Bollo auto 2020: calcolo, scadenza, costo

Bollo auto 2020: quando bisogna pagare? L’arrivo dei mesi autunnali porta con sé, come sempre, le prime voci sul bollo autoveicoli dell’anno successivo. Questa tassa sul possesso si applica a tutti i veicoli immatricolati, indipendentemente dalla loro circolazione. Qual è la scadenza bollo auto e come si calcola l’imposta sulla proprietà del veicolo?

Bollo auto 2020: quando bisogna pagare

Il bollo auto 2020 è un versamento spontaneo che va fatto se si risulta proprietari di un veicolo al Pubblico Registro Automobilistico (PRA). Non esiste una scadenza unica, perché questa dipende dalla data di immatricolazione dell’auto. Il bollo automezzi va pagato entro l’ultimo giorno del mese di immatricolazione, mentre se l’auto viene immatricolata negli ultimi giorni del mese, si può provvedere al versamento nel mese seguente. Per quanto riguarda gli anni successivi al primo, il pagamento deve essere effettuato entro l’ultimo giorno del mese successivo alla sua scadenza. Il versamento può essere effettuato presso uffici postali, tabaccherie autorizzate, sportelli ACI o sul sito ACI con carta di credito, agenzie di pratiche auto, via telefono tramite il servizio Telebollo e online sul sito delle Poste Italiane.

Sanzioni mancato pagamento bollo

La tolleranza bollo auto 2020 è di un mese. Le sanzioni variano in base al ritardo nel pagamento. Se si provvede al pagamento entro 14 giorni dalla scadenza, viene applicata una sanzione pari allo 0,1% per ogni giorni di ritardo. Tra 15 e 30 giorni di ritardo, sanzione pari all’1,5% dell’importo originario della tassa automobilistica. Fra un mese e tre mesi di ritardo, pari all’1,67% dell’importo iniziale. Tra tre mesi e un anno, pari al 3,75%. Oltre un anno, infine, la sanzione è pari al 30% della tassa dovuta, oltre agli interessi di mora che vanno calcolati per ogni semestre di ritardo. Va ricordato che il bollo autoveicolo va in prescrizione dopo tre anni e che per non pagare bollo auto, se non si è più proprietari, bisogna comunicare al PRA l’indisponibilità del veicolo.

Calcolo bollo auto 2020: come fare

Qual è il costo bollo auto 2020? Al vaglio c’è la possibilità di far pagare una quota leggermente più alta per le auto ad elevate emissioni inquinanti, per favorire così la vendita di auto elettriche o ibride. Sul prezzo del bollo auto incidono diversi fattori quali:

  • Regione di residenza
  • Potenza del motore, espressa in kW
  • Classe ambientale del veicolo

Questi sono solo alcune delle variabili che concorrono a determinare il costo bollo auto. Per effettuare comodamente il calcolo, invece, basta utilizzare strumenti online gratuiti come quelli forniti dall’ACI o dall’Agenzia dell’Entrate. Sarà sufficiente selezionare categoria e targa del veicolo, regione di residenza, anno e mese di scadenza ed eventuale codice di riduzione per vedersi restituito il valore esatto del bollo auto 2020.

Esenzione bollo auto 2020

Infine è utile ricordare che in nessun caso il mancato pagamento del bollo implica il divieto di circolazione del bollo. Tuttavia il veicolo può essere sottoposto a fermo amministrativo qualora non siano state pagate le cartelle esattoriali ricevute. Sono esentate dal pagamento bollo auto 2020 le auto immatricolate da almeno 30 anni e iscritte all’ASI, così come i veicoli di interesse storico e collezionistico che abbiano un rilievo sportivo o industriale. L’esenzione bollo auto spetta anche agli invalidi cui sia riconosciuta la legge 104/92, mentre per i veicoli immatricolati da più di 20 anni l’importo del bollo è scontato del 50%.

Oltre al bollo auto 2020, ricorda di pagare anche l’assicurazione auto. Obbligatoria per legge, la polizza RCA ti mette al sicuro in caso di incidente. Trova la tariffa più vantaggiosa scrutando tra le proposte delle migliori compagnie online. Grazie al nostro comparatore basterà inserire pochi dati per ricevere subito una quotazione gratuita e che resterà valida per due mesi.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE