Bici da corsa elettrica: modelli e vantaggi

Bici da corsa elettrica: modelli e vantaggi

Per i cultori del genere può sembrare un controsenso, quasi una sorta di provocazione. Il mercato ha però stravolto la tradizione, diffondendo a macchia d’olio produzione e acquisto. Stiamo parlando delle bici da corsa elettriche, l’ultima frontiera delle e-bike. Il 2018 ha sancito la loro consacrazione sulla scena italiana. Non bisogna confondere questo segmento con il tristemente noto “doping tecnologico”, ovvero con la diffusione (o presunta tale) dei motorini nelle gare professionistiche.

Un caso reso celebre dall’accelerazione dello svizzero Fabian Cancellara sul Muro di Grammont nel Giro delle Fiandre 2010 e che ha portato alla scoperta di un preoccupante e clamoroso sommerso. Quello di cui stiamo parlando è invece un universo assolutamente legale e che sta prendendo piega contro le resistenze dei puristi. Chi vede la bici da corsa come strumento per antonomasia per misurarsi con sé stesso, si trova ora a familiarizzare con una realtà nuova e tutta da scoprire.

Caratteristiche

Il design resta quello classico, tant’è vero che in commercio si trovano modelli dei più importanti e conosciuti marchi internazionali: Bianchi, Cipollini, Giant, Orbea, Pinarello, Wilier Triestina, solo per citarne alcuni. Se le linee non cambiano, l’unica oscillazione significativa riguarda il peso. La presenza di batteria e motore comporta infatti un cospicuo aumento (tra i 3 e i 5 chili), ma il risultato finale lascia comunque soddisfatti.

I modelli più evoluti superano di poco la soglia dei 10 kg di peso, comprendenti ovviamente il gruppo (tutta la parte meccanica, dal cambio ai freni), i cerchi e le coperture (copertoncini o tubolari) annessi. Si tratta a tutti gli effetti di bici da strada, da non confondere con le gravel bike, che hanno la possibilità di far risparmiare forze, all’occorrenza, azionando il motore nei tratti più duri del percorso o quando le energie iniziano a mancare.

Di norma il motorino bicicletta da corsa è alloggiato sotto il tubo obliquo del telaio. Attraverso un tasto, presente al di sopra, si può estrarre la batteria. Il tubo estratto comprende batteria, centralina e motore, che va a lavorare in sinergia con la trasmissione azionandosi su impulso umano.

Tipi di assistenza

Ogni bici prevede un numero di assistenze. Il ciclista può azionare il livello preferito attraverso una leva che viene apposta sul manubrio. Si può scegliere tra mancanza di assistenza (motore spento), livello minimo (intorno al 75% della potenza del motore), media (150%) e massima (intorno ai 240%). Le batterie comuni hanno una capacità di 250 Wh, ovvero circa 1000 metri di dislivello alla potenza massima. Tradotto: aiutandosi soltanto in alcuni momenti, anche alla potenza massima consentita dal motore, si possono percorrere più di 100 chilometri avendo la batteria (il cui peso è di poco superiore al chilogrammo) ancora carica a fine allenamento. La coppia proposta sui modelli più performanti supera i 60 Nm garantendo una velocità di punta, con l’ausilio del motore, vicina ai 45 km/h. Davvero niente male per una tipologia di bicicletta che si propone di catturare una fetta sempre più ampia di mercato.

Se stai pensando di affidarti a una bicicletta elettrica o se pensi di cambiare la tua, pensa subito alla sicurezza scegliendo noi. Su Quale.it potrai infatti proteggere la tua nuova due ruote, entro tre mesi dal suo acquisto, con una copertura completa e garantita contro danni, furto, incendio e tanti altri inconvenienti. Scopri i vantaggi della polizza Bicicover che assicura anche i danni elettronici provenienti da usura, cortocircuiti e sovratensioni. Ma ricorda: potrai effettuare la tua scelta soltanto entro 90 giorni dall’acquisto della tua specialissima.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Google+: perché cancellare il profilo?

Google+: perché cancellare il profilo? Perché cancellare il proprio profilo da Google+ e come farlo? Dal 2 aprile 2019 Google+ chiude i battenti. Dopo tanti anni in cui il social network di Google ha provato a dare filo da torcere a Facebook, ha finalmente perso la battaglia. Sai che molto probabilmente hai un profilo su

CONTINUA A LEGGERE

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione

Incidenti E-bike: dati, sicurezza, prevenzione L’obiettivo di rendere le strade sicure è ancora lontano dalla sua piena realizzazione. In Italia negli ultimi 17 anni la categoria più penalizzata nella riduzione del tasso di mortalità legata agli incidenti è quella dei ciclisti. Nel 2017 sono state 254 le vittime di sinistri stradali appartenenti alla categoria e

CONTINUA A LEGGERE

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente

Auto a guida autonoma: come funziona per assicurazione e patente L’introduzione della guida autonoma automobili rappresenta una svolta epocale nel settore. L’auto senza conducente corrisponde a una rivoluzione totale nel mondo della mobilità, ma non comporta un taglio definitivo col passato. Sbaglia, infatti, chi ritiene che il guidatore sia sollevato da ogni responsabilità. Per mettersi

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE

Fattura elettronica: cos’è e come funziona

Se hai un’attività, che sia un’azienda, un negozio o una semplice partita Iva, sarai già venuto a conoscenza di questa temibile fatturazione elettronica. Cos’è? Come funziona? Quanto costa? Chi può evitare di emetterla? Fattura elettronica: cosa è La fattura elettronica è stata introdotta con la Finanziaria del 2018 ed è diventata obbligatoria e operativa il

CONTINUA A LEGGERE

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo Per i ciclisti che non hanno la fortuna di vivere in posti caldi o quelli particolarmente intolleranti alle temperature rigide, l’inverno è un periodo particolarmente complicato per mantenere rapporti cordiali con la propria due ruote. A maggior ragioni i mesi freddi sono quelli in più è

CONTINUA A LEGGERE