assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

L’assicurazione autocarro per uso privato

Disciplinati dall’articolo 54 del Codice della Strada, che li definisce “veicoli destinati al trasporto delle cose e delle persone addette al trasporto delle cose stesse”, gli autocarri devono essere regolarmente assicurati. A differenza di quella dedicata alle auto, l’assicurazione autocarro, riservata esclusivamente a mezzi con massa uguale o superiore ai 35 quintali e adibiti prettamente a scopo commerciale, ha nella portata (ovvero il massimo carico trasportabile) e non nella cilindrata la variabile più importante.

Due tipi di assicurazione per uso privato

Nel momento in cui si stipula una assicurazione autocarro bisogna dichiarare il tipo di materiale che verrà trasportato sul veicolo in questione. Tuttavia la legge contempla anche la possibilità di sottoscrivere una assicurazione autocarro per uso privato. In questo caso sono previste due tipi di polizze: ad uso proprio e ad uso promiscuo.

Assicurazione autocarro per uso proprio

Il grande vantaggio della assicurazione autocarro per uso proprio è la possibilità di usufruire degli sgravi della Legge Bersani. Come accade per le auto, infatti, sarà possibile ereditare la classe di merito di un membro dello stesso nucleo familiare, a condizione che la tipologia di veicolo assicurato sia lo stesso.

Tra i fattori che contribuiscono invece a far lievitare il costo della polizza se ne rintracciano due. La mancanza di limitazioni sul materiale trasportabile rende molto più generico il rischio e porta le compagnie assicurative ad aumentare il premio. Inoltre va tenuto conto dell’esperienza del guidatore. Di norma, infatti, le attività commerciali affidano i propri autocarri a persone esperte. Al contrario un privato potrebbe non avere lo stesso rodaggio ed essere maggiormente esposto al rischio di incidenti.

Assicurazione autocarro per uso promiscuo

Per uso promiscuo si intende invece la possibilità di assicurare un autocarro sia per scopi personali che commerciali. Per stipulare tale polizza è necessario che il libretto di circolazione del veicolo contempli questa possibilità. Il prezzo tende ad essere alto proprio in considerazione dell’elevata esposizione al pericolo del veicolo. Per abbassare il premio è utile escludere la franchigia, ovvero la quota di rimborso non coperta dall’assicurazione. Come sempre, prima di prendere qualunque decisione, vi consigliamo di mettere a confronto le migliori offerte presenti sul mercato. Sul nostro sito sarà possibile generare gratuitamente un preventivo che avrà validità per i successivi 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto per donne: con quale modello iniziare?

Moto per donne: con quale modello iniziare? In Italia la passione per le moto coinvolge sempre più donne. La crescita costante del numero delle due ruote senza motore circolanti sulle strade del Belpaese si traduce in un aumento che riguarda inevitabilmente anche il gentil sesso. E sin dalla tenera età. Rispetto al passato, infatti, sono

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre?

Assicurazione 15 giorni dopo la scadenza: quali danni copre? L’abolizione del tacito rinnovo ha cambiato notevolmente le abitudini degli italiani sul tema dell’assicurazione auto. Dal gennaio 2013 è infatti venuta meno la clausola, prevista da molte compagnie assicurative, del rinnovo automatico delle polizze in assenza di disdetta. Volta a favorire chi è intenzionato a cambiare

CONTINUA A LEGGERE

IPT auto: cos’è e quanto costa

IPT auto: cos’è e quanto costa Tra le tante tasse che colpiscono la nostra auto ce n’è una particolarmente “fastidiosa”: l’IPT. L’imposta provinciale di trascrizione grava su tutti i veicoli italiani. Deve essere versata sia quando si acquista un’auto nuova che quando se ne acquista una usata e va direttamente nelle casse delle Province. L’imposta

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona

Assicurazione scolastica: cos’è e come funziona Tra i banchi di scuola i nostri figli trascorrono mediamente 200 giorni all’anno. La prerogativa di ogni genitore è quella di poter stare tranquillo durante le ore che scandiscono le lezioni. A salvaguardare la sicurezza degli studenti durante l’attività didattica ci pensa l’assicurazione scolastica. Questa polizza è obbligatoria per

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene

Finanziamento auto: come funziona e quale conviene Il conto in banca scende ma la necessità di acquistare un’auto nuova si fa sempre più stringente? Niente paura. Anche in un periodo di recessione economica sarà possibile soddisfare il proprio bisogno di cambiare vettura. Purché, che sia essa nuova o usata, non si decida di comprarla in

CONTINUA A LEGGERE

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo

Bollo auto: cos’è e chi deve pagarlo Il bollo auto è una tassa che ogni possessore di auto iscritta al PRA (Pubblico registro Automobilistico) è tenuto a pagare annualmente. In passato era definito “tassa di circolazione”, in quanto dal suo versamento erano esentati i proprietari di veicoli che non circolavano su strada. L’entrata in vigore dall’articolo

CONTINUA A LEGGERE

Il noleggio a lungo termine

Il noleggio a lungo termine Utilizzare l’automobile solo quando serve davvero e pagarla a consumo. Se il car sharing, pratica introdotta in Italia da pochi anni e diventata subito prassi, ha aperto una strada, il noleggio a lungo termine appare pronto a solcarla. Di cosa si tratta? Nato come servizio per le aziende, che se

CONTINUA A LEGGERE