Auto come autocarro: quando è possibile, vantaggi, agevolazioni

Auto come autocarro: quando è possibile, vantaggi, agevolazioni

L’assicurazione autocarro si distingue da quella auto soprattutto per i vantaggi fiscali che offre. Riservata ai mezzi con portata uguale o superiore ai 35 quintali, questo tipo di polizza è stata usata indebitamente fino ad inizio secolo. L’introduzione di norme volte a contrastare elusione ed evasione fiscale, unito all’obbligo di adibire il veicolo prettamente a scopo commerciale, hanno scoraggiato i furbetti. Tuttavia riuscire ad assicurare un’auto come autocarro continua a generare alcuni vantaggi. E non è, almeno sulla carta, impossibile farlo.

Auto come autocarro: cosa dice la legge

A fare chiarezza sull’argomento è intervenuto il Ddl n.223 del 4 luglio 2006. Questi ha sancito nuove regole per l’immatricolazione dei veicoli: “Al fine di contrastare gli abusi delle disposizioni fiscali disciplinanti il settore dei veicoli – si legge – i veicoli che, a prescindere dalla categoria di omologazione, risultano da adattamenti che non ne impediscono l’utilizzo per il trasporto privato di persone sono quelli che, pur immatricolati o reimmatricolati come N1, abbiano codice di carrozzeria F0, quattro o più posti e un rapporto tra la potenza del motore (Pt), espressa in KW, e la portata (P) del veicolo, ottenuta quale differenza tra la massa complessiva (Mc) e la tara (T),espressa in tonnellate, uguale o superiore a 180”.

Pertanto si evince che non sono omologabili come autocarri quei veicoli che abbiano un rapporto potenza/portata pari o maggiore a 180kW. I Suv, classificati dall’articolo 47 del Codice della Strada come M1, ovvero “veicoli destinati al trasporto di persone, aventi al massimo otto posti a sedere oltre al sedile del conducente”, rientrano in questa tipologia nonostante la loro distinzione dagli N1, ovvero i veicoli destinati al trasporto merci e con una massa non superiore a 3,5 tonnellate. In conclusione possono essere immatricolati come autocarri i seguenti mezzi.

  •         Auto con rimorchio
  •         Veicoli adibiti al trasporto di tipo commerciale
  •         Veicoli commerciali con solo due posti per il trasporto merci

Assicurare un’auto come autocarro

Immatricolare un’auto come autocarro dà diritto a vantaggi fiscali. In termini di deduzioni è previsto l’ammortamento di un 20% annuo sul prezzo di acquisto. Inoltre si è esentati dal superbollo e si risparmia così sul bollo auto, mentre premio assicurativo e tassa IRES sono deducibili in sede di presentazione del modello 730.

Non bisogna tuttavia dimenticare che per assicurare un’auto come autocarro è necessario che questa sia adibita a scopi commerciali. Se rientri in questa casistica e vuoi risparmiare sul prezzo della tua polizza RCA, allora fai un salto sul nostro sito. Su Quale potrai confrontare le offerte delle migliori compagnie sia sull’assicurazione auto che su quella autocarro e generare gratuitamente un preventivo. Da quel momento in poi avrai 60 giorni di tempo per sciogliere i tuoi dubbi prima di prendere la decisione finale all’insegna del risparmio.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione casa eventi atmosferici: come funziona? È utile?

Assicurazione casa eventi atmosferici: come funziona? È utile? L’assicurazione casa è una delle protezioni più importanti della nostra vita. Tra le varie opzioni, ce n’è una spesso snobbata da chi vuole acquistare una polizza per la propria abitazione. La polizza casa eventi atmosferici è invece un’importante aggiunta alla propria tutela domestica. Scopriamo insieme da cosa

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento danni assicurazione casa: qual è l’iter da seguire

Risarcimento danni assicurazione casa: qual è l’iter da seguire Hai stipulato un’assicurazione casa per il tuo immobile di proprietà o per l’appartamento che abiti ed è in affitto? Hai subìto un danno e vuoi richiedere il giusto risarcimento? Scopri qual è l’iter da seguire per chiedere il risarcimento danni assicurazione casa. Comunica subito con la

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione appartamento: come funziona?

Il tuo appartamento è il posto accogliente dove torni dopo una lunga giornata di lavoro, dove i tuoi figli crescono, imparano, giocano, dove riposi, ti senti protetto. È fondamentale, quindi, volerlo assicurare per essere certi che sia sempre al sicuro, e voi al suo interno. Come funziona l’assicurazione appartamento? Scopriamolo insieme. Assicurazione casa: cosa è? L’assicurazione

CONTINUA A LEGGERE

Rendita vitalizia: cos’è? Come funziona?

La rendita vitalizia può essere un modo per rimpinguare la pensione. Molti italiani, già da anni, scelgono la rendita vitalizia come forma di pensione complementare. È un modo infatti per mettere da parte del denaro, farlo fruttare e ottenerlo indietro allo scadere del contratto. Come funziona? Rendita vitalizia: cos’è Per rendita si intende un contratto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso?

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso? Un numero in calo ma sempre consistente. In Italia sono state 103.030 le automobili rubate nel 2017. I ritrovamenti (in calo dell’11,57% rispetto all’anno precedente) sono stati in tutto 49.801. Se ne ricava che più di una vettura ogni due non torna in possesso del legittimo proprietario.

CONTINUA A LEGGERE