Assicurazione vita: cosa accade in caso di suicidio

Le assicurazioni sulla vita servono a tutelare sé stessi e i propri cari nei momenti difficili. Sul mercato esistono quattro tipi di polizza vita: caso morte, caso vita, assicurazione mista e polizza vita intera. Cosa accade, però, in caso di suicidio? Esiste una assicurazione vita suicidio? Per capire come agiscono le compagnie assicurative davanti a questa eventualità, occorre specificare le differenze tra le singole polizze.

Assicurazioni sulla vita: differenze

Per capire il comportamento dell’assicurazione sulla vita in caso di morte per suicidio, vanno distinte le caratteristiche delle singole polizze:

  • Assicurazione caso morte: possono essere temporanee o a vita intera e contemplano il pagamento di un capitale ai beneficiari in caso di morte del contraente. La copertura può durare da 10 a 30 anni e il premio da corrispondere cresce all’aumentare dell’età
  • Polizza caso vita: la compagnia paga un capitale, o una rendita vitalizia, all’assicurato se alla scadenza del contratto sottoscritto sia ancora in vita
  • Polizza a vita intera: il pagamento ai beneficiari viene garantito in qualunque momento avvenga il decesso del soggetto assicurato
  • Assicurazione a vita mista: il pagamento ai beneficiari è previsto qualora l’assicurato sia ancora in vita alla scadenza della polizza, mentre in caso di morte durante il periodo di validità della polizza è prevista una indennità

Assicurazione vita suicidio: come funziona

In Italia i casi di suicidio sono poco più di 10 al giorno, per un totale che supera i 4.000 ogni anno. Come risponde l’assicurazione sulla vita in questo caso? Il riferimento normativo è l’articolo 1927 Codice Civile: “In caso di suicidio dell’assicurato, avvenuto prima che siano decorsi due anni dalla stipulazione del contratto – si legge – l’assicuratore non è tenuto al pagamento delle somme assicurate, salvo patto contrario. L’assicuratore non è nemmeno obbligato se, essendovi stata sospensione del contratto per mancato pagamento dei premi, non sono decorsi due anni dal giorno in cui la sospensione è cessata”. Viene effettuata inoltre una distinzione tra suicidio volontario e quello tra soggetto incapace di intendere e volere: soltanto il primo è considerato ai termini di legge.

Assicurazione vita suicidio: indennizzo

Stabiliti i tipi di suicidio, si può capire come riscuotere il rimborso di una polizza vita. In caso di un evento imprevisto, il beneficiario è chiamato a fornire la documentazione attestante l’evento. Per riscattare anticipatamente la polizza, invece, bisogna farne richiesta dopo uno (premio unico) o tre anni (premio annuale), presentando domanda di liquidazione e certificato anagrafico che attesti che l’assicurato è in vita. In caso di decesso del contraente, come nel caso di suicidio, bisogna presentare alla compagnia certificato di decesso e dichiarazione sostitutiva di notorietà. In caso di morte non si ottiene un pagamento automatico e per questo bisogna fare attenzione alle esclusioni presenti nel contratto. Tra le eccezioni al risarcimento rientra infatti la partecipazione dell’assicurato ad eventi dolosi, e il suicidio viene comunemente inserito tra le esclusioni.

Se vuoi sottoscrivere una polizza vita e non sai ancora quale sia quella migliore per te, affidati al nostro comparatore. Compila gratuitamente il form inserendo capitale e durata, confronta le quotazioni e inizia subito a risparmiare.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Sanificazione auto: tutto quello che devi sapere

Il tema della sanificazione auto è diventato di dominio pubblico a causa della pandemia da coronavirus. Per gli automobilisti è diventato fondamentale igienizzare in maniera corretta il proprio veicolo. Per contenere il rischio contagio e tornare a viaggiare sicuri. Scopriamo allora la sanificazione auto come funziona e se la procedura con l’ozono funziona davvero. Sanificazione

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione moto conducente diverso dal proprietario: conviene davvero?

Sottoscrivere un’assicurazione moto con conducente diverso dal proprietario è un buon modo per risparmiare sulla polizza RC? Obbligatoria per legge, l’assicurazione responsabilità civile è una delle voci di spesa maggiori per ogni proprietario di un veicolo. Per questo si è sempre alla ricerca di una soluzione per contenerne i costi. Scopriamo cosa succede se intestatario

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Passaggio di proprietà moto: come fare, documenti

Acquistare o vendere una moto usata è il preludio a un’operazione obbligatoria: il passaggio di proprietà moto. Sia che si intenda acquistare la propria due ruote dei sogni o che sia voglia puntare su un modello d’epoca, la sostanza non cambia. Per poter circolare su strada senza incorrere in sanzioni, oltre all’assicurazione RC Moto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione infortuni domestici: cos’è e cosa copre

La assicurazione infortuni domestici copre gli infortuni provocati da incidenti capitati in casa e dalle loro conseguenze economiche. La polizza è obbligatoria dall’1 gennaio 2001 e si rivela particolarmente utile per tutelarsi nel proprio ambiente domestico. Chi deve sottoscrivere, cosa si intende e cosa copre la polizza infortuni domestici? Cos’è l’assicurazione infortuni domestici La assicurazione infortuni

CONTINUA A LEGGERE