L’assicurazione moto a rate

L’assicurazione moto a rate

Disciplinata dall’articolo 193 del Codice della Strada, che ricorda come “i veicoli a motore senza guida di rotaie, compresi i filoveicoli e i rimorchi, non possono essere posti in circolazione sulla strada senza la copertura assicurativa a norma delle vigenti disposizioni di legge sulla responsabilità civile verso terzi”, l’assicurazione moto è obbligatoria per legge e il suo costo, come vi abbiamo segnalato in passato, è influenzato da diverse variabili. I centauri di primo pelo, meno avvezzi a polizze temporanee o sospendibili, non avranno forse particolare confidenza con l’assicurazione a rate. Cos’è e chi può sottoscriverla? Vi spieghiamo tutto.

Assicurazione moto a rate: cos’è e quali sono le parti in causa?

Pensata per permettere di adempiere più agevolmente agli obblighi di copertura assicurativa, consente di spalmare i pagamenti dovuti alla propria compagnia. Di norma, infatti, la polizza moto può essere pagata annualmente o semestralmente, ma può capitare che il contraente si trovi a dover concentrare diverse spese in un determinato periodo dell’anno e non riesca a far fronte alle scadenze. Attraverso l’assicurazione moto a rate, invece, l’intestatario della stessa potrà corrispondere mensilmente quanto dovuto, distribuendo diversamente il prezzo del premio.

I soggetti coinvolti nell’operazione sono tre: assicurato, compagnia assicurativa e società finanziaria. Quest’ultima dovrà accertarsi che il contraente abbia la possibilità di ottemperare ai pagamenti, ovvero sia in possesso di uno stipendio fisso o di entrate sicure.

Assicurazione moto a rate: pro e contro

Se a una prima occhiata la polizza a rate sembra offrire solo vantaggi, a un’analisi più attenta si scoprirà che non è necessariamente così. Partiamo intanto da una considerazione: gli interessi applicati dalla società finanziaria renderanno più alto il costo finale. Tradotto: i motociclisti che si affidano ad assicurazioni rateizzate, a fine anno avranno pagato di più rispetto alle persone che avranno scelto polizze semestrali o annuali. Inoltre va ricordato che la finanziaria richiederà il possesso di una carta di credito e, conseguentemente, un costo di attivazione e uno di gestione. Infine un’altra discriminante da non trascurare: se lavori saltuariamente o come collaboratore occasionale, sei davvero certo di poter adempiere regolarmente al pagamento delle rate?

Fai la scelta giusta confrontando tra le migliori offerte sull’assicurazione moto

Una volta poste sul piatto della bilancia tutte queste variabili, non resterà che scegliere l’assicurazione moto più adatta alle tue esigenze, senza dimenticare che ormai dal 2016 (a seguito dell’approvazione del Ddl Concorrenza) le compagnie assicurative sono tenute a praticare sconti sulle polizze annuali agli assicurati che non siano incorsi in sinistri negli ultimi cinque anni. Attraverso il motore di ricerca presente sul nostro sito, sarà possibile confrontare le offerte proposte dalle migliori compagnie assicurative e generare un preventivo gratuito che avrà validità 60 giorni. Cosa stai aspettando?

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione casa eventi atmosferici: come funziona? È utile?

Assicurazione casa eventi atmosferici: come funziona? È utile? L’assicurazione casa è una delle protezioni più importanti della nostra vita. Tra le varie opzioni, ce n’è una spesso snobbata da chi vuole acquistare una polizza per la propria abitazione. La polizza casa eventi atmosferici è invece un’importante aggiunta alla propria tutela domestica. Scopriamo insieme da cosa

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento danni assicurazione casa: qual è l’iter da seguire

Risarcimento danni assicurazione casa: qual è l’iter da seguire Hai stipulato un’assicurazione casa per il tuo immobile di proprietà o per l’appartamento che abiti ed è in affitto? Hai subìto un danno e vuoi richiedere il giusto risarcimento? Scopri qual è l’iter da seguire per chiedere il risarcimento danni assicurazione casa. Comunica subito con la

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione appartamento: come funziona?

Il tuo appartamento è il posto accogliente dove torni dopo una lunga giornata di lavoro, dove i tuoi figli crescono, imparano, giocano, dove riposi, ti senti protetto. È fondamentale, quindi, volerlo assicurare per essere certi che sia sempre al sicuro, e voi al suo interno. Come funziona l’assicurazione appartamento? Scopriamolo insieme. Assicurazione casa: cosa è? L’assicurazione

CONTINUA A LEGGERE

Rendita vitalizia: cos’è? Come funziona?

La rendita vitalizia può essere un modo per rimpinguare la pensione. Molti italiani, già da anni, scelgono la rendita vitalizia come forma di pensione complementare. È un modo infatti per mettere da parte del denaro, farlo fruttare e ottenerlo indietro allo scadere del contratto. Come funziona? Rendita vitalizia: cos’è Per rendita si intende un contratto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso?

Auto rubata e ritrovata: l’assicurazione paga lo stesso? Un numero in calo ma sempre consistente. In Italia sono state 103.030 le automobili rubate nel 2017. I ritrovamenti (in calo dell’11,57% rispetto all’anno precedente) sono stati in tutto 49.801. Se ne ricava che più di una vettura ogni due non torna in possesso del legittimo proprietario.

CONTINUA A LEGGERE