Bollo moto: calcolo, pagamento

Bollo moto: calcolo, pagamento

Hai appena preso la patente A, la tua due ruote ti aspetta in garage e non vedi l’ora di partire? Alt! I tempi per allacciare il casco non sono ancora maturi. Prima di mettersi in carreggiata è meglio mettersi in regola. Diversi sono gli obblighi da osservare quando si circola in moto su strada. Ma anche quando si sta fermi. Oltre all’assicurazione è obbligatorio per legge anche il bollo moto, ovvero la tassa sul possesso del mezzo spettante a tutti i proprietari. Attenzione a non cadere nell’equivoco confondendo tra utilizzo e consumo: rispetto al passato, infatti, sono indistintamente tenuti al versamento tutti i proprietari e non solo chi intende viaggiare regolarmente. Il versamento dell’imposta è a favore delle regioni italiane. Il bollo si applica a tutti i motoveicoli (veicoli a due ruote con cilindrata superiore a 50cc) e ai ciclomotori (veicoli a due ruote con cilindrata massima di 50cc).

Bollo moto: come calcolare e quando pagare

La procedura da seguire è la stessa che si utilizza per il bollo autoveicoli. Il calcolo avviene in base alla potenza del veicolo, misurata in kW. Per effettuare il calcolo bollo moto in base ai kw ci si può rivolgere all’Agenzia delle Entrate o all’Aci. La validità è di 12 mesi. Per le nuove immatricolazioni il bollo va pagato entro il mese successivo all’evento, mentre i rinnovi vanno fatti entro un mese dalla scadenza e mai prima.

Calcolo bollo Agenzia delle Entrate

Il sito dell’Agenzia delle Entrate mette a disposizione uno strumento gratuito per il calcolo del bollo moto da pagare. Dal menù a tendina “Categoria del veicolo” bisogna spuntare “02” per “motoveicolo” o “04” per ciclomotore. La procedura semplificata si effettua tramite l’inserimento del numero di targa, quella più completa richiede anche la regione di residenza del possessore, mese e anno di scadenza, mesi di validità e codice dell’eventuale riduzione.

Calcolo ACI

L’alternativa classica, e sempre valida, è quella di procedere attraverso il sito dell’ACI. In questo caso bisogna indicare tipo di pagamento (rinnovo, prima immatricolazione, reimmatricolazione, rientro di esenzione, targa prova, integrazione, pagamento anticipato), regione di residenza, tipo di veicolo (autoveicolo, rimorchio, motoveicolo, ciclomotore, minicar), targa e codice di sicurezza

Come pagare

Il pagamento avviene tramite bollettino postale. Si può pagare presso uffici postali, ricevitorie abilitate, agenzie di pratiche auto e uffici locali ACI. Altrimenti si può effettuare il versamento direttamente online tramite il sito dell’ACI con un costo aggiuntivo di 75 centesimi. I servizi online offrono inoltre la possibilità di capire se il versamento è già stato effettuato.

Sanzioni bollo moto

Il pagamento tardivo comporta sanzioni e more direttamente proporzionali al tempo trascorso prima di rimettersi in regola. Per un ritardo compreso tra i 15 e i 30 giorni, la sanzione è pari all’1,5% dell’importo del bollo. Da uno a tre mesi è pari all’1,67%, da tre mesi a un anno del 3,75%, dopo un anno si va incontro a una multa del 30% del bollo più gli interessi dell’1% per ogni semestre di ritardo.

Adesso non ti resta che metterti in regola e completare il tutto con la migliore assicurazione moto. Sul nostro sito potrai confrontare tutte le proposte più interessanti attualmente sul mercato e scegliere quella più adatta a te dopo aver generato, gratuitamente, un preventivo che resterà valido due mesi.

 

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando La fine dell’estate è stato traumatico? Il Natale ci sembra ancora lontano? È il momento ideale per prendersi una piccola pausa e volare fuori città. Andalusia in autunno: verso l’estate Se sei ancora nostalgico della stagione calda appena conclusa, vola verso l’Andalusia, che ti regalerà un clima mite, dal

CONTINUA A LEGGERE

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli La pressione giusta delle gomme moto è argomento dibattuto tanto tra i piloti esperti quanto dai centauri alle prime armi. Del resto ruota tutto intorno a un argomento di primaria importanza: la sicurezza stradale. Circolare con la pressione pneumatici sbagliata comporta infatti enormi rischi. Qualora questi siano sgonfi si

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene L’assicurazione auto giornaliera è un particolare tipo di polizza prevista da alcune compagnie. La sua attivazione permette di assicurare la propria vettura per 24 ore. Di solito le polizze temporanee partono da un minimo di tre o cinque giorni fino a un massimo di sei mesi,

CONTINUA A LEGGERE

Furto bici: cosa fare, come evitarlo

Furto bici: cosa fare, come evitarlo Ogni anno in Italia vengono rubate 350.000 biciclette. Un dato preoccupante e che, come prevedibile, registra nelle metropoli i suoi picchi massimi, con Roma e Milano che superano i 10.000 furti bicicletta nell’arco dei 12 mesi. In media viene rubato un esemplare ogni due minuti e ritrovare la propria

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE