Assicurazione moto economica in base alla cilindrata: qual è la più conveniente?

La ricerca di una assicurazione moto economica passa necessariamente dalle variabili che influiscono sul prezzo. Sapere come si calcola l’assicurazione è il primo modo per trovare la tariffa più conveniente. Scopriamo cosa incide sulla polizza RC moto e come è possibile risparmiare in base alla cilindrata del veicolo che si possiede.

Costo assicurazione moto: le variabili da considerare

Sono diversi gli elementi che impattano sul prezzo assicurazione moto. Fino al 1994 il parametro più importante per cercare una assicurazione moto economica era la cilindrata, mentre dopo il varo della deregulation le cose sono cambiate. A determinare il costo del premio assicurativo annuo sono soprattutto:

  • Età, sesso e professione dell’assicurato
  • Luogo di residenza
  • Classe di merito del contraente
  • Cilindrata della moto
  • Numero di marce della moto
  • Rapporto peso/potenza espresso in kW
  • Eventuali garanzie accessorie

Non tutte le variabili hanno lo stesso impatto sul prezzo finale. Contrariamente a quanto si pensa, inoltre, non è il modello a far lievitare il costo. Non necessariamente, dunque, l’assicurazione moto conveniente è quella di un veicolo più costoso.

Fasce cilindrata assicurazione moto: quali sono

Perché le marce influiscono più del modello? La risposta è semplice, ma per capirla bisogna ripassare il Codice della Strada. L’articolo 53 CdS inquadra sotto l’etichetta di motocicli tutti i veicoli di cilindrata pari o superiore ai 50cc. Occorre ricordare che ogni cilindrata richiede una patente di guida e, di conseguenza, un’esperienza. Il costo assicurazione moto dipende anche da ciò. Le compagnie assicurative hanno inserito la variabile del numero di marce soprattutto per far risparmiare chi sottoscrive l’assicurazione scooter, veicolo notoriamente a una sola marcia rispetto alle moto da strada.

Attenzione, però, a non sottovalutare la cilindrata quando si vuole ottenere un preventivo. Una moto di cilindrata superiore ai 150cc, infatti, costerà in assoluto meno rispetto a quella di una due ruote dalla cilindrata inferiore. Il motivo è presto spiegato. Per condurre veicoli fino a 150cc, infatti, basta disporre della patente B. Non necessariamente chi ha questo titolo di guida ha esperienze su motorini o scooter, mentre chi guida una moto di cilindrata superiore a 150cc ha obbligatoriamente preso la patente A. Si presume, dunque, che questo soggetto sia più avvezzo all’utilizzo della moto e meno esposto al rischio di incappare in incidenti. Per questo il prezzo che la compagnia assicurativa gli proporrà sarà, per forza di cose, inferiore.

Assicurazione moto economica: come risparmiare sulla polizza moto

Come abbiamo visto la conquista di un’assicurazione moto economica dipende dalle fasce di cilindrata. Ma non solo. Se l’esperienza di guida è fondamentale per risparmiare, altrettanto lo sono le abitudini di consumo. Aggiungere o meno garanzie accessorie fa lievitare il prezzo, ma sapere come e quando si utilizza la moto è indispensabile per assicurarsi la migliore tariffa. Chi utilizza il veicolo soltanto per alcuni periodi dell’anno può infatti affidarsi ad assicurazioni temporanee o sospendibili, che permettono di congelare la polizza per alcuni mesi e di riattivarla quando si tira fuori la moto dal garage. Comodo, no?

Se hai bisogno di rintracciare un’assicurazione moto economica, affidati al nostro sito. Usa il comparatore di Quale.it per inserire i pochi dati (personali e del veicolo) necessari a ricevere un preventivo gratuito. Una volta ricevuto, avrai a disposizione ben due mesi di tempo per valutarlo e decidere se convalidarlo.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE