Assicurazioni auto storiche: da cosa dipendono

Il sogno di una vita per molti, uno strumento per guadagnare per altri. Possedere un’auto storica è un privilegio che accomuna diversi italiani. Come funziona, però, con le assicurazioni auto storiche? Per capirlo bisogna prima di tutto capire quali veicoli rientrino in questa categoria. C’è differenza tra un auto storica e una d’epoca? Come e quando si paga l’assicurazione veicoli storici? Scopriamolo insieme.

Auto storica o auto d’epoca?

Pochi giri di parole: chi possiede un’auto storica per passione, ha senza dubbio voglia di guidarla. La legge non ammette deroghe. Come prevede il Codice della Strada, infatti, per la sua circolazione pubblica un veicolo deve venire assicurato. Sempre il Cds, all’articolo 60, stabilisce anche le differenze tra auto d’epoca e veicolo di interesse storico. Nella categoria auto d’epoca rientrano i veicoli cancellati dal PRA per essere conservati in musei, locali pubblici o privati. Lo scopo della conservazione è la salvaguardia delle originarie caratteristiche tecniche specifiche della casa costruttrice. Ciò significa che le auto d’epoca non devono essere modificate. Tali veicoli, inoltre, non possono circolare su strada se non in occasione di manifestazioni o raduni autorizzati. Per loro è obbligatoria l’iscrizione a un elenco specifico presso il Centro storico del Dipartimento per i trasporti terrestri.

Le auto di interesse storico o collezionistico, invece, non sono radiate dal Pubblico Registro Automobilistico. Queste devono aver superato i 20 anni dalla data di prima immatricolazione e possono circolare su strada a condizione di possedere i requisiti previsti. Devono essere iscritte a un registro storico tra ASI, Italiano FIAT, Italiano Alfa Romeo, Storico FMI e Storico Lancia. Per essere considerate auto storiche, inoltre, è necessario il rilascio del CRS, ovvero il Certificato di Rilevanza Storico Collezionistica. Qual è dunque la differenza tra assicurazioni auto storiche e assicurazione auto d’epoca?

Assicurazione auto storiche e auto d’epoca: differenze

Come effettuare l’assicurazione auto storica? Una volta fatta l’iscrizione all’ASI, la procedura è semplice. Basta richiedere un preventivo e, sulla base delle proprie abitudini di guida, sottoscrivere la polizza migliore. Va considerato che, di norma, i registri storici possiedono convenzioni per i propri iscritti. Per quanto riguarda l’assicurazione auto epoca, invece, la procedura diverge. La polizza auto d’epoca serve appunto se si partecipa a una manifestazione autorizzata e solo per la sua durata. Il soggetto interessato è tenuto a richiedere all’Ufficio Provinciale del Dipartimento per i trasporti terrestri i seguenti documenti:

  • Foglio di via
  • Targa provvisoria

Soltanto in possesso di entrambi potrà circolare.

Assicurazione auto storica e auto d’epoca: come funziona

A determinare il costo assicurazioni auto storiche sono le stesse variabili che incidono sul costo delle assicurazioni standard:

  • Età del conducente
  • Esperienza di guida
  • Regione e comune di residenza
  • Cilindrata del veicolo
  • Garanzie accessorie

Chi possiede più auto storiche può beneficiare della formula garage, che permette di risparmiare rispetto alle assicurazioni singole. La classe di merito per auto storiche o d’epoca è invece standard ed è prevista la guida libera. Senza variazioni di prezzo, dunque, più persone diverse dall’intestatario possono guidare l’auto. Come abbiamo visto è possibile sottoscrivere assicurazioni auto storiche senza iscrizione ASI, a condizione che il veicolo appartenga a un altro registro storico riconosciuto.

Per risparmiare sull’assicurazione auto usa il nostro comparatore. Con pochi click e in pochi minuti riceverei le quotazioni delle migliori compagnie online. Prima di convalidarle hai a disposizione due mesi di tempo per studiare nei dettagli il preventivo gratuito.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE