L’assicurazione moto a rate

L’assicurazione moto a rate

Disciplinata dall’articolo 193 del Codice della Strada, che ricorda come “i veicoli a motore senza guida di rotaie, compresi i filoveicoli e i rimorchi, non possono essere posti in circolazione sulla strada senza la copertura assicurativa a norma delle vigenti disposizioni di legge sulla responsabilità civile verso terzi”, l’assicurazione moto è obbligatoria per legge e il suo costo, come vi abbiamo segnalato in passato, è influenzato da diverse variabili. I centauri di primo pelo, meno avvezzi a polizze temporanee o sospendibili, non avranno forse particolare confidenza con l’assicurazione a rate. Cos’è e chi può sottoscriverla? Vi spieghiamo tutto.

Assicurazione moto a rate: cos’è e quali sono le parti in causa?

Pensata per permettere di adempiere più agevolmente agli obblighi di copertura assicurativa, consente di spalmare i pagamenti dovuti alla propria compagnia. Di norma, infatti, la polizza moto può essere pagata annualmente o semestralmente, ma può capitare che il contraente si trovi a dover concentrare diverse spese in un determinato periodo dell’anno e non riesca a far fronte alle scadenze. Attraverso l’assicurazione moto a rate, invece, l’intestatario della stessa potrà corrispondere mensilmente quanto dovuto, distribuendo diversamente il prezzo del premio.

I soggetti coinvolti nell’operazione sono tre: assicurato, compagnia assicurativa e società finanziaria. Quest’ultima dovrà accertarsi che il contraente abbia la possibilità di ottemperare ai pagamenti, ovvero sia in possesso di uno stipendio fisso o di entrate sicure.

Assicurazione moto a rate: pro e contro

Se a una prima occhiata la polizza a rate sembra offrire solo vantaggi, a un’analisi più attenta si scoprirà che non è necessariamente così. Partiamo intanto da una considerazione: gli interessi applicati dalla società finanziaria renderanno più alto il costo finale. Tradotto: i motociclisti che si affidano ad assicurazioni rateizzate, a fine anno avranno pagato di più rispetto alle persone che avranno scelto polizze semestrali o annuali. Inoltre va ricordato che la finanziaria richiederà il possesso di una carta di credito e, conseguentemente, un costo di attivazione e uno di gestione. Infine un’altra discriminante da non trascurare: se lavori saltuariamente o come collaboratore occasionale, sei davvero certo di poter adempiere regolarmente al pagamento delle rate?

Fai la scelta giusta confrontando tra le migliori offerte sull’assicurazione moto

Una volta poste sul piatto della bilancia tutte queste variabili, non resterà che scegliere l’assicurazione moto più adatta alle tue esigenze, senza dimenticare che ormai dal 2016 (a seguito dell’approvazione del Ddl Concorrenza) le compagnie assicurative sono tenute a praticare sconti sulle polizze annuali agli assicurati che non siano incorsi in sinistri negli ultimi cinque anni. Attraverso il motore di ricerca presente sul nostro sito, sarà possibile confrontare le offerte proposte dalle migliori compagnie assicurative e generare un preventivo gratuito che avrà validità 60 giorni. Cosa stai aspettando?

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Carta di circolazione moto: cos’è, come leggerla

“Favorisca patente e libretto”. Quante volte ci è capitato di imbatterci in una frase del genere? Se siete stati guidatori fortunati l’avrete ascoltata magari soltanto in tv, ma se circolate su strada da tanto è inevitabile non essere stati almeno una volta i destinatari della richiesta. I documenti richiesti dalle Forze dell’Ordine nei controlli di

CONTINUA A LEGGERE

Auto per disabili: agevolazioni acquisto, assicurazione e bollo

In Italia ci sono oltre 4,5 milioni di disabili. 160.000 sono invece le patenti B speciali attive, ovvero quelle riservate alle persone affette da handicap e che permettono di guidare auto per disabili. Lo Stato e le singole regioni prevedono diversi aiuti per il loro acquisto. Scopriamo insieme di quali si tratta e come accedervi.

CONTINUA A LEGGERE

Incidente in famiglia: si viene risarciti dall’assicurazione?

Restare coinvolti in un incidente stradale. Una paura recondita per la maggior parte degli automobilisti, una spiacevole circostanza capitata a molti. Una volta valutate le condizioni fisiche e del veicolo e accertate le responsabilità, facendo affidamento sull’assicurazione responsabilità civile obbligatoria per legge, giunge il momento di ricevere l’indennizzo. A questo punto sarà la compagnia assicuratrice

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE

Come proteggere gli animali dai botti

Come proteggere gli animali dai botti I botti, i petardi e i fuochi d’artificio sono frequentissimi durante le feste, specialmente a Capodanno, dove purtroppo fanno danni anche tra le persone. Ogni anno seguiamo il bollettino in tv: ragazzi che perdono dita o perfino interi arti, per il divertimento di una sera. Quello a cui pochi

CONTINUA A LEGGERE

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE