Assicurazione telefono: cosa fare se rompi lo smartphone

Assicurazione telefono: cosa fare se rompi lo smartphone

È capitato a tutti. Hai comprato da poco uno smartphone nuovo e bellissimo, lo adori ed è diventato un’estensione della tua quotidianità. Finché, a un certo punto, lo fai cadere e lo schermo va in mille pezzi. O cade in acqua e diventa inutilizzabile. Hai un tablet in casa e tuo figlio per sbaglio lo rompe? Grande classico. Cosa fare quando rompi lo smartphone o il tablet?

Cosa fare se si rompe il vetro

Dipende. I vetri dei moderni smartphone sono composti da più strati. Esiste il vetro vero e proprio, lo schermo LCD e il touch, che è quello che ti consente di manovrare il nostro telefono. Purtroppo è molto facile e frequente che, in seguito a una caduta, il vetro vada in mille pezzi. La prima cosa da fare è capire se si è rotto “solo” il vetro, ma il telefono è ancora utilizzabile, o se invece si è rotto anche lo schermo LCD o il touch, in quel caso lo smartphone è completamente bloccato. Un consiglio preventivo? Dotarsi di una protezione apposita per evitare questi danni troppo frequenti. Esistono in commercio le pellicole di vetro temperato che vanno incollate sopra il display. Sono molto utili perché ammortizzano i colpi e mantengono integro il vetro sottostante. Sono molto economiche quindi, se si rompono, basta sostituirle.

Cosa fare se il telefono o il tablet cadono in acqua

La primissima cosa è disconnettere la batteria, laddove possibile. Molti modelli di smartphone, tra cui gli iPhone o i recenti modelli Huawei, non consentono di accedere alla batteria facilmente. In ogni caso è comunque utile spegnere il telefono e immergerlo in una ciotola piena di riso che assorbirà l’umidità. Non c’è alcuna garanzia, comunque, che il telefono riprenda a funzionare, perché l’acqua rovina i componenti interni dell’apparecchio.

Come funziona l’assicurazione telefono

L’assicurazione smartphone funziona come qualsiasi polizza e ha una maggiore estensione rispetto alle garanzie assicurative fornite dai produttori o dai rivenditori. A fronte di un premio annuale, di solito di un centinaio di euro per telefoni di fascia, e anche meno in caso di apparecchi di fascia medio-bassa, si ottiene una protezione contro i danni, nonché riparazioni e assistenza immediate.

Ecco cosa copre l’assicurazione telefono:

  • Danni accidentali come rottura del vetro, dello schermo LCD e del touch.
  • Versamento di liquidi.
  • Rottura accidentale della batteria.
  • Furto e smarrimento, anche in viaggio.

Per pochi euro all’anno, e con quello che costano smartphone e tablet, l’assicurazione telefono è un’ottima soluzione per ottenere un pronto intervento e ovviare alla disconnessione forzata in seguito a rottura. Grazie al nostro comparatore, è possibile confrontare i migliori preventivi e scegliere l’offerta su misura per te!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando

Mete autunnali: dove viaggiare in autunno risparmiando La fine dell’estate è stato traumatico? Il Natale ci sembra ancora lontano? È il momento ideale per prendersi una piccola pausa e volare fuori città. Andalusia in autunno: verso l’estate Se sei ancora nostalgico della stagione calda appena conclusa, vola verso l’Andalusia, che ti regalerà un clima mite, dal

CONTINUA A LEGGERE

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli

Pressione gomme moto: come regolarla, consigli La pressione giusta delle gomme moto è argomento dibattuto tanto tra i piloti esperti quanto dai centauri alle prime armi. Del resto ruota tutto intorno a un argomento di primaria importanza: la sicurezza stradale. Circolare con la pressione pneumatici sbagliata comporta infatti enormi rischi. Qualora questi siano sgonfi si

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene L’assicurazione auto giornaliera è un particolare tipo di polizza prevista da alcune compagnie. La sua attivazione permette di assicurare la propria vettura per 24 ore. Di solito le polizze temporanee partono da un minimo di tre o cinque giorni fino a un massimo di sei mesi,

CONTINUA A LEGGERE

Furto bici: cosa fare, come evitarlo

Furto bici: cosa fare, come evitarlo Ogni anno in Italia vengono rubate 350.000 biciclette. Un dato preoccupante e che, come prevedibile, registra nelle metropoli i suoi picchi massimi, con Roma e Milano che superano i 10.000 furti bicicletta nell’arco dei 12 mesi. In media viene rubato un esemplare ogni due minuti e ritrovare la propria

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE