Assicurazione auto scaduta: quali sanzioni comporta?

Tra una scadenza e l’altra può capitare di arrivare in ritardo all’appuntamento con un pagamento. Se il gong della tua assicurazione auto è appena suonato, però, non è ancora il caso di allarmarsi. Esiste infatti un limite di tolleranza, successivo alla scadenza della polizza RCA, che ti pone al riparo dalle sanzioni. Tale proroga è quantificabile in quindici giorni, al termine dei quali, qualora ti trovassi ancora circolare con l’assicurazione scaduta, andrai incontro a multe.

Il salvagente del periodo di tolleranza: cos’è e che validità ha

Questa garanzia è giunta soltanto a partire dal 14 febbraio 2013 grazie a una circolare diffusa dal Ministero dell’Interno. A renderla necessaria è stata l’abolizione del tacito rinnovo dell’assicurazione auto, che obbliga le compagnie ad avvertire i contraenti della sua cessazione con almeno 30 giorni d’anticipo. Il periodo di tolleranza è indistintamente valido per le polizze semestrali e annuali ed è previsto per legge. La sua validità è limitata all’Italia e alla sola responsabilità civile. Laddove non sia espressamente specificato nel contratto, pertanto, non sono coperte le garanzie accessorie quali furto, incendio e atti vandalici.

Sanzioni pesanti per chi si mette al volante con l’assicurazione scaduta

Le ore 23.59 del quindicesimo giorno dalla scadenza dell’assicurazione segnano lo spartiacque tra legalità e illegalità. Guidare con il tagliando non valido comporta difatti la violazione dell’articolo 193 del Codice della Strada, che obbliga i mezzi a motore ad essere coperti da una polizza di responsabilità civile. E poco importa se si tratti di una dimenticanza o (ancor peggio) di una scelta consapevole. Qualora si venga sorpresi al volante sprovvisti di copertura assicurativa, si va incontro a pene severe. La sanzione pecuniaria varia dagli 841 ai 3.287 euro. Contestualmente alla multa, viene predisposto anche il sequestro del veicolo che verrà condotto in un luogo non aperto alla circolazione. In alcuni casi tale luogo può essere concordato con l’automobilista. Questi dovrà pagare entro 60 giorni e farsi carico delle spese di prelievo, trasporto e deposito del mezzo e provvedere alla corresponsione del premio assicurativo.

Ammende ancora più severe si registrano a fronte di un sinistro. In caso di incidente provocato in assenza di copertura assicurativa, guidatore (e proprietario dell’auto, qualora le figure non dovessero coincidere) dovrà risarcire personalmente i danni provocati a cose e/o persone.  Si può incappare in multe anche quando il veicolo viene parcheggiato in un’area pubblica con il tagliando scaduto da più di 15 giorni.

Due modi per ridurre le multe

La riduzione del 25% del peso della sanzione ricevuta è garantita purché sussistano due condizioni:

  • Nel caso in cui il premio sia pagato nei 15 giorni successivi alla scadenza stabilita dall’articolo 1901.
  • Se il destinatario del provvedimento, entro 30 giorni dalla contestazione e dopo aver comunicato l’intenzione di procedere all’organo che ha rilevato la trasgressione, si fa carico della demolizione del veicolo.

Per evitare di arrivare a tanto ricorda di rinnovare in tempo la tua assicurazione auto scegliendo, tra le tante presenti sul mercato, l’offerta più consona alle tue esigenze.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incentivi auto 2019: elettriche, ibride, metano, gpl

L’approvazione dell’ultima Legge di Bilancio ha apportato significative novità sul fronte degli incentivi auto 2019. Suggerita da recenti normative dell’Unione Europea, la svolta verso una mobilità sostenibile è stata avallata dal Governo M5S – Lega. Chi acquista auto a partire dall’1 marzo 2019 ha diretto a incentivi, ma solo a determinate condizioni. Di quali si

CONTINUA A LEGGERE

Viaggi in moto: 3 mete ideali per l’estate 2019

Fare le vacanze on the road in moto. Una passione per molti, un nuovo obiettivo per tanti altri. Evitare le code autostradali, viaggiare sferzati dal vento e potersi godere panorami mozzafiato sono fattori che orientano le scelte di molti centauri. Fare viaggi in moto è sinonimo di libertà, indipendenza e avventura. Ma se per i

CONTINUA A LEGGERE

Il casco in bicicletta è obbligatorio?

Quando si va in bici è obbligatorio indossare il casco? Chi, almeno una volta nella vita, non si è posto questa domanda. Dal ciclista dell’ultima ora all’automobilista indispettito dai rallentamenti della domenica, il dubbio è lecito. L’argomento è stato spesso dibattuto e sarebbe dovuto essere oggetto di riforma nel Nuovo Codice della Strada. Ad oggi,

CONTINUA A LEGGERE

Cellulare alla guida: aumento delle sanzioni nel 2019

Utilizzare il cellulare alla guida è una cattiva abitudine che riguarda buona parte degli automobilisti. Tra le novità previste dalla riforma del Codice della Strada c’è anche quella che riguarda l’inasprimento delle sanzioni connesse guida con cellulare. L’obiettivo è quello di agire come deterrente contro una prassi pericolosa per sé stessi e per gli altri. Secondo

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Auto senza assicurazione: quali sono le sanzioni?

Guidare un’auto senza assicurazione è un reato punito in più modi. Mettersi alla guida di un veicolo non assicurato costituisce un rischio per sé stessi e per gli altri. Nonostante ciò i casi di automobilisti fermati alla guida senza assicurazione sono in continuo aumento. A questo spiacevole fenomeno si lega direttamente quello delle fughe a

CONTINUA A LEGGERE

Modello 730/2019: l’assicurazione auto è detraibile?

È possibile procedere alla detrazione assicurazione auto sul modello 730/2019? Quando si effettua la dichiarazione dei redditi, ci si trova a fare i conti con spese detraibili e spese deducibili. Tra le prime rientrano anche quelle assicurative. Non tutte sono però detraibili dal 730 o dal Modello redditi persone fisiche. L’assicurazione auto è detraibile? Quando

CONTINUA A LEGGERE

Decurtazione punti patente: eccesso di velocità

Dal 2003 gli automobilisti italiani si trovano alle prese con la patente a punti. Questo meccanismo premia i guidatori virtuosi permettendo loro di guadagnare due punti ogni biennio, fino a un massimo di 30 totali. La base di partenza è di 20 punti e ovviamente si rischia la perdita punti patente quando si commettono infrazioni

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze economiche con cane: due mete spettacolari per spendere poco

Vacanze economiche con cane al seguito? Sembra un sogno, un’utopia? Invece può essere realtà! Tutti noi padroni di cani sappiamo quanto sia complicato organizzare un’estate in serenità, senza lasciare Fido a casa. È parte della famiglia e vogliamo portarlo con noi: ma come viaggiare con animali senza spendere una fortuna? Ecco due mete davvero spettacolari per

CONTINUA A LEGGERE