Auto elettriche e ibride: agevolazioni e costo assicurazione

Gennaio 2020 ha confermato il boom di auto elettriche e ibride. Nel primo mese dell’anno sono state immatricolate 1.943 macchine elettriche al 100%, per una quota di mercato pari all’1,2% delle nuove immatricolazioni. Nel gennaio dell’anno precedente la stessa tipologia aveva registrato 283 immatricolazioni. A spiegare l’impennata ci sono gli incentivi statali destinati a chi acquista veicoli ibridi o elettrici. Scopriamo in quale misura e qual è il costo assicurazione per autovetture ibride.

Ecoincentivi auto elettriche e ibride: quanto si risparmia?

Come abbiamo visto a incoraggiare l’acquisto di veicoli elettrici e ibridi sono stati gli sgravi fiscali promossi dall’Ecobonus auto inserito nella Legge di Bilancio. Gli sconti per i veicoli a basso impatto ambientale sono così suddivisi:

  • Emissioni di CO2 comprese tra 0 e 20g/km: sconto tra i 4.000 e i 6.000 euro, con l’incentivo che cresce in presenza di rottamazione di un veicolo con motore Euro 1, 2, 3 e 4
  • Emissioni di CO2 comprese tra 21 e 70 g/km: bonus sull’acquisto pari a 1.500 euro senza rottamazione e 2.500 euro con rottamazione

Per beneficiare dell’Ecobonus auto occorre acquistare l’automobile entro il 31 dicembre 2021 e il suo prezzo non deve superare i 50.000 euro IVA esclusa. Come influisce, invece, l’acquisto di auto ibride o elettriche sul costo assicurazione?

Costo assicurazione auto elettriche e ibride

Perché il costo assicurazione auto elettriche e ibride è inferiore rispetto ai modelli a benzina? Come noto ad influire sul premio assicurativo concorrono variabili standard:

In questo caso, però, l’alimentazione del veicolo genera una differenza. Ciò avviene in quanto, nel determinare le proprie tariffe per i veicoli green friendly, le compagnie assicurative prendono in considerazione anche altri tre fattori:

  • Basso profilo di rischio: chi acquista un’automobile elettrica o ibrida, infatti, ha generalmente un’età avanzata, compresa tra i 40 e i 60 anni, ovvero con una buona esperienza di guida alle spalle. Si presume dunque chi la usa, sia in grado di evitare incidenti
  • Processo di combustione: l’assenza di benzina riduce al minimo i rischi potenziali di subire danni al veicolo. Per questo motivo il premio tende ad abbassarsi
  • Scarsa autonomia: il vero tallone d’Achille dei possessori, si trasforma in un quid per le compagnie. Le auto elettriche o ibride, a causa del numero ancora ridotto di colonnine di ricarica presenti sul territorio, circolano poco su strada. La conseguenza è che il rischio di incappare in incidenti si riduce e, insieme a lui, anche il costo della polizza Rc Auto

Se hai bisogno di capire quali siano le migliori auto ibride in commercio, o vuoi sottoscrivere la prima assicurazione auto o rinnovare quella in corso, affidati a noi. Il comparatore di Quale.it è al tuo servizio per garantirti la polizza RC Auto più conveniente. Inserisci i tuoi dati e quelli del veicolo che intendi assicurare e ricevi subito le quotazioni delle migliori compagnie online. Salva il preventivo gratuito e fai la tua scelta entro 60 giorni

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione donazione casa: cos’è e come funziona

La donazione immobiliare è una delle soluzioni più adottate dagli italiani per trasferire la proprietà di case e altri beni immobiliari quando ancora in vita ai propri eredi. La donazione permette di risparmiare su molti oneri fiscali, al momento della successione ereditaria, ma soprattutto permette di aggiungere delle clausole per i beneficiari. Perché quindi acquistare

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE