Assicurazione professionale ingegneri: le 5 cose da sapere

La Riforma delle Professioni (D.P.R. 137/2012 del 7 agosto 2012) ha introdotto l’obbligo di assicurazione professionale ingegneri. La normativa, entrata in vigore il 13 agosto 2013, dispone che la Rc professionale ingegneri sia obbligatoria per tutti gli iscritti all’Ordine degli Ingegneri. L’obbligo assicurazione professionale ingegneri vale anche per le società tra professionisti.

Assicurazione ingegneri: come funziona

La categoria degli ingegneri rientra in quella dei professionisti tecnici, con obbligo di risultato nei confronti del cliente. L’assicurazione professionale ingegnere, pertanto, copre l’assicurato per i danni provocati al cliente durante l’esercizio della professione. Quando il professionista assume l’incarico, la polizza professionale ingegneri deve risultare attiva e il cliente deve essere informato sugli estremi della copertura, ovvero:

  • Massimali, scelti dal professionista in base al danno e al valore dell’incarico
  • Franchigia
  • Coperti e scoperti

Assicurazione professionale ingegneri: cosa copre

L’assicurazione professionale ingegneri deve essere sottoscritta da tutti gli appartenenti all’albo, siano essi liberi professionisti o Studi Associati. In quest’ultimo caso l’assicurazione rischi professionali copre collaboratori, partner e soci per l’attività svolta per conto dello Studio. L’assicurazione ingegneri tutela il contraente da errori o negligenze commessi nell’esercizio della professione. L’ingegnere riceve un indennizzo per le perdite generate dalle richieste di risarcimento avanzate da soggetti terzi e dalle spese legale che è eventualmente chiamato a sostenere. Quali sono gli errori che può commettere generalmente un ingegnere?

  • Mancanze legate all’attività di direzione dei lavori
  • Calcolo errato dell’altezza dei pilastri di un edificio
  • Responsabilità inerenti il rispetto delle disposizioni sulla sicurezza dei luoghi di lavoro

L’assicurazione ingegneri copre quindi:

  • Danni materiali diretti
  • Interruzione dell’attività
  • Colpe lievi e gravi, anche dei dipendenti e dei collaboratori dello Studio Associato
  • Perdite patrimoniali e di documenti
  • Spese legali
  • Sanzioni fiscali erogate al cliente per errori o negligenze dell’ingegnere

Esclusioni

Occorre ricordare che la polizza assicura anche le richieste di indennizzo avanzata contro l’assicurato durante il periodo di retroattività indicato nella polizza. La retroattività è da considerarsi illimitata, a meno di circostanze note o sinistri sopraggiunti nei precedenti 5 anni. Non sono coperti gli errori commessi prima della data di inizio polizza e di cui l’assicurato era a conoscenza, frodi o atti dolosi. Rientrano tra le esclusioni assicurazione ingegneri anche l’inosservanza di obblighi volontariamente assunti dall’assicurato, obbligazioni di natura fiscale, insolvenza o fallimenti, danni corporali, ingiuria o diffamazione.

Assicurazione professionale ingegneri: sanzioni e costi

Il mancato adempimento all’obbligo di assicurazione professionale per ingegneri, così come la mancata informazione al cliente, costituisce un illecito disciplinare deontologico. La valutazione spetta all’Ordine degli Ingegneri, che può decidere di richiamare o sanzionare il suo iscritto. Per colpe gravi può essere anche prevista la radiazione dall’Albo professionale.

Per quanto riguarda i costi, sono proporzionali al rischio di causare danni ai clienti. Di norma dipendono dalla compagnia scelta, dal comune e della regione di residenza, dal fatturato annuo del professionista, dalle franchigie e dai massimali oltre che dai sinistri pregressi. Per risparmiare sulla polizza professionale obbligatoria, affidati al nostro comparatore compilando un semplice modulo. Le nostre compagnie partner ti restituiranno un preventivo gratuito permettendoti di fare la scelta migliore dopo aver confrontato le diverse quotazioni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE