L’assicurazione moto in pista

L’assicurazione moto in pista

Uso regolarmente la mia moto su strada ma questo weekend intendo cimentarmi in pista come un vero pilota: avrò bisogno di un’assicurazione speciale? E cosa cambia se invece decidessi di noleggiarne una direttamente sul circuito? Se per circolare quotidianamente basta affidarsi a una delle polizze presenti sul mercato, farlo tra chicane e cordoli potrebbe richiedere una copertura per moto aggiuntiva.

Assicurazione moto in pista: sì, ma solo nelle prove libere

Concedersi una velocità di punta maggiore e “piegare” più del solito, però, aumenta anche il rischio di incorrere in incidenti. Chi è tenuto a pagare nel caso in cui se ne verifichi uno? Contrariamente a quanto si pensi, non sempre “chi rompe paga tutto”.

Se è vero che soltanto i piloti con licenza FMI (Federazione Motociclistica Italiana) sono protetti da una copertura totale per i sinistri, i centauri della domenica possono vantarne una parziale. Infatti nelle condizioni presenti in alcune polizze RC auto e moto è prevista la copertura su suolo privato, ad eccezione delle competizioni e le relative prove. Ciò significa che le prove libere, ovvero non collegate a una gara, sono coperte da assicurazione moto.

Girare in pista assicurati: il Track Day

Le compagnie prevedono insomma la copertura in caso di sinistro con colpa, purché si tratti di circolazione turistica con mezzo targato e assicurato. Il cosiddetto Track Day scade in caso di partecipazione a gare. Qui il risarcimento spetta al motociclista, che deve ricordare che l’accertamento delle responsabilità non farà fede al Codice della Strada, bensì al regolamento interno dell’Autodromo.

Copertura totale anche per i piloti occasionali

Esiste, infine, un modo ulteriore per ottenere una copertura completa. È quello di affidarsi alla Tessera Sport Autodromi offerta dalla FMI. Offre la copertura della responsabilità civile verso terzi con un massimale fino a un milione e centomila euro e diverse garanzie per il titolare della tessera. Tra queste una diaria giornaliera in caso di ricovero derivante da incidente moto in pista, copertura delle spese mediche e indennizzo (80.000 euro) in caso di morte. Riconosciuta in gran parte delle piste italiane e in alcune straniere, ha un costo di 70 euro, cifra alla quale va aggiunta la quota annuale al moto club (tra 50 e 100 euro). Per disporne occorre presentare un certificato medico per attività non agonistica e un documento di identità in corso di validità.

Prima di cimentarti in pista, sono allora due le cose da ricordare. Usare sempre una condotta di guida prudente, che non metta a repentaglio la propriaincolumità e quella di terzi, e girare con un mezzo assicurato. Se non intendi prender parte a gare, o semplicemente se vuoi “aggiornare” la polizza di cui stai usufruendo, puoi scegliere quella più adatta alle tue esigenze confrontando tra le migliori offerte per assicurazione moto presenti sul mercato.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Auto per disabili: agevolazioni acquisto, assicurazione e bollo

In Italia ci sono oltre 4,5 milioni di disabili. 160.000 sono invece le patenti B speciali attive, ovvero quelle riservate alle persone affette da handicap e che permettono di guidare auto per disabili. Lo Stato e le singole regioni prevedono diversi aiuti per il loro acquisto. Scopriamo insieme di quali si tratta e come accedervi.

CONTINUA A LEGGERE

Incidente in famiglia: si viene risarciti dall’assicurazione?

Restare coinvolti in un incidente stradale. Una paura recondita per la maggior parte degli automobilisti, una spiacevole circostanza capitata a molti. Una volta valutate le condizioni fisiche e del veicolo e accertate le responsabilità, facendo affidamento sull’assicurazione responsabilità civile obbligatoria per legge, giunge il momento di ricevere l’indennizzo. A questo punto sarà la compagnia assicuratrice

CONTINUA A LEGGERE

Passaggio di proprietà moto: dove farlo, documenti, costi

In Italia continua a espandersi il mercato moto. Nel 2018 sono stati immatricolati 219.465 veicoli a due ruote di cilindrata superiore a 50cc, con un +7,4% rispetto all’anno precedente, per una cifra che raggiunge 240.388 contando anche i “cinquantini”. In crescita c’è anche il mercato moto usate, che ha contribuito a far sfiorare la quota

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE

Come proteggere gli animali dai botti

Come proteggere gli animali dai botti I botti, i petardi e i fuochi d’artificio sono frequentissimi durante le feste, specialmente a Capodanno, dove purtroppo fanno danni anche tra le persone. Ogni anno seguiamo il bollettino in tv: ragazzi che perdono dita o perfino interi arti, per il divertimento di una sera. Quello a cui pochi

CONTINUA A LEGGERE

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE