verrà a prendervi potrà portare con sé un kit utile per curare le ferite.
  • Documentare l’incidente: qualora si sia nella condizione di poterlo fare, è utile fare foto per testimoniare il sinistro in cui si è incappati. La documentazione prodotta sarà utile per ottenere un risarcimento se si è dalla parte della ragione.

A questo punto si è pronti per tornare in sella e riprendere la via di casa. Una caduta dalla bicicletta può provocare danni anche alla nostra due ruote. Per prevenirli o curarli è consigliato affidarsi alla migliore assicurazione presente sul mercato. Grazie alla polizza Bicicover, da sottoscrivere entro tre mesi dall’acquisto bici, la si potrà assicurare per furto totale o parziale, atti vandalici, danni elettronici o provocati da guasti e usura.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Patente A2: costi, limitazioni, foglio rosa, cosa posso guidare

Guidare una moto significa anche addentrarsi nella giungla delle patenti. Basta una sigla a definire le possibilità di un centauro: età per conseguirla, cilindrata massima consentita, limitazioni. Lo step successivo al patentino (patente AM) e alla A1, utile a condurre motocicli fino a 125cc, si chiama patente A2. Quando è possibile ottenere questa patente per

CONTINUA A LEGGERE

Costo assicurazione auto: le 7 variabili che incidono di più

Nuove forme di mobilità sostenibile, vecchi obblighi. Se si acquista un’auto, nuova o usata che sia, il primo compito è quello di sottoscrivere l’assicurazione RCA. La responsabilità civile autoveicoli è obbligatoria per legge e garantisce l’intestatario per danni cagionati a terzi in caso di incidente. Come risparmiare sulla polizza auto e quali sono le variabili

CONTINUA A LEGGERE

Le 3 piste ciclabili più belle d’Italia

Le piste ciclabili sono percorsi protetti o riservati alle biciclette, dove il traffico motorizzato è generalmente escluso. Progettate con l’obiettivo di separare il traffico ciclabile da quello motorizzato e pedonale, servono ad aumentare la sicurezza stradale. Inoltre facilitano lo scorrimento dei veicoli. Tutto rose e fiori? Non proprio, perché in Italia non sempre è facile

CONTINUA A LEGGERE

Normativa seggiolini auto: i sensori salva bebè

Le regole seggiolini auto sono in continua evoluzione. L’obiettivo è quello di proteggere al massimo la salute dei bambini e permettere loro di viaggiare sicuri. Premesso che i bambini in auto davanti non possono sedersi fino al compimento dei 12 anni di età e al superamento di 1,50 metri d’altezza, resta da capire quale sia

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Assicurazione motorino: come scegliere la polizza moto 50cc

Sulle due ruote non si scherza, specie quando si tratta di motorini e ciclomotori di bassa cilindrata. In città il motorino è un mezzo di spostamento imbattibile: comodo e agile, consente di muoversi con facilità nel traffico e negli spazi stretti. Facile vittima di ladri o di piccoli incidenti, è fondamentale scegliere l’assicurazione motorino più

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto temporanea 3 giorni: conviene?

Pagare l’assicurazione auto soltanto nei giorni in cui si circola su strada, che sia anche solo per 3 giorni? Quella che può sembrare una suggestione, è realtà ormai da tempo. Diverse compagnie assicurative mettono a disposizione dei propri clienti formule alternative per la polizza auto. Non solo assicurazioni RC tradizionali, con pagamento annuale, ma anche a

CONTINUA A LEGGERE

Contratto di locazione turistica: durata, registrazione, tassazione

Sei proprietario di una casa e vuoi affittarla per un breve periodo? Puoi farlo grazie al contratto di locazione turistica. Questa formula permette di cedere un immobile per finalità transitorie, aiutando chi cerca una casa vacanze. Le finalità del richiedente possono essere diverse: dal viaggio di riposo, di affari o a scopo curativo. Per stipulare

CONTINUA A LEGGERE

Gatto viaggio lungo macchina: 10 consigli pratici

Quando si parla di andare in vacanza con gli animali, il pensiero corre subito al cane. Tra gli amici a quattro zampe, però, rientrano anche i gatti. Soltanto in Italia questi animali domestici sono quasi 8 milioni. Non è difficile pensare che per le vacanze estive 2019 molti dei loro padroni si troveranno a viaggiare

CONTINUA A LEGGERE