Assicurazione professionale architetti: le 4 cose da sapere

L’assicurazione professionale architetti, paesaggisti e ingegneri è una polizza dedicata a chi esercita la professione anche in modo occasionale e in proprio. Nel caso di studi professionali, soci e collaboratori sono assicurati solo per l’attività svolta per conto dello studio. Come funziona la RC professionale architetti? Ecco 4 cose da sapere prima di acquistarne una.

1) RC professionale obbligatoria per gli architetti

Il DPR 137/2012 del 7 agosto 2012 (“Riforma delle Professioni”) sancisce l’obbligo assicurazione professionale per gli architetti. Dal 2013, quindi, coloro che sono iscritti all’Albo professionale sono obbligati ad acquistare e sottoscrivere una polizza di Responsabilità Civile Professionale.

In particolare, l’obbligo scatta per gli architetti che svolgono un’attività autonoma, anche occasionale e in proprio. Il libero professionista, quindi, che pone la propria firma sul progetto e risulta responsabile direttamente responsabile del lavoro rispetto al cliente è tenuto ad acquistare una polizza RC professionale architetti. I dipendenti di uno studio professionale o di un’amministrazione pubblica, invece, non hanno l’obbligo di sottoscrivere l’assicurazione architetto. Lo studio presso cui lavorano dovrà assicurare invece tutti i soci e i collaboratori che svolgono attività per conto dello studio stesso.

2) RC architetti, quali coperture?

L’assicurazione architetti tutela l’assicurato da tutte le richieste di risarcimento derivanti da danni arrecati a terzi nello svolgimento del proprio lavoro. Si tratta, insomma, di una tutela nei confronti del proprio cliente e del proprio operato. Ecco alcuni esempi di coperture previste dall’assicurazione professionale architetto:

  • Direzione Lavori, direzione dei cantieri
  • Stime, perizie e collaudi
  • Rilievi catastali e topografici
  • R.U.P. (Responsabile Unico del Procedimento)
  • Errori nella certificazione ambientale ed energetica
  • Errori di progettazione
  • Tutela legale
  • Infortuni di dipendenti e collaboratori
  • Tutela della responsabilità amministrativa

3) Assicurazione professionale architetto: può essere retroattiva

La polizza RC architetti può tutelare il suo assicurato dai danni causati dall’attività professionale anche prima della stipula del contratto. La polizza è, cioè, retroattiva. Il periodo di retroattività è variabile: sono molto diffusi i prodotti che coprono i 2 anni precedenti, ma esistono variabili a 5 e 10 anni e perfino il periodo illimitato di retroattività. Con il variare del periodo di retroattività, ovviamente variano anche i costi della polizza rc professionale architetti.

4) Le soluzioni migliori si trovano grazie ai comparatori

Come trovare la migliore assicurazione professionale architetto? Grazie al nostro comparatore. In pochi minuti puoi richiedere diversi preventivi gratuiti e senza impegno, puoi confrontarli e scegliere quello perfetto per le tue esigenze. Basta inserire i propri dati e le caratteristiche dell’assicurazione e il gioco è fatto! Trova subito l’assicurazione professionale architetti perfetta per te.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione donazione casa: cos’è e come funziona

La donazione immobiliare è una delle soluzioni più adottate dagli italiani per trasferire la proprietà di case e altri beni immobiliari quando ancora in vita ai propri eredi. La donazione permette di risparmiare su molti oneri fiscali, al momento della successione ereditaria, ma soprattutto permette di aggiungere delle clausole per i beneficiari. Perché quindi acquistare

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE