Assicurazione moto 6 mesi: 5 consigli per risparmiare

La assicurazione moto 6 mesi è una formula utile a chi non viaggia in sella tutto l’anno. Se nei mesi freddi la nostra due ruote viene riposta in garage, o se la si usa soltanto per le vacanze, affidarsi a polizze temporanee o sospendibili rappresenta una soluzione intelligente. Farlo significa pagare meno il premio annuale e soddisfare al meglio la ricerca di un’assicurazione moto economica. Quali sono i pro e i contro di un’assicurazione moto semestrale?

Assicurazione moto 6 mesi: come funziona

Per sottoscrivere l’assicurazione moto 6 mesi è sufficiente indicare alla compagnia assicurativa il periodo di copertura scelta. Viaggiando solo nei mesi caldi, ad esempio, si può scegliere il segmento 1 aprile – 30 settembre. Nei mesi seguenti, la moto non risulterà assicurata e non potrà né circolare né sostare su strada pubblica.

Assicurazioni semestrali: vantaggi

La polizza moto 6 mesi rientra senza dubbio tra le assicurazioni moto economiche. Il suo maggior vantaggio consiste nella riduzione del premio da pagare alla compagnia. Chi la sottoscrive, dunque, paga molti meno soldi.

Svantaggi

Come ogni assicurazione moto temporanea, però, presenta anche degli svantaggi. Il premio assicurativo risulta infatti minore in assoluto, ma per una polizza semestrale viene maggiorato di circa il 30% rispetto all’annuale. Calcolando il premio di una polizza annuale, pertanto, equivale a pagare circa 8 mesi. Inoltre la polizza temporanea non raggiunge il periodo di osservazione (10 mesi) e quindi non permette di migliorare la propria classe di merito.

Assicurazione moto 6 mesi: come risparmiare

Prima di sottoscrivere un’assicurazione temporanea moto è opportuno considerare tutte le variabili. Per risparmiare sull’assicurazione moto 6 mesi è consigliato:

  • Stimare con precisione il periodo in cui si circola: quando si andrà davvero in moto? Mai come con questa formula è fondamentale saperlo, per non “sprecare” mesi di copertura assicurativa. Gli errori non sono ammessi. O meglio, costano caro: se si decide di assicurare la moto fino a fine settembre ma non si è circolato nei primi due mesi coperti, sarà comunque impossibile andare a spasso da ottobre in poi.
  • Confrontare le offerte: quasi tutte le compagnie assicurative propongono formule di questo genere. Prima di sceglierne una, è utile affidarsi alla comparazione online
  • Controllare le garanzie accessorie: quali e quante ne servono davvero? Se in quei 6 mesi si pensa di viaggiare, può essere utile aggiungere una garanzia Furto e Incendio. Ma non solo…
  • Franchigia, massimali ed esclusioni: valutare attentamente tutte le condizioni contrattuali prima di sottoscrivere la polizza moto. Il costo della franchigia è di solito molto più alto rispetto alla polizza con copertura annuale
  • Non confondere assicurazione 6 mesi con assicurazione moto a rate: non necessariamente le due cose coincidono. Il premio della prima deve essere pagato in unica soluzione e non è detto che la compagnia assicurativa accetti di affidarsi a una finanziaria per spalmarlo su più mensilità.

Una volta esaminati tutti questi fattori, non resta che scegliere. Il modo migliore per risparmiare sull’assicurazione moto 6 mesi è visitare il nostro sito. Grazie a un comparatore intuitivo e rapido, otterrete con pochi passaggi le quotazioni delle più importanti compagnie online. A quel punto avrete ben 60 giorni di tempo per decidere se convalidare o meno il preventivo gratuito o ricominciare la ricerca.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento in forma specifica RC Auto: quando si applica?

Il risarcimento in forma specifica è una particolare clausola contrattuale che si applica anche alle assicurazioni RC Auto. Questo tipo di clausola è facoltativa e non obbligatoria: garantisce sconti a chi decide di inserirla, ma vincola il contraente a rispettare alcuni paletti. Vediamo cosa si intende per risarcimento in forma specifica RCA e cosa cambia

CONTINUA A LEGGERE

Incidente con revisione scaduta: cosa si rischia con l’assicurazione

Circolare con la revisione scaduta è un azzardo che può costare molto caro. Dimenticanza per molti, preoccupante abitudine per altri, questa condotta vale per tutti la stessa sanzione. Con revisione scaduta cosa succede? Ma soprattutto, cosa accade se si incappa in un incidente senza aver sostenuto il controllo periodico? Revisione auto scaduta: art.80 Codice della

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE