Assicurazione furto parziale

Assicurazione furto parziale

Tra le garanzie accessorie della assicurazione auto più note c’è quella furto e incendio. Si tratta di una copertura facoltativa e non obbligatoria che permette di essere tutelati in due casi spiacevolmente frequenti. Tuttavia sottoscrivere questo tipo di clausole non pone il contraente al riparo totale dalle sorprese. Le compagnie assicurative possono infatti decidere di modulare le penalità e non necessariamente rimborsano per intero il danno subito. Cosa accade, ad esempio, in caso di furto parziale? A quanto ammonta il risarcimento corrisposto? Facciamo chiarezza punto per punto.

Quali elementi considerare in caso di furto

A determinare il prezzo della polizza auto e, di conseguenza, dell’indennizzo, concorrono anche questi tre fattori.

  •  Franchigia. Si tratta dell’importo prestabilito che resta a carico dell’assicurato in caso di furto o incendio. Qualora sia di 300 euro e l’auto, al momento del furto, ne valga 7.000, la compagnia sarà tenuta a corrisponderne 6.700
  •  Scoperto. Ovvero la percentuale del valore dell’auto che resta a carico del contraente. Nel caso di cui sopra, con uno scoperto del 10%, la compagnia ne corrisponderà in tutto 6.300
  •  Coperture. In caso di furto la copertura vale per tutti i danni cagionati anche dai tentativi di furto o di scasso non portati a termine. Non vengono invece prese in considerazione la sottrazione degli oggetti che si trovano all’interno dell’auto né il loro furto specifico. Per l’incendio sono di norma coperti i sinistri dovuti a eventi legati al fuoco.

Degrado contrattuale e degrado da usura

Tutto chiaro? Bene, ma la risposta è rimasta inevasa. Quanto ci restituirà la compagnia presso cui abbiamo stipulato la nostra RC Auto in caso di furto parziale? Il riscontro è soggettivo. Ogni contratto determina infatti l’entità del cosiddetto “degrado contrattuale”, ovvero quello stabilito per la copertura dei danni diretti e che si applica in relazione all’età del veicolo. L’entità è spesso fatta corrispondere alla svalutazione commerciale del veicolo. Pertanto se una macchina “vale” il 30% in meno rispetto al suo prezzo d’acquisto, anche i ricambi verranno svalutati di quella percentuale. A questo si accompagna il “degrado da usura”, ossia quello determinato dallo stato di utilizzo e conservazione del veicolo. A valutarlo è un perito assicurativo traducendolo in termini di svalutazione economica.

Adesso il quadro è davvero completo. Il nostro consiglio è sempre quello di affidarsi alle assicurazioni online confrontandole sul nostro sito. In questo modo avrai modo di risparmiare sul costo annuo e di aggiungere tutte le garanzie accessorie che ritieni fare al caso tuo. Dopo averle valutate con attenzione, potrai generare a titolo gratuito un preventivo che resterà valido per i due mesi successivi.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Come cancellarsi da Facebook per sempre

Amore e odio per molti, Facebook è il social network più diffuso della Terra eppure non tutti lo amano. C’è chi infatti lo trova solo una perdita di tempo o un posto dove si litiga senza motivo. È in aumento, infatti, il numero di utenti italiani che hanno deciso di disattivare il proprio account definitivamente.

CONTINUA A LEGGERE

Come formattare iPhone? Ecco una guida semplice

Sei costretto a formattare il tuo iPhone? Hai necessità di ripristinare le impostazioni di fabbrica, magari per migliorarne le prestazioni o perché hai avuto un problema? Formattare l’iPhone è molto facile, non è roba da smanettoni e può farlo chiunque. Andiamo al sodo! Formattare l’iPhone: cosa fare prima di procedere La primissima cosa da fare,

CONTINUA A LEGGERE

Cambiare compagnia assicurativa: quando è possibile?

Cambiare compagnia assicurativa: quando è possibile? Quando è possibile cambiare la compagnia assicurativa alla quale ci si è rivolti per sottoscrivere la propria polizza RC Auto? La domanda può apparire banale, ma l’argomento è serio e merita un approfondimento adeguato. L’abolizione del tacito rinnovo contratto, voluta nel 2012 dal Governo Monti, ha infatti generato una

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro

Freni a disco bicicletta: perché sceglierli, pro e contro La loro diffusione ha conosciuto una sensibile impennata negli ultimi anni e ha innescato un dibattito acceso tra gli appassionati. Stiamo parlando dei freni a disco bici, sempre più utilizzati anche tra gli utilizzatori di telai da strada e non soltanto appannaggio dei bikers. Questione di

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo

Manutenzione bicicletta in inverno: consigli per proteggerla dal freddo Per i ciclisti che non hanno la fortuna di vivere in posti caldi o quelli particolarmente intolleranti alle temperature rigide, l’inverno è un periodo particolarmente complicato per mantenere rapporti cordiali con la propria due ruote. A maggior ragioni i mesi freddi sono quelli in più è

CONTINUA A LEGGERE

Legge di Bilancio 2019: novità auto

Legge di Bilancio 2019: novità auto La Legge di Bilancio 2019 ha introdotto importanti novità nel settore auto. L’approvazione alla Camera della legge di stabilità ha infatti confermato buona parte delle voci che si erano succedute nei mesi precedenti. Gli argomenti sulla bocca di tutti sono stati sostanzialmente due: Ecobonus ed Ecotassa. Invece le modifiche

CONTINUA A LEGGERE

Abbigliamento invernale ciclismo: come vestirsi nei mesi freddi

Abbigliamento invernale ciclismo: come vestirsi nei mesi freddi Italia: terra di mare, sole e cicloamatori. Ma cosa accade quando i mesi caldi terminano e la voglia di pedalare non scema? Anche in inverno sono infatti molti i ciclisti, più o meno esperti, che non perdono il vizio di concedersi una salutare sgambata. A prescindere dal

CONTINUA A LEGGERE