Assicurazione sportiva: come funziona

Fare sport è importante ad ogni età. L’attività fisica aiuta e favorisce la crescita e lo sviluppo dei bambini, ma permette anche agli adulti di restare in forma e prevenire malattie. L’inizio dell’autunno è da sempre il periodo migliore per riattivare l’organismo. Per i piccoli l’attività sportiva è fondamentale dopo la scuola, mentre i più grandi possono svagarsi tra palestre e circoli sportivi. Cosa accade, però, se mentre si fa sport si resta vittime di un infortunio? L’assicurazione sportiva interviene a tutelare il danneggiato. Scopriamo come e in che misura.

Assicurazione sportiva: è obbligatoria?

Chiariamo subito una cosa: l’assicurazione sportiva non è obbligatoria per tutti. Fare attività fisica per diletto, insomma, non richiede la sottoscrizione di assicurazioni sportive. Sono tenuti a disporre di una polizza assicurativa per le attività sportive esclusivamente:

  • Sportivi professionisti
  • Tecnici e dirigenti delle Federazioni Sportive
  • Sportivi dilettanti in possesso della tessera di una qualsiasi Federazione Sportiva
  • Istruttori, bagnini, personal trainer e chiunque operi in ambito sportivo

Queste figure sono tenute obbligatoriamente alla sottoscrizione di un’assicurazione sportiva. Chi pratica sport a livello amatoriale, invece, non è obbligato a farlo. Tuttavia è consigliato stipulare una polizza sportiva, indipendentemente dalla fascia d’età. Farlo significa essere tutelati in caso di infortunio o di incidente provocato.

Assicurazione sportiva: cos’è

L’assicurazione sportiva è un contratto che si può sottoscrivere presso una qualsiasi agenzia assicurativa che contenga questo tipo di formula. Stipulare un’assicurazione sullo sport (da non confondere con l’assicurazione eventi sportivi, che è legata alle singole manifestazioni) permette di avere un rimborso per le eventuali spese mediche sostenute a causa di un infortunio o un incidente avvenuto mentre si svolge esercizio fisico. Possono stipulare un’assicurazione sport tutti gli sportivi, indipendentemente dall’età e dall’attività praticata.

Assicurazione sportiva: cosa copre

L’assicurazione sportiva interviene a tutelare tanto il contraente quanto le strutture di cui questi si serve per praticare sport. Sono coperti dall’assicurazione sullo sport, infatti:

  • I danni che questi provoca a sé stesso (infortuni, incidenti): l’assicurazione paga le spese mediche, come interventi chirurgici, ricoveri e sedute di fisioterapia
  • I danni arrecati a terzi: se l’assicurato pratica sport di squadra e danneggia un compagno o un avversario, l’assicurazione si occupa del trattamento sanitario completo della vittima
  • Le spese per riparare danni provocati alle strutture in cui si allena o partecipa a gare: l’assicurazione rimborsa il costo di attrezzi o macchinari di proprietà della palestra (o piscina) in cui il contraente pratica sport

La compagnia paga solo in caso di incidenti violenti, fortuiti o impossibili da evitare e prevenire, purché avvenuti nella struttura di competenza del contraente. Non paga invece se s pratica sport in posti non adeguati, in assenza di un istruttore, in mancanza delle opportune precauzioni o se si è fatto abuso di sostanze dopanti o stupefacenti, farmaci o alcool. La polizza sportiva è un’assicurazione tradizionale. Per sottoscriverla è sufficiente scegliere la compagnia preferita e trovare l’offerta più adatta alle proprie esigenze, anche scegliendola online.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE