Assicurazione auto scaduta: quali sanzioni comporta?

Tra una scadenza e l’altra può capitare di arrivare in ritardo all’appuntamento con un pagamento. Se il gong della tua assicurazione auto è appena suonato, però, non è ancora il caso di allarmarsi. Esiste infatti un limite di tolleranza, successivo alla scadenza della polizza RCA, che ti pone al riparo dalle sanzioni. Tale proroga è quantificabile in quindici giorni, al termine dei quali, qualora ti trovassi ancora circolare con l’assicurazione scaduta, andrai incontro a multe.

Il salvagente del periodo di tolleranza: cos’è e che validità ha

Questa garanzia è giunta soltanto a partire dal 14 febbraio 2013 grazie a una circolare diffusa dal Ministero dell’Interno. A renderla necessaria è stata l’abolizione del tacito rinnovo dell’assicurazione auto, che obbliga le compagnie ad avvertire i contraenti della sua cessazione con almeno 30 giorni d’anticipo. Il periodo di tolleranza è indistintamente valido per le polizze semestrali e annuali ed è previsto per legge. La sua validità è limitata all’Italia e alla sola responsabilità civile. Laddove non sia espressamente specificato nel contratto, pertanto, non sono coperte le garanzie accessorie quali furto, incendio e atti vandalici.

Sanzioni pesanti per chi si mette al volante con l’assicurazione scaduta

Le ore 23.59 del quindicesimo giorno dalla scadenza dell’assicurazione segnano lo spartiacque tra legalità e illegalità. Guidare con il tagliando non valido comporta difatti la violazione dell’articolo 193 del Codice della Strada, che obbliga i mezzi a motore ad essere coperti da una polizza di responsabilità civile. E poco importa se si tratti di una dimenticanza o (ancor peggio) di una scelta consapevole. Qualora si venga sorpresi al volante sprovvisti di copertura assicurativa, si va incontro a pene severe. La sanzione pecuniaria varia dagli 841 ai 3.287 euro. Contestualmente alla multa, viene predisposto anche il sequestro del veicolo che verrà condotto in un luogo non aperto alla circolazione. In alcuni casi tale luogo può essere concordato con l’automobilista. Questi dovrà pagare entro 60 giorni e farsi carico delle spese di prelievo, trasporto e deposito del mezzo e provvedere alla corresponsione del premio assicurativo.

Ammende ancora più severe si registrano a fronte di un sinistro. In caso di incidente provocato in assenza di copertura assicurativa, guidatore (e proprietario dell’auto, qualora le figure non dovessero coincidere) dovrà risarcire personalmente i danni provocati a cose e/o persone.  Si può incappare in multe anche quando il veicolo viene parcheggiato in un’area pubblica con il tagliando scaduto da più di 15 giorni.

Due modi per ridurre le multe

La riduzione del 25% del peso della sanzione ricevuta è garantita purché sussistano due condizioni:

  • Nel caso in cui il premio sia pagato nei 15 giorni successivi alla scadenza stabilita dall’articolo 1901.
  • Se il destinatario del provvedimento, entro 30 giorni dalla contestazione e dopo aver comunicato l’intenzione di procedere all’organo che ha rilevato la trasgressione, si fa carico della demolizione del veicolo.

Per evitare di arrivare a tanto ricorda di rinnovare in tempo la tua assicurazione auto scegliendo, tra le tante presenti sul mercato, l’offerta più consona alle tue esigenze.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Carta di circolazione moto: cos’è, come leggerla

“Favorisca patente e libretto”. Quante volte ci è capitato di imbatterci in una frase del genere? Se siete stati guidatori fortunati l’avrete ascoltata magari soltanto in tv, ma se circolate su strada da tanto è inevitabile non essere stati almeno una volta i destinatari della richiesta. I documenti richiesti dalle Forze dell’Ordine nei controlli di

CONTINUA A LEGGERE

Auto per disabili: agevolazioni acquisto, assicurazione e bollo

In Italia ci sono oltre 4,5 milioni di disabili. 160.000 sono invece le patenti B speciali attive, ovvero quelle riservate alle persone affette da handicap e che permettono di guidare auto per disabili. Lo Stato e le singole regioni prevedono diversi aiuti per il loro acquisto. Scopriamo insieme di quali si tratta e come accedervi.

CONTINUA A LEGGERE

Incidente in famiglia: si viene risarciti dall’assicurazione?

Restare coinvolti in un incidente stradale. Una paura recondita per la maggior parte degli automobilisti, una spiacevole circostanza capitata a molti. Una volta valutate le condizioni fisiche e del veicolo e accertate le responsabilità, facendo affidamento sull’assicurazione responsabilità civile obbligatoria per legge, giunge il momento di ricevere l’indennizzo. A questo punto sarà la compagnia assicuratrice

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE

Come proteggere gli animali dai botti

Come proteggere gli animali dai botti I botti, i petardi e i fuochi d’artificio sono frequentissimi durante le feste, specialmente a Capodanno, dove purtroppo fanno danni anche tra le persone. Ogni anno seguiamo il bollettino in tv: ragazzi che perdono dita o perfino interi arti, per il divertimento di una sera. Quello a cui pochi

CONTINUA A LEGGERE

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE