Bollo auto non pagato: cosa succede?

Il bollo auto è la tassa automobilistica che grava su tutti i proprietari di un veicolo. Al suo versamento, in favore delle Regioni, sono tenuti tutti i possessori, a prescindere dalla circolazione del mezzo. Si tratta infatti di un’imposta sul possesso e non sull’utilizzo del bene. Cosa accade, allora, in caso di bollo auto non pagato? Scopriamo quando serve mettersi in regola con i bolli arretrati e se è possibile non pagare bollo auto.

Bollo auto: esenzioni e scadenze

Al pagamento del bollo auto non sono tenute alcune categorie di automobilisti. Beneficiano dell’esenzione totale, ad esempio, tutti i disabili che possono avvalersi della Legge 104/92. Si tratta dei disabili psichici o mentali, non vedenti o sordi, pluriamputati con gravi limitazioni della capacità deambulatoria. L’esenzione bollo auto è applicabile alle vetture a benzina fino a 2.000cc di cilindrata e diesel fino a 2.800. L’esenzione è prevista anche per alcune categorie di vetture, come quelle alimentate a GPL o quelle a carattere storico immatricolate da almeno 30 anni. Per quanto riguarda la scadenza pagamento bollo auto, invece, corrisponde all’ultimo giorno del mese successivo a quello in cui scade il precedente bollo. Se il bollo scade a novembre 2020, quindi, va pagato entro fine ottobre.

Sanzioni mancato pagamento bollo auto

Sono previste sanzioni per il mancato pagamento bollo auto. Le penalità sono proporzionate ai giorni di ritardo e variano dallo 0,1% fino a un massimo di 3,75% in base ai giorni di ritardo. Anche i pagamenti non corretti (insufficienti) vengono sanzionati con le stesse modalità, con la differenza che la multa viene calcolata sulla cifra da versare e non sull’intero importo. Per i bolli auto arretrati si può effettuare il ravvedimento operoso entro 15 giorni, ottenendo così uno sconto sulla sanzione prevista.

Bolli auto non pagati: cosa prevede la legge

Ritrovarsi con il bollo auto non pagato è una circostanza che può capitare anche ai più precisi. In caso di bollo non pagato il sollecito è la prima azione compiuta dalla Regione. In caso di mancata risposta (pagamento), la Regione può provare a riscuotere il credito in autonomia oppure tramite un ente riscossore come l’Agenzia delle Entrate. A fronte di un rifiuto si può procedere con il fermo amministrativo del veicolo. Ma è sempre così in caso di mancato pagamento bolli arretrati?

Bollo auto non pagato: sanatoria

Il Decreto Fiscale 2019 ha cancellato tutti i debiti inferiori a 1.000 euro nel periodo tra il 2000 e il 2010. Ciò significa che chi ha un bollo auto non pagato in quel periodo, rispettando quella soglia di spesa, si è salvato e non dovrà pagare il bollo auto. Considerando che la spesa per il singolo bollo auto non eccede mai quella cifra, automaticamente dovrebbero azzerarsi anche tutte le cartelle esattoriali relative al periodo in questione.

Il bollo auto è solo una degli obblighi che hai da automobilista. Il primo e più importante è quello di essere in regola con l’assicurazione auto. Trova l’offerta su misura per te sfruttando il nostro comparatore: avrai a disposizione ben due mesi per valutare i preventivi gratuiti delle migliori compagnie online.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Come disdire assicurazione auto dopo l’abolizione del tacito rinnovo

Disdire l’assicurazione auto non è più una procedura obbligatoria per cambiare compagnia. L’abolizione del tacito rinnovo assicurazione permette infatti di non comunicare più alla propria compagnia la volontà di trasferire altrove la propria polizza RC Auto. Vediamo dunque come si può, già dal dicembre 2013, cambiare compagnia senza tacito rinnovo. Tacito rinnovo: significato e abolizione

CONTINUA A LEGGERE

Danni caduta alberi: chi li risarcisce?

La caduta alberi è un evento sempre più frequente a causa dei cambiamenti climatici. In caso di piogge abbondanti o forte vento, il pericolo caduta alberi aumenta mettendo a repentaglio anche i veicoli in sosta. Se si verifica la caduta di un albero su un’automobile, chi paga i danni? La prima tutela per gli automobilisti

CONTINUA A LEGGERE

Fondo vittime della strada: quando richiederlo, quali sono i massimali

Restare coinvolti in un incidente con un veicolo non assicurato è un evento che si verifica purtroppo spesso. Nonostante l’obbligatorietà della polizza RC Auto, infatti, sono frequenti i casi simili. Chi paga i danni quando si verificano? Il Fondo Vittime della Strada interviene proprio per risarcire i soggetti coinvolti in sinistri del genere. Qual è

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Calcolo rata mutuo: come fare

Il calcolo rata mutuo è una procedura indispensabile per chiunque si appresti a richiedere un finanziamento per acquistare l’immobile. Prima di chiedere un mutuo, infatti, è molto utile calcolare in anticipo l’entità della rata che si sarà chiamati a versare mensilmente. Scopriamo come si calcola rata mutuo e quali sono i simulatori mutuo più semplici

CONTINUA A LEGGERE

Preventivo assicurazione auto: come calcolarlo e risparmiare sulla RCA

La ricerca di una polizza RC Auto conveniente passa attraverso il miglior preventivo assicurazione auto. Sul mercato sono presenti le offerte di tutte le compagnie assicurative: come rintracciare quella migliore? La prima considerazione da fare è banale: non esiste la migliore, ma solo quella più adatta alle proprie esigenze. Per risparmiare sulla RC Auto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

RC Auto familiare: 5 cose da sapere

La RC Auto familiare è la grande novità del 2020 sul tema assicurazione auto. Introdotto dalla modifica dell’articolo 134 del Codice delle Assicurazioni Private (CAP), questo provvedimento estende e migliora i benefici della Legge Bersani. L’epicentro della norma è la ereditarietà della classe di merito. Chi può aderire e cosa bisogna sapere sulla Rca familiare? Cos’è

CONTINUA A LEGGERE

Indennizzo diretto: cos’è, come funziona

L’indennizzo diretto prevede la possibilità di richiedere il risarcimento danni direttamente alla propria compagnia assicurativa. La norma del risarcimento diretto è stata introdotta dal 1° febbraio 2007 per effetto del Decreto Bersani e trova riscontro nell’art 149 codice assicurazioni. L’art 149 cda spiega che “in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per

CONTINUA A LEGGERE