Assicurazioni animali: la responsabilità del proprietario

Il migliore amico dell’uomo, ma anche una potenziale minaccia per il suo portafoglio. Il cane è il compagno fedele e ideale di molti italiani. Pronto a fare le feste al rientro in casa e a tenere compagnia nei pomeriggi di noia, il cane è l’animale domestico più apprezzato dalle famiglie. La sua presenza, un toccasana per l’umore, può diventare un problema in caso di incidente. Cosa fare se l’animale domestico morde un bambino o provoca danni? Le assicurazioni animali sono il miglior antidoto, almeno a giudicare dalla legge.

Assicurazioni animali: Codice Civile responsabilità proprietari

Le assicurazioni animali servono a coprire i danni cagionati ad altre persone o proprietà altrui. L’art. 2052 del Codice Civile spiega che: “Il proprietario di un animale o chi se ne serve per il tempo in cui lo ha in uso, è responsabile dei danni cagionati allemanda, sia che fosse sotto la sua custodia, sia che fosse smarrito o fuggito, salvo che provi il caso fortuito”. L’obbligo di risarcimento spetta sempre al proprietario per responsabilità oggettiva. A meno che non si riesca a provare il caso fortuito.

Caso fortuito: cosa si intende

Il caso fortuito è un evento che ha carattere di imprevedibilità o eccezionalità. Il suo verificarsi giustificherebbe da solo la ragione della condotta dell’animale. Tuttavia diverse sentenze della Corte di Cassazione hanno indicato la strada da seguire: assicurare il cane è l’unico metodo per non essere costretti a farsi carico interamente del risarcimento. Si ritiene responsabile chiunque abbia il potere di controllo sull’animale, ossia chiunque custodisca l’animale a qualunque titolo.

Assicurazioni animali: perché assicurare il cane

L’assicurazione animali domestici è consigliata a chiunque possieda un animale. Diverse sentenze hanno confermato la difficoltà dei proprietari nel far valere le proprie ragioni. Neppure davanti a una violazione di proprietà privata, con conseguente morso del cane, si viene tutelati. Tra gli obblighi del padrone c’è infatti quello di tenere la postazione del cane in ottimo stato di manutenzione. Il proprietario è tenuto al risarcimento danni in ogni caso in cui sussista un nesso causale tra evento lesivo e comportamento del cane, ovvero quando il danno subito dal terzo è causato dall’azione dell’animale. Se il cane provoca una diminuzione del patrimonio altrui, del danno risponde il proprietario.

Le assicurazioni per cani, per i quali vige l’obbligo di iscrizione all’anagrafe canina, servono a mettere al sicuro il proprietario. Sempre l’articolo 2052 rileva però che non esiste nesso tra evento lesivo e materiale se l’animale non partecipa attivamente alla produzione del danno, se è utilizzato come strumento di condotta finalizzata a cagionare il danno (ad esempio se viene aizzato) o se è veicolo di malattie.

Come visto risulta difficile evitare l’obbligo di risarcimento. Per questo è particolarmente consigliato affidarsi alle assicurazioni animali. Sul nostro sito è possibile sottoscrivere una polizza animali con garanzie di Responsabilità Civile e Tutela Lega che mette al sicuro il patrimonio. Inoltre con il rimborso delle spese veterinarie anche il benessere del nostro amico a quattro zampe sarà garantita. L’assicurazione animale tutela infatti da danni provocati a cose o persone e dalle spese veterinarie per le cure dell’animale.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE