Bollo auto e moto: come cancellare quelli non pagati tra il 2000 e il 2010

Bollo auto e moto: come cancellare quelli non pagati tra il 2000 e il 2010

Il bollo auto e bollo moto sono tasse che gravano sui possessori dei veicoli, indipendentemente dal loro utilizzo. Il suo versamento è annuale e viene corrisposto alle Regioni. Nel 2019 sono cambiate le regole per quanto concerne i veicoli immatricolati da oltre venti anni e non solo. Con l’arrivo del nuovo anno, infatti, l’Agenzia delle Entrate-Riscossione ha cancellato oltre 12 milioni di posizioni debitorie non saldate. A beneficiarne è chi non ha pagato bolli, tasse e multe nel periodo dal 2000 al 2010 per un valore massimo di 1000 euro. Sono rimasti fuori dalla manovra accise, dazi, IVA all’importazione oltre a multe, ammende e sanzioni pecuniarie derivanti da provvedimenti e/o sentenze penali di condanna.

Cancellazione bollo e multe non pagati: come fare

Ottenere il condono dei bolli non pagati sarà responsabilità di chi ne vuole beneficiare. Come previsto dal decreto fiscale, infatti, il contribuente interessato alla manovra non riceverà nessuna comunicazione dell’avvenuta cancellazione del debito. Toccherà pertanto a lui informarsi per scoprire se la sua posizione debitoria è stata annullata. Per farlo sarà sufficiente consultare il sito dell’Agenzia delle Entrate e scegliere uno dei seguenti metodi.

  •         Spid: creando un’identità digitale attraversa il Sistema pubblico
  •         Utilizzando le credenziali rilasciate dall’Agenzia delle Entrate (CF, password e Pin) per accedere al cassetto fiscale o alla dichiarazione precompilata
  •         Utilizzando il Pin rilasciato dall’Inps o la Carta nazionale dei servizi

Cosa cambia per chi ha già pagato

L’altra faccia della medaglia è rappresentata da chi ha già pagato multe e ammende relative al periodo in questione, che ricordiamo essere il primo decennio del ventunesimo secolo. Il decreto prevede che le somme versate prima della sua entrata in vigore, ovvero il 24 ottobre 2018, restino acquisite in maniera definitiva, ovvero non verranno rimborsate. Gli importi versati dopo il 24 ottobre, invece, in assenza di debito, beneficeranno della rottamazione e verranno rimborsati.

Il bollo è solo uno degli obblighi di ogni automobilista e motociclista. Per mettersi in sella è obbligatorio essere in regola anche con l’assicurazione. Sul nostro sito potrai confrontare e scegliere la migliore polizza RC moto tra quelle presenti sul mercato. Ti basteranno pochi click per generare gratuitamente un preventivo valido due mesi.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Auto per disabili: agevolazioni acquisto, assicurazione e bollo

In Italia ci sono oltre 4,5 milioni di disabili. 160.000 sono invece le patenti B speciali attive, ovvero quelle riservate alle persone affette da handicap e che permettono di guidare auto per disabili. Lo Stato e le singole regioni prevedono diversi aiuti per il loro acquisto. Scopriamo insieme di quali si tratta e come accedervi.

CONTINUA A LEGGERE

Incidente in famiglia: si viene risarciti dall’assicurazione?

Restare coinvolti in un incidente stradale. Una paura recondita per la maggior parte degli automobilisti, una spiacevole circostanza capitata a molti. Una volta valutate le condizioni fisiche e del veicolo e accertate le responsabilità, facendo affidamento sull’assicurazione responsabilità civile obbligatoria per legge, giunge il momento di ricevere l’indennizzo. A questo punto sarà la compagnia assicuratrice

CONTINUA A LEGGERE

Passaggio di proprietà moto: dove farlo, documenti, costi

In Italia continua a espandersi il mercato moto. Nel 2018 sono stati immatricolati 219.465 veicoli a due ruote di cilindrata superiore a 50cc, con un +7,4% rispetto all’anno precedente, per una cifra che raggiunge 240.388 contando anche i “cinquantini”. In crescita c’è anche il mercato moto usate, che ha contribuito a far sfiorare la quota

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE

Come proteggere gli animali dai botti

Come proteggere gli animali dai botti I botti, i petardi e i fuochi d’artificio sono frequentissimi durante le feste, specialmente a Capodanno, dove purtroppo fanno danni anche tra le persone. Ogni anno seguiamo il bollettino in tv: ragazzi che perdono dita o perfino interi arti, per il divertimento di una sera. Quello a cui pochi

CONTINUA A LEGGERE

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE