Assicurazione moto conducente diverso dal proprietario: conviene davvero?

Sottoscrivere un’assicurazione moto con conducente diverso dal proprietario è un buon modo per risparmiare sulla polizza RC? Obbligatoria per legge, l’assicurazione responsabilità civile è una delle voci di spesa maggiori per ogni proprietario di un veicolo. Per questo si è sempre alla ricerca di una soluzione per contenerne i costi. Scopriamo cosa succede se intestatario e conducente non coincidono e se questa soluzione conviene davvero.

Assicurazione moto conducente diverso dal proprietario: cosa significa

Per capire cosa si intende per assicurazione conducente diverso dal proprietario, occorre prima di tutto fare chiarezza tra i termini.

  • Conducente: colui che guida il veicolo, anche se non ne detiene la proprietà. Viene autorizzato dal proprietario: se utilizza il veicolo per più di 30 giorni, bisogna annotare la variazione sulla carta di circolazione
  • Proprietario: colui al quale è intestato il veicolo, come segnalato sulla carta di circolazione. A lui fanno capo anche l’attestato di rischio, ovvero lo storico dei sinistri avvenuti negli ultimi cinque anni e la relativa classe di merito assegnata
  • Contraente: colui che stipula l’assicurazione RC Auto ed è, pertanto, tenuto al pagamento della polizza. Può trattarsi sia del proprietario che del conducente del veicolo

Le norme in vigore ammettono la possibilità che ci sia un guidatore diverso dal proprietario. Come incide tutto ciò sulla polizza RC Moto?

Assicurazione moto conducente diverso dal proprietario: come funziona

Per legge contraente e conducente abituale non devono necessariamente coincidere. Allo stesso modo non devono obbligatoriamente coincidere proprietario della moto e contraente della polizza assicurativa. Infatti è possibile anche intestarla la polizza a una persona senza patente. In questo caso, però, esiste una condizione: l’intestatario non potrà essere indicato come conducente, né abituale né occasionale. Il contraente della polizza moto può inoltre cambiare di anno in anno.

Classe Bonus/Malus

Per quanto riguarda la classe bonus malus, però, bisogna sottolineare che il premio da pagare è sempre relativo al proprietario del veicolo. In tutti i casi di una polizza moto o auto intestata a persona diversa dal proprietario, infatti, il contraente è tenuto a pagare un premio calcolato in base alla classe di merito del proprietario.

Assicurazione moto conducente diverso dal proprietario: come risparmiare

Come massimizzare, dunque, i vantaggi di una polizza moto con conducente diverso dal proprietario? Le soluzioni non mancano, ma non tutte le compagnie assicurative concedono questo tipo di formula. Le due più gettonate consistono nell’adesione alla Legge Bersani, che permette di ereditare la classe di merito di un familiare convivente, o nella scelta di inserire la formula di guida esclusiva. Il vantaggio maggiore, affidandosi alla Legge 40/2007 (che si applica solo per veicoli appartenenti alla stessa tipologia), è quello di non pagare il passaggio di proprietà.

Tuttavia non mancano gli svantaggi. Oltre a quello, già citato, della classe bonus malus, c’è ad esempio la questione delle multe. Ogni sanzione resta infatti a carico del proprietario, che nello specifico non coinciderebbe col conducente. In caso di incidente, invece, si configurano due ipotesi. Se il conducente non ha colpe, il proprietario ha diritto al risarcimento dei danni materiali. Se il conducente è responsabile, invece, la responsabilità civile cade su entrambi i soggetti (proprietario e conducente), a meno che quest’ultimo non dimostri di aver fatto di tutto per evitare il danno oppure se il proprietario sostiene di non essere a conoscenza del prestito del furto, ma soltanto avendo denunciato in precedenza il furto.

Prima di scegliere questa soluzione è decisamente opportuno mettere sul piatto della bilancia pro e contro, contattare la propria compagnia assicurativa e fare tutte le valutazioni del caso. Per risparmiare sulla tua polizza moto, invece, affidati a noi. Compila il form presente sul sito con i dati richiesti e ottieni istantaneamente le quotazioni delle migliori compagnie RC Moto online. Salvale sul tuo pc e prendi una decisione entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE