Assicurazione sportiva: come funziona

Fare sport è importante ad ogni età. L’attività fisica aiuta e favorisce la crescita e lo sviluppo dei bambini, ma permette anche agli adulti di restare in forma e prevenire malattie. L’inizio dell’autunno è da sempre il periodo migliore per riattivare l’organismo. Per i piccoli l’attività sportiva è fondamentale dopo la scuola, mentre i più grandi possono svagarsi tra palestre e circoli sportivi. Cosa accade, però, se mentre si fa sport si resta vittime di un infortunio? L’assicurazione sportiva interviene a tutelare il danneggiato. Scopriamo come e in che misura.

Assicurazione sportiva: è obbligatoria?

Chiariamo subito una cosa: l’assicurazione sportiva non è obbligatoria per tutti. Fare attività fisica per diletto, insomma, non richiede la sottoscrizione di assicurazioni sportive. Sono tenuti a disporre di una polizza assicurativa per le attività sportive esclusivamente:

  • Sportivi professionisti
  • Tecnici e dirigenti delle Federazioni Sportive
  • Sportivi dilettanti in possesso della tessera di una qualsiasi Federazione Sportiva
  • Istruttori, bagnini, personal trainer e chiunque operi in ambito sportivo

Queste figure sono tenute obbligatoriamente alla sottoscrizione di un’assicurazione sportiva. Chi pratica sport a livello amatoriale, invece, non è obbligato a farlo. Tuttavia è consigliato stipulare una polizza sportiva, indipendentemente dalla fascia d’età. Farlo significa essere tutelati in caso di infortunio o di incidente provocato.

Assicurazione sportiva: cos’è

L’assicurazione sportiva è un contratto che si può sottoscrivere presso una qualsiasi agenzia assicurativa che contenga questo tipo di formula. Stipulare un’assicurazione sullo sport (da non confondere con l’assicurazione eventi sportivi, che è legata alle singole manifestazioni) permette di avere un rimborso per le eventuali spese mediche sostenute a causa di un infortunio o un incidente avvenuto mentre si svolge esercizio fisico. Possono stipulare un’assicurazione sport tutti gli sportivi, indipendentemente dall’età e dall’attività praticata.

Assicurazione sportiva: cosa copre

L’assicurazione sportiva interviene a tutelare tanto il contraente quanto le strutture di cui questi si serve per praticare sport. Sono coperti dall’assicurazione sullo sport, infatti:

  • I danni che questi provoca a sé stesso (infortuni, incidenti): l’assicurazione paga le spese mediche, come interventi chirurgici, ricoveri e sedute di fisioterapia
  • I danni arrecati a terzi: se l’assicurato pratica sport di squadra e danneggia un compagno o un avversario, l’assicurazione si occupa del trattamento sanitario completo della vittima
  • Le spese per riparare danni provocati alle strutture in cui si allena o partecipa a gare: l’assicurazione rimborsa il costo di attrezzi o macchinari di proprietà della palestra (o piscina) in cui il contraente pratica sport

La compagnia paga solo in caso di incidenti violenti, fortuiti o impossibili da evitare e prevenire, purché avvenuti nella struttura di competenza del contraente. Non paga invece se s pratica sport in posti non adeguati, in assenza di un istruttore, in mancanza delle opportune precauzioni o se si è fatto abuso di sostanze dopanti o stupefacenti, farmaci o alcool. La polizza sportiva è un’assicurazione tradizionale. Per sottoscriverla è sufficiente scegliere la compagnia preferita e trovare l’offerta più adatta alle proprie esigenze, anche scegliendola online.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE