Assicurazione Kasko: cosa copre, come funziona

Ogni proprietario di un veicolo è obbligato a sottoscrivere un’assicurazione Responsabilità Civile Autoveicoli. La polizza auto obbligatoria copre parzialmente o integralmente i danni causati ad altre persone o cose durante l’utilizzo del veicolo. Cosa accade, però, se a provocare un danno non è un soggetto terzo ma il proprietario stesso dell’automobile? Le garanzie accessorie intervengono proprio in casi del genere. Tra le più diffuse c’è l’assicurazione Kasko, una formula che rimborsa il contraente a prescindere dalla sua responsabilità.

Polizza Kasko: cos’è

L’assicurazione Kasko permette di essere rimborsato indipendentemente dalla natura del danno subito. Questa formula è particolarmente indicata per chi trascorre molto tempo alla guida del proprio veicolo. In queste circostanze, infatti, il rischio di incappare in un sinistro aumenta. Se l’incidente è figlio di una manovra improvvida, di una distrazione o di qualunque dinamica non inclusa nella RCA obbligatoria, è di vitale importanza disporre della garanzia kasko. Con la polizza kasko auto, infatti, si ottiene una copertura maggiore e si ha sempre diritto all’indennizzo assicurativo. Come per ogni garanzia accessoria, la sottoscrizione dell’assicurazione casco comporta una maggiorazione del premio annuo.

Assicurazione kasko auto: a chi si rivolge

Chi può beneficiare maggiormente della copertura offerta dell’assicurazione kasko? La sottoscrizione della casko è indicata se si viaggia molto per lavoro, oppure se si dispone di una vettura particolarmente costosa o se si è neopatentati. È dunque consigliato affidarsi alla polizza kasko in tutte le circostanze in cui si trascorre molto tempo al volante o si rischia di sobbarcarsi spese di riparazione ingenti a fronte di un danno non provocato da terzi. Le compagnie assicurative propongono ai propri clienti tre tipi di kasko assicurazione:

  • Assicurazione Kasko a valore intero: senza limiti relativi alla copertura
  • Assicurazione Kasko a primo rischio relativo: la copertura massima viene calcolata in base al valore del veicolo al momento del sinistro
  • Polizza Kasko a primo rischio assoluto: a prescindere dal valore del veicolo è previsto un massimale fisso

Cosa copre la polizza Kasko

L’assicurazione Kasko copre anche i danni autoindotti al proprio veicolo e non solo, come la RC Auto base, quelli causati a terzi. Questa garanzia accessoria prevede due differenti tipologie di copertura: totale e parziale. La Kasko è la polizza che garantisce una copertura totale anche se l’incidente che si verifica coinvolge solo il guidatore, e non anche altre vetture. La polizza mini-Kasko, invece, nota anche come polizza collisione, riduce il raggio d’azione al risarcimento dei danni causati dal conducente quando provoca un sinistro con altre vetture, senza prevedere la copertura dei danni cagionati da un incidente in solitaria. Quando si decide di sottoscrivere una assicurazione Kasko, bisogna prestare attenzione alle esclusioni. La copertura, infatti, non è garantita se si guida con patente scaduta o ritirata, sotto effetto di sostanze stupefacenti o in stato di ebbrezza. Inoltre non si ottiene l’indennizzo spettante se la causa del sinistro è attribuibile a oggetti o animali trasportati, in caso di danni dolosi (provocati intenzionalmente) o causati da eventi atmosferici o atti vandalici, casi per i quali esistono ulteriori garanzie accessorie.

Se vuoi aggiungere una garanzia accessoria alla tua polizza Rc Auto oppure cambiare compagnia per la tua assicurazione in scadenza, affidati al nostro comparatore. Genera subito un preventivo gratuito valutando tra le offerte delle migliori compagnie online, salvalo sul tuo pc e decidi entro 60 giorni se convalidarlo oppure ricevere una nuova quotazione.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE