Assicurazione professionale avvocati: cosa devi sapere

Il decreto 22 settembre 2016 del Ministero della Giustizia ha stabilito l’obbligatorietà della polizza professionale avvocati per tutti gli iscritti all’albo. All’interno del decreto sono stabiliti i requisiti minimi dell’assicurazione professionale avvocati. La RC professionale avvocati prevede la copertura della responsabilità civile.

RC professionale avvocati: cos’è

L’assicurazione professionale avvocati deve coprire:

  • La responsabilità per qualsiasi tipo di danno: patrimoniale, non patrimoniale, indiretto, permanente e futuro
  • Tutti i danni che l’avvocato dovesse colposamente causare a terzi nello svolgimento della sua attività professionale
  • La responsabilità dell’avvocato anche per colpa grave
  • La responsabilità per i pregiudizi causati, oltre ai clienti, anche a terzi

Non vengono considerati soggetti terzi i collaboratori e i familiari dell’assicurato. Per attività professionale degli avvocati, invece, si intende:

  • L’attività di rappresentanza e difesa davanti all’autorità giudiziaria o ad arbitri rituali e irrituali
  • Gli atti preordinati, connessi o consequenziali all’attività. Rientrano tra questi l’iscrizione a ruolo della causa o l’esecuzione di notificazioni
  • La consulenza e assistenza stragiudiziali
  • La redazione di pareri o contratti
  • L’assistenza al cliente nello svolgimento delle attività di mediazioni o di negazione assistita

Assicurazione professionale avvocati: cosa copre

L’assicurazione professionale avvocati è obbligatoria. La formula base polizza avvocato comprende, inoltre:

  • La tutela in caso di fatti colposi o dolosi commessi da: collaboratori, dipendenti, sostituti processuali e praticanti
  • Il ritardato o omesso deposito di atti
  • La responsabilità per perdita e distruzione durante la custodia di denaro, documenti, titoli o valori ricevuti da clienti o controparti processuali
  • La nullità degli atti processuali

In caso di responsabilità solidale dell’avvocato con altri soggetti, assicurati e non, l’assicurazione avvocati deve prevedere la copertura della responsabilità dell’avvocato per intero, salvo il diritto di regresso nei confronti dei condebitori solidali. Viene previsto anche l’obbligo di copertura degli infortuni derivanti dall’esercizio della professione. La copertura attività forense include infortuni che si verificano durante o a causa della professione, ma non durante gli spostamenti necessari per il suo svolgimento. Questa garanzia comprende:

  • Morte
  • Invalidità permanente e temporanea
  • Eventuali spese mediche necessarie

RC Avvocato: durata, massimali

L’avvocato è tenuto ad avere una polizza assicurativa per tutto il periodo in cui risulta iscritto all’albo professionale. Per il soggetto che interrompe l’attività nel periodo in cui è valida la polizza avvocati sottoscritta, è prevista una ultrattività di dieci anni. Durante il periodo di durata della polizza, l’assicuratore non può in alcun modo recedere il contratto neppure a fronte di una denuncia di sinistro o di risarcimento.
Sui massimali assicurazione professionali avvocati incidono:

  • Forma della professione: individuale o associata
  • Fascia di rischio
  • Fatturato dell’ultimo esercizio concluso

La compagnia risarcisce il terzo per l’intero importo, con la possibilità di recuperare franchigia o scoperto dall’assicurato, come previsto dalle polizze RC. Il premio assicurativo può invece venire ricalcolato sulla scorta delle variazioni del fatturato annuo.

Assicurazione professionale avvocati: costo

Per risparmiare sul costo della polizza professionale avvocati è consigliato affidarsi alla comparazione online. Sul nostro sito è possibile trovare le migliori tariffe assicurazione avvocati. Compila il modulo presente su Quale.it per ricevere un preventivo dalle compagnie più competitive: confronta le quotazioni e scegli quella più conveniente per la tua attività professionale.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE