Assicurazione auto: quando è detraibile?

Assicurazione auto: quando è detraibile?

Quando si effettua la dichiarazione dei redditi è possibile scaricare alcune spese sostenute durante l’anno per ottenere un rientro economico. Per farlo è indispensabile documentarle attraverso fatture e ricevute che attestino le dichiarazioni. Tra le spese detraibili ci sono anche quella relative all’assicurazione auto e alla assicurazione moto. Soltanto in alcuni casi, però, sarà possibile beneficiare di questi sgravi.

Polizza auto: chi può beneficiare delle detrazioni

Il Decreto 102 del 2013 ha stabilito in 630 euro l’importo complessivo sul quale effettuare le detrazioni al 19% . Per effetto della legge in vigore ne possono beneficiare i contraenti che hanno sottoscritto una polizza RCA di durata almeno quinquennale entro il 31 dicembre 2000. Possono però essere inserite nella dichiarazione dei redditi solo le assicurazioni di lunga durata che abbiano come oggetto il rischio di morte o un’invalidità permanente inferiore al 5%. La detrazione arriverà sotto forma di rimborso di parte del premio pagato.

Rc Auto: come ottenere le detrazioni

All’atto della compilazione del Modello 730, gli intestatari di un contratto di assicurazione possono inserire una copia del contratto medesimo, se regolarmente pagato e depositato presso l’agenzia di assicurazione. Così facendo l’Agenzia delle Entrate avrà modo di procedere al calcolo della detrazione, che avverrà sul premio annuo, in base al reddito. Per ottenerla occorrerà allegare i seguenti documenti.

  •         Copia del contratto di assicurazione
  •         Numero di targa del veicolo assicurato
  •         Dati della persona a cui è intestato il contratto di assicurazione

Assicurazione auto: quando non è detraibile

L’introduzione della Legge Fornero ha impedito detraibilità e deducibilità delle assicurazioni sulle auto aziendali. Inoltre, rispetto a quanto avveniva in passato, non sono più detraibili le assicurazioni auto a rinnovo annuale e semestrale, comprese le polizze temporanee o sospendibili.

La possibilità di detrarre le spese per l’assicurazione auto ha permesso a molti guidatori di ottenere, in maniera indiretta, corposi sconti. Questa modalità incoraggia la ricerca di nuove soluzioni per l’assicurazione auto e contribuisce alla possibilità di rinnovare i contratti in scadenza indipendentemente dall’abolizione del tacito rinnovo.

Se intendi affidarti a una polizza a lungo termine per godere degli sgravi fiscali previsti dalla legge, oppure se vuoi semplicemente rinnovare quella di cui disponi attualmente, rivolgiti a noi. Sul nostro sito potrai confrontare tutte le proposte delle migliori compagnie assicurative e scegliere quella più adatta alle tue esigenze. Dopo averle messe sul piatto della bilancia, potrai generare un preventivo senza impegno che resterà valido per i successivi due mesi. Quale modo migliore per iniziare a risparmiare?

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

RCA familiare e Legge Bersani: quali sono le differenze?

Tra le più attese auto novità 2020 c’è l’introduzione della RCA familiare. In vigore dal 16 febbraio 2020, questo provvedimento estende i benefici della Legge Bersani assicurazione auto. Vediamo in cosa consiste la RC Auto familiare e quali sono le differenze con la Legge 40/2007. Cos’è la RCA Familiare La modifica dell’art. 134 del Codice

CONTINUA A LEGGERE

Come disdire assicurazione auto dopo l’abolizione del tacito rinnovo

Disdire l’assicurazione auto non è più una procedura obbligatoria per cambiare compagnia. L’abolizione del tacito rinnovo assicurazione permette infatti di non comunicare più alla propria compagnia la volontà di trasferire altrove la propria polizza RC Auto. Vediamo dunque come si può, già dal dicembre 2013, cambiare compagnia senza tacito rinnovo. Tacito rinnovo: significato e abolizione

CONTINUA A LEGGERE

Danni caduta alberi: chi li risarcisce?

La caduta alberi è un evento sempre più frequente a causa dei cambiamenti climatici. In caso di piogge abbondanti o forte vento, il pericolo caduta alberi aumenta mettendo a repentaglio anche i veicoli in sosta. Se si verifica la caduta di un albero su un’automobile, chi paga i danni? La prima tutela per gli automobilisti

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Calcolo rata mutuo: come fare

Il calcolo rata mutuo è una procedura indispensabile per chiunque si appresti a richiedere un finanziamento per acquistare l’immobile. Prima di chiedere un mutuo, infatti, è molto utile calcolare in anticipo l’entità della rata che si sarà chiamati a versare mensilmente. Scopriamo come si calcola rata mutuo e quali sono i simulatori mutuo più semplici

CONTINUA A LEGGERE

Preventivo assicurazione auto: come calcolarlo e risparmiare sulla RCA

La ricerca di una polizza RC Auto conveniente passa attraverso il miglior preventivo assicurazione auto. Sul mercato sono presenti le offerte di tutte le compagnie assicurative: come rintracciare quella migliore? La prima considerazione da fare è banale: non esiste la migliore, ma solo quella più adatta alle proprie esigenze. Per risparmiare sulla RC Auto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

RC Auto familiare: 5 cose da sapere

La RC Auto familiare è la grande novità del 2020 sul tema assicurazione auto. Introdotto dalla modifica dell’articolo 134 del Codice delle Assicurazioni Private (CAP), questo provvedimento estende e migliora i benefici della Legge Bersani. L’epicentro della norma è la ereditarietà della classe di merito. Chi può aderire e cosa bisogna sapere sulla Rca familiare? Cos’è

CONTINUA A LEGGERE

Indennizzo diretto: cos’è, come funziona

L’indennizzo diretto prevede la possibilità di richiedere il risarcimento danni direttamente alla propria compagnia assicurativa. La norma del risarcimento diretto è stata introdotta dal 1° febbraio 2007 per effetto del Decreto Bersani e trova riscontro nell’art 149 codice assicurazioni. L’art 149 cda spiega che “in caso di sinistro tra due veicoli a motore identificati ed assicurati per

CONTINUA A LEGGERE