Assicurazione grandine auto: cosa copre e quando chiedere i danni

Con i cambiamenti climatici fanno ormai da tempo i conti anche gli automobilisti. Rovesci violenti e caldo fuori stagione sono fenomeni sempre più frequenti. Con buona pace delle automobili, ormai abituate a sopportare le bizze del meteo. Se la caduta di un albero su un veicolo è un danno assai grave, anche la grandine non scherza. L’assicurazione grandine auto arriva a coprire proprio questa fattispecie, permettendo a chi la stipula di vedersi risarciti questo tipo di danno. Vediamo insieme cos’è la polizza grandine e quando è possibile chiedere il rimborso dei danni.

Assicurazione grandine auto: cos’è

L’assicurazione grandine auto è una garanzia accessoria della polizza RC Auto. In quanto tale comporta una maggiorazione del premio annuo. Si tratta di una clausola facoltativa che rientra nella categoria delle assicurazioni eventi atmosferici. Accanto all’assicurazione contro grandine, dunque, si trovano altre calamità naturali quali trombe d’aria, valanghe o frane. La polizza eventi atmosferici varia di compagnia in compagnia e non sempre sono coperte le stesse calamità. Pertanto se si intende avvalersi di un’assicurazione grandine è opportuno informarsi, a priori, sulla possibilità che la compagnia scelta la preveda.

Assicurazione grandine: come funziona

Una volta inserita nel contratto, l’assicurazione auto grandine funziona come tutte le altre garanzie accessorie. Al verificarsi dell’evento assicurato, ovvero una forte grandinata, l’assicurato è coperto per i danni subiti. La compagnia lo risarcirà delle spese di riparazione della carrozzeria, dopo essersi accertato dell’accaduto. Deve essere dunque cura del contraente fornire la prova dell’avvenuto danno.

Come richiedere il risarcimento per i danni da grandine

In che modo? Il soggetto danneggiato deve allegare foto e documenti che attestino la veridicità del fatto. Per facilitare la pratica di risarcimento può essere utile allegare la denuncia del fatto (Vigili del Fuoco, Protezione Civile o Forze dell’Ordine) e il bollettino dell’Osservatorio Meteorologico che certifichi l’avvenuta grandinata. Questa, ovviamente, deve essere successa nella data e nell’orario indicati nella domanda. A questo punto la compagnia assicurativa incarica un perito per la verifica dei danni. La stima viene fatta tenendo conto del valore di mercato dell’auto, di franchigie, massimali e scoperti presenti nel contratto.

Assicurazione grandine auto: costo

L’assicurazione grandine auto non è ancora particolarmente diffusa tra gli automobilisti italiani. Questa polizza è particolarmente consigliata se si circola in auto in zone soggette a fenomeni temporaleschi. Prima di stipulare questa garanzia accessoria, è sempre consigliato verificare le condizioni e le esclusioni del contratto. Molto spesso, infatti, è coperta soltanto una parte dei danni provocati alla carrozzeria dalla grandine. Tuttavia in assenza di questa clausola accessoria sarà l’automobilista danneggiato a farsi carico dell’intera spesa per la riparazione.

Se vuoi aggiungere garanzie accessorie alla tua polizza RC auto o risparmiare sulla tua assicurazione, visita il nostro sito. Ti basterà inserire i pochi dati richiesti nel form gratuito per ricevere subito le offerte delle migliori compagnie online. Confronta le loro tariffe e scova subito quella più adatta a te. Salva sul pc tutti i preventivi di cui hai bisogno e fai la tua scelta entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE