Assicurazione professionale ingegneri: le 5 cose da sapere

La Riforma delle Professioni (D.P.R. 137/2012 del 7 agosto 2012) ha introdotto l’obbligo di assicurazione professionale ingegneri. La normativa, entrata in vigore il 13 agosto 2013, dispone che la Rc professionale ingegneri sia obbligatoria per tutti gli iscritti all’Ordine degli Ingegneri. L’obbligo assicurazione professionale ingegneri vale anche per le società tra professionisti.

Assicurazione ingegneri: come funziona

La categoria degli ingegneri rientra in quella dei professionisti tecnici, con obbligo di risultato nei confronti del cliente. L’assicurazione professionale ingegnere, pertanto, copre l’assicurato per i danni provocati al cliente durante l’esercizio della professione. Quando il professionista assume l’incarico, la polizza professionale ingegneri deve risultare attiva e il cliente deve essere informato sugli estremi della copertura, ovvero:

  • Massimali, scelti dal professionista in base al danno e al valore dell’incarico
  • Franchigia
  • Coperti e scoperti

Assicurazione professionale ingegneri: cosa copre

L’assicurazione professionale ingegneri deve essere sottoscritta da tutti gli appartenenti all’albo, siano essi liberi professionisti o Studi Associati. In quest’ultimo caso l’assicurazione rischi professionali copre collaboratori, partner e soci per l’attività svolta per conto dello Studio. L’assicurazione ingegneri tutela il contraente da errori o negligenze commessi nell’esercizio della professione. L’ingegnere riceve un indennizzo per le perdite generate dalle richieste di risarcimento avanzate da soggetti terzi e dalle spese legale che è eventualmente chiamato a sostenere. Quali sono gli errori che può commettere generalmente un ingegnere?

  • Mancanze legate all’attività di direzione dei lavori
  • Calcolo errato dell’altezza dei pilastri di un edificio
  • Responsabilità inerenti il rispetto delle disposizioni sulla sicurezza dei luoghi di lavoro

L’assicurazione ingegneri copre quindi:

  • Danni materiali diretti
  • Interruzione dell’attività
  • Colpe lievi e gravi, anche dei dipendenti e dei collaboratori dello Studio Associato
  • Perdite patrimoniali e di documenti
  • Spese legali
  • Sanzioni fiscali erogate al cliente per errori o negligenze dell’ingegnere

Esclusioni

Occorre ricordare che la polizza assicura anche le richieste di indennizzo avanzata contro l’assicurato durante il periodo di retroattività indicato nella polizza. La retroattività è da considerarsi illimitata, a meno di circostanze note o sinistri sopraggiunti nei precedenti 5 anni. Non sono coperti gli errori commessi prima della data di inizio polizza e di cui l’assicurato era a conoscenza, frodi o atti dolosi. Rientrano tra le esclusioni assicurazione ingegneri anche l’inosservanza di obblighi volontariamente assunti dall’assicurato, obbligazioni di natura fiscale, insolvenza o fallimenti, danni corporali, ingiuria o diffamazione.

Assicurazione professionale ingegneri: sanzioni e costi

Il mancato adempimento all’obbligo di assicurazione professionale per ingegneri, così come la mancata informazione al cliente, costituisce un illecito disciplinare deontologico. La valutazione spetta all’Ordine degli Ingegneri, che può decidere di richiamare o sanzionare il suo iscritto. Per colpe gravi può essere anche prevista la radiazione dall’Albo professionale.

Per quanto riguarda i costi, sono proporzionali al rischio di causare danni ai clienti. Di norma dipendono dalla compagnia scelta, dal comune e della regione di residenza, dal fatturato annuo del professionista, dalle franchigie e dai massimali oltre che dai sinistri pregressi. Per risparmiare sulla polizza professionale obbligatoria, affidati al nostro comparatore compilando un semplice modulo. Le nostre compagnie partner ti restituiranno un preventivo gratuito permettendoti di fare la scelta migliore dopo aver confrontato le diverse quotazioni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incidenti in moto in Italia: tutto quello che devi sapere

Nell’ultimo anno sono tornate a crescere le vittime di incidenti in moto in Italia. I dati diffusi da Istat e relativi al 2019 raccontano infatti 698 motociclisti deceduti in seguito a un sinistro. L’aumento su base annua è pari all’1,6% e testimonia, semmai ce ne fosse ancora bisogno, la pericolosità delle strade del Belpaese per

CONTINUA A LEGGERE

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE