Assicurazione scolastica: è obbligatoria?

La sicurezza dei propri figli a scuola è una delle principali preoccupazioni dei genitori italiani. Negli edifici scolastici i giovani dai 3 ai 19 anni trascorrono la maggior parte delle loro giornate. Tra una materia e l’altra, un’interrogazione e la ricreazione, la loro tutela deve essere un prerequisito fondamentale. Per questo è stata resa obbligatoria la assicurazione scolastica, una copertura di cui deve dotarsi ciascun istituto.

Assicurazione scolastica: cosa copre

L’assicurazione scolastica viene sottoscritta con l’Inail da ogni singolo istituto. Questo tipo di copertura assicurativa tutela le scuole soltanto dagli incidenti avvenuti durante lo svolgimento di attività rischioso. Nello specifico l’istituto viene garantito in caso di:

  • Sinistri occorsi durante l’attività di educazione fisica
  • Incidenti avvenuti durante le lezioni di laboratorio

L’assicurazione scolastica obbligatoria rientra nei doveri di custodia e vigilanza che le scuole hanno verso gli alunni minorenni. Come si legge nel D.P.R. n. 1124/1965, l’assicurazione scuola riguarda “gli insegnanti e gli alunni delle scuole o istituti di istruzione di qualsiasi ordine e grado, anche privati, che attendono ad esperienze tecnico-scientifiche od esercitazioni pratiche”. Affinché venga corrisposto il risarcimento danni, l’incidente deve essere avvenuto necessariamente nello svolgimento delle suddette esperienze o esercitazioni. In tutti gli altri casi, quindi, gli studenti e le loro famiglie non sono tutelate. Tuttavia è possibile estendere la copertura assicurativa tramite un’assicurazione integrativa. Questa formula è spesso proposta dalle scuole perché le tutela per ottenere il giusto indennizzo in tutti gli altri casi di indennizzo.

Assicurazione integrativa scuola: cos’è e come funziona

L’assicurazione scuola integrativa non è obbligatoria e rappresenta un’altra forma delle assicurazioni scolastiche. L’assicurazione integrativa è una copertura privata che richiede una delibera del Consiglio d’Istituto prima di essere sottoscritta. L’iniziativa può essere presa dalla scuola oppure dai genitori degli studenti iscritti. Qualora il Consiglio d’Istituto deliberi a favore dell’assicurazione integrativa scuola, tutti i genitori sono tenuti a contribuire pagando la quota del premio annuale.

Questa formula garantisce l’indennizzo per tutti gli infortuni subiti da uno studenti e per i danni da responsabilità civile avvenuti durante l’orario scolastico. Vengono quindi indennizzati tutti i danni provocati dolosamente o accidentalmente, come ad esempio una ferita o la rottura di un oggetto che possano essere provocati da un litigio, dal lancio di un libro o da una spinta involontaria. Alcuni istituti prevedono inoltre la possibilità di estendere la copertura non soltanto alle attività scolastiche, ma anche al tragitto casa-scuola effettuato dagli studenti. Tutti i sinistri devono essere denunciati alla compagnia assicuratrice alla quale ci si è affidati.

La grande differenza tra l’assicurazione scolastica obbligatoria e quella integrativa risiede nella maggiore copertura. Soltanto la seconda copre lo studente anche al di fuori dell’orario scolastico e per danni da responsabilità civile. Oltre a quella dei nostri figli, è sempre opportuno pensare anche alla nostra protezione. Il modo migliore per farlo è quello di sottoscrivere un’assicurazione vita che tenga al sicuro i nostri cari anche in caso di fatalità. Sul nostro sito si può richiedere subito un preventivo gratuito: basta inserire il capitale e la durata per ottenerlo con pochi click!

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione donazione casa: cos’è e come funziona

La donazione immobiliare è una delle soluzioni più adottate dagli italiani per trasferire la proprietà di case e altri beni immobiliari quando ancora in vita ai propri eredi. La donazione permette di risparmiare su molti oneri fiscali, al momento della successione ereditaria, ma soprattutto permette di aggiungere delle clausole per i beneficiari. Perché quindi acquistare

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE