Attestato di rischio elettronico: ecco come guidare senza pensieri

Se sino al giugno del 2015 l’attestato di rischio era cartaceo, dal primo luglio dello stesso anno è fruibile sotto forma elettronica e può essere consultato sul sito dell’azienda assicurativa con cui è stata sottoscritta la polizza RC auto.

La dematerializzazione dell’attestato di rischio ha rappresentato un mutamento importante nelle relazioni tra utenti e compagnie di assicurazione poiché ha dato la possibilità di non recarsi più in agenzia portando a essere molto più rapido lo svolgimento delle varie pratiche. Le compagnie assicurative da parte loro sono ora in grado di visualizzare importanti informazioni tramite un archivio degli attestati di rischio dei clienti condiviso a livello nazionale.

Cos’è l’attestato di rischio?

L’attestato di rischio ha una funzione ben precisa: descrivere nel dettaglio la storia assicurativa del singolo guidatore. Le informazioni che compongono questa storia sono in particolare la classe Bonus-Malus e i sinistri collezionati alla guida del proprio automezzo nel corso degli ultimi 5 anni

Proprio per questo motivo l’attestato di rischio viene considerato fondamentale per stipulare un contratto di Responsabilità Civile per la propria auto. Proprio la sua incidenza sul prezzo dell’assicurazione consiglierebbe quindi l’opportunità di verificarne in maniera costante l’aggiornamento e la correttezza dei dati riportati.

Come si legge l’attestato di rischio

La lettura dell’attestato di rischio è piuttosto semplice in quanto il documento si compone soprattutto di due sezioni ben distinte. Nella prima parte si possono ravvisare sia la Classe Universale(CU) che le indicazioni relative all’automezzo per il quale è stata accesa la polizza. In queste indicazioni sono comprese il periodo per il quale è stata emessa la copertura assicurativa della vettura, la fascia di provenienza e quella cui è stata normalmente assegnata.

La seconda sezione è quella che va a raccontare nel dettaglio gli eventuali incidenti collezionati dal guidatore assicurato con una minuziosa descrizione, anno per anno, dei sinistri in questione. Gli incidenti sono inoltre separati in base al pagamento (liquidazione caratterizzata da responsabilità principale oppure paritaria) e alle conseguenze riportate a cose o persone. Non deve poi essere dimenticata una ulteriore sezione nella quale sono elencati i sinistri in cui sia stato concordato il concorso di colpa.

Cambio compagnia assicurativa: cosa bisogna fare?

Nel caso si sia deciso dimutare compagnia di assicurazione – perché non soddisfatti del servizio o perché si è trovata una proposta più conveniente – non si è tenuti a presentare l’attestato di rischio come era necessario una volta. Come detto infatti questo tipo di informazioni sono adesso reperibili in maniera diretta in una apposita banca dati sotto la gestione dall’Ania(Associazione Nazionale Imprese Assicuratrici) e controllata dall’IVASS, l’ente che si occupa a sua volta di sovrintendere il funzionamento del mercato assicurativo.

Gli obblighi delle compagnie di assicurazione

Le compagnie assicurative devono occuparsi di registrare, almeno 30 giorni prima della scadenza, l’attestato di rischio nella banca dati elettronica dell’Ania e quindi mettere a disposizione del cliente il documento telematico.

L’utente potrà quindi provvedere autonomamente a consultarlo in ogni momento collegandosi al sito dell’azienda con la quale ha sottoscritto la RC auto, in particolare a un’area riservata dove accedere con apposite credenziali (password, nome utente e altri dati) messe a disposizione dalla stessa impresa assicurativa.

Va comunque ricordato che l’utente può anche optare per altre modalità di ricevimento quali applicazioni per smartphone o tablet oppure tramite posta elettronica.
Per coloro che non hanno la possibilità di visualizzare online il proprio attestato di rischio rimane la possibilità di ricevere il formato cartaceo direttamente dalla compagnia assicurativa, anche se questa versione non potrà essere utilizzata per la sottoscrizione di una nuova polizza.

Qualora l’utente non dovesse riuscire a trovare il proprio attestato di rischio nella banca dati dell’ANIA nell’ambito dei tempi previsti, può ovviare sollecitando la propria compagnia assicurativa. Per farlo è necessario spedire una raccomandata nella quale dovranno essere chiaramente specificati il numero che distingue la polizza in oggetto e i suoi termini di scadenza.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Come cancellarsi da Facebook per sempre

Amore e odio per molti, Facebook è il social network più diffuso della Terra eppure non tutti lo amano. C’è chi infatti lo trova solo una perdita di tempo o un posto dove si litiga senza motivo. È in aumento, infatti, il numero di utenti italiani che hanno deciso di disattivare il proprio account definitivamente.

CONTINUA A LEGGERE

Come formattare iPhone? Ecco una guida semplice

Sei costretto a formattare il tuo iPhone? Hai necessità di ripristinare le impostazioni di fabbrica, magari per migliorarne le prestazioni o perché hai avuto un problema? Formattare l’iPhone è molto facile, non è roba da smanettoni e può farlo chiunque. Andiamo al sodo! Formattare l’iPhone: cosa fare prima di procedere La primissima cosa da fare,

CONTINUA A LEGGERE

Cambiare compagnia assicurativa: quando è possibile?

Cambiare compagnia assicurativa: quando è possibile? Quando è possibile cambiare la compagnia assicurativa alla quale ci si è rivolti per sottoscrivere la propria polizza RC Auto? La domanda può apparire banale, ma l’argomento è serio e merita un approfondimento adeguato. L’abolizione del tacito rinnovo contratto, voluta nel 2012 dal Governo Monti, ha infatti generato una

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo Per i ciclisti che non hanno la fortuna di vivere in posti caldi o quelli particolarmente intolleranti alle temperature rigide, l’inverno è un periodo particolarmente complicato per mantenere rapporti cordiali con la propria due ruote. A maggior ragioni i mesi freddi sono quelli in più è

CONTINUA A LEGGERE

Legge di Bilancio 2019: novità auto

Legge di Bilancio 2019: novità auto La Legge di Bilancio 2019 ha introdotto importanti novità nel settore auto. L’approvazione alla Camera della legge di stabilità ha infatti confermato buona parte delle voci che si erano succedute nei mesi precedenti. Gli argomenti sulla bocca di tutti sono stati sostanzialmente due: Ecobonus ed Ecotassa. Invece le modifiche

CONTINUA A LEGGERE

Abbigliamento invernale ciclismo: come vestirsi nei mesi freddi

Abbigliamento invernale ciclismo: come vestirsi nei mesi freddi Italia: terra di mare, sole e cicloamatori. Ma cosa accade quando i mesi caldi terminano e la voglia di pedalare non scema? Anche in inverno sono infatti molti i ciclisti, più o meno esperti, che non perdono il vizio di concedersi una salutare sgambata. A prescindere dal

CONTINUA A LEGGERE