assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

Attestato di rischio dinamico: cos’è e come funziona

Attestato di rischio dinamico: cos’è e come funziona

Dal 1° giugno 2018 l’attestato di rischio delle assicurazioni auto è diventato dinamico. Lo ha disciplinato il provvedimento numero 71 emanato dall’IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazione). L’obiettivo è quello di valutare con maggiore precisione la sinistrosità dell’assicurato.

Attestato di rischio: cos’è

L’attestato di rischio è il documento sul quale vengono riportati la classe Bonus-Malus e i sinistri denunciati negli ultimi cinque anni da chi abbia sottoscritto una polizza RCA. Dal 1° luglio 2015 non è più disponibile in forma cartacea, ma è presente in una banca dati gestita dall’Ania (Associazione nazionale fra le imprese assicuratrici) sotto il controllo dell’IVASS. Tale scelta è stata operata per permettere a tutte le compagnie assicurative, davanti a un cambio di fornitura, di acquisirlo senza doverlo chiedere alla precedente e al contraente. Per quest’ultimo l’attestato resterà a disposizione sul sito internet della compagnia nell’area a lui riservata, che dovrà attivare in prima persona.

Attestato di rischio dinamico: cosa comporta?

Il nuovo attestato di rischio digitale dinamico terrà conto anche dei sinistri pagati a ridosso o dopo la scadenza del contratto, anche laddove l’assicurato abbia cambiato compagnia. In questo modo saranno rimossi comportamenti elusivi o fraudolenti, a beneficio degli assicurati virtuosi. In quanto dinamico, riuscirà a includere anche quei sinistri considerati come “tardivi”. Questi incidenti sono quelli pagati dalla compagnia dopo la scadenza del contratto, ovvero quando l’assicurato ha già trasferito l’assicurazione presso un’altra compagnia. Finora, infatti, gli incidenti denunciati dopo il cambio non venivano inclusi immediatamente e gli automobilisti coinvolti beneficiavano di una classe di merito migliore di quella che avrebbero dovuto avere. Ne deriva una migliore gestione del premio, a vantaggio dei guidatori virtuosi. Inoltre dal 1° gennaio 2019 le compagnie dovranno tenere conto anche degli incidenti legati alle polizze temporanee e quelli presi in considerazione riguarderanno gli ultimi 10 anni anziché 5.

Non va dimenticato che l’attestato di rischio si configura come una delle variabili fondamentali per determinare il prezzo dell’assicurazione auto. Il consiglio è quello di verificare in maniera costante la correttezza dei dati riportati. Ma questo è solo il primo passo per risparmiare. Subito dopo sarà opportuno controllare la scadenza assicurazione e vagliare la compagnia migliore con la quale rinnovarla. Sul nostro sito potrai mettere a confronto tutte le loro proposte e generare gratuitamente un preventivo. Avrai 60 giorni di tempo a partire da allora per stabilire se è davvero l’offerta che fa per te prima di prendere una decisione definitiva.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Viaggio last minute in montagna in Trentino Alto Adige

Viaggio last minute in montagna in Trentino Alto Adige Partire verso la fine di agosto o agli inizi di settembre è un’ottima occasione per evitare la calca, non solo al mare, ma anche in montagna! Il Trentino Alto Adige offre ancora il meglio di sé ed è una meta perfetta per un viaggio on the

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze fine estate: le migliori mete al mare

Vacanze fine estate: le migliori mete al mare Hai preferito prendere le ferie verso fine agosto, magari a inizio settembre? Le vacanze cosiddette intelligenti sono un ottimo modo per risparmiare qualche euro sul soggiorno e soprattutto per trovare meno folla in spiaggia e nei luoghi di villeggiatura. Queste sono le nostre mete preferite per potersi

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione casa vacanze: come tutelare la seconda casa

Assicurazione casa vacanze: come tutelare la seconda casa Sempre più italiani, complici alcune piattaforme che mettono facilmente in condivisione la domanda con l’offerta, stanno affittando le proprie seconde case durante le vacanze. È un ragionamento piuttosto semplice. Un immobile che non viene usato in certi periodi dell’anno dai padroni di casa può essere invece una

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Guida alla bicicletta: modelli, regole e assicurazione

Guida alla bicicletta: modelli, regole e assicurazione Bici, che passione! In Italia l’amore per le due ruote sopravvive alla crescente offerta di motori e tecnologie, come dimostrato dai dati del 2017. Nei dodici mesi dell’anno sono state vendute 1.688.000 unità sommando biciclette tradizionali ed elettriche. La tipologia più acquistata è la city-bike, che si lascia

CONTINUA A LEGGERE

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene Il conto in banca scende ma la necessità di acquistare un’auto nuova si fa sempre più stringente? Niente paura. Anche in un periodo di recessione economica sarà possibile soddisfare il proprio bisogno di cambiare vettura. Purché, che sia essa nuova o usata, non si decida di comprarla in

CONTINUA A LEGGERE

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo

CONTINUA A LEGGERE

Il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine Utilizzare l’automobile solo quando serve davvero e pagarla a consumo. Se il car sharing, pratica introdotta in Italia da pochi anni e diventata subito prassi, ha aperto una strada, il noleggio a lungo termine appare pronto a solcarla. Di cosa si tratta? Nato come servizio per le aziende, che se

CONTINUA A LEGGERE