Assicurazione auto all’estero: 6 cose da sapere

Come funziona l’assicurazione auto all’estero? Quando si decide di intraprendere un viaggio al di fuori dei confini nazionali, è opportuno informarsi sulla copertura fornita dalla propria polizza auto. Le assicurazioni stipulate in Italia non sono infatti accettate in tutti gli Stati stranieri. Vediamo cosa copre l’assicurazione all’estero e quali sono le procedure da seguire.

1.   Cosa copre la mia assicurazione auto all’estero?

L’assicurazione auto all’estero è valida entro i confini dell’UE. Ciò significa che quando si stipula una polizza in Italia, la sua copertura vale in tutti i paesi facenti parte dell’Unione Europea. Quando si viaggia in queste nazioni non serve nessuna copertura aggiuntiva, ma occorre portare con sé tutti i documenti relativi alla propria assicurazione.

2.   Quali sono i paesi in cui è valida l’assicurazione auto all’estero?

L’assicurazione auto sottoscritta in Italia è valida nei restanti 26 paesi dell’Unione Europea. Si tratta quindi di Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Quando si viaggia in questi paesi non c’è bisogno di sottoscrivere polizze aggiuntive. Inoltre è sufficiente l’assicurazione auto sottoscritta in Italia anche per viaggiare in Liechtenstein, nel Principato di Monaco e in Svizzera.

3.   In quali nazioni serve la Carta Verde?

La Carta Verde è il certificato internazionale di assicurazione che permette di circolari in Stati diversi da quelli in cui è stata immatricolata l’auto, beneficiando della copertura assicurativa secondo la normativa del Paese in cui ci si trova. La Carta Verde è accettata nei seguenti paesi: Albania, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Iran, Israele, Macedonia, Marocco, Moldavia, Montenegro, Russia, Tunisia, Turchia e Ucraina.

4.   Cosa devo fare se il Paese in cui vado non aderisce alla Carta Verde?

Se ci si trovasse a viaggiare al di fuori dello spazio CEE (Comunità Economica Europea), in una situazione in cui l’assicurazione auto all’estero stipulata in Italia non sia valida e lo Stato in questione non accetti la copertura tramite Carta Verde Europa, c’è un’unica soluzione. Bisognerà infatti assicurare auto all’estero con una polizza temporanea. In questo caso bisogna recarsi presso gli uffici di assistenza turistica alla frontiera e specificare il periodo di permanenza.

5.   Che succede se l’assicurazione auto scade mentre mi trovo all’estero?

Se durante il soggiorno in una nazione straniera la nostra assicurazione auto scade, bisogna reimmatricolare la vettura. La nuova immatricolazione avverrà nello Stato in cui ci si trova. Pertanto la nuova polizza andrà sottoscritta con assicurazioni estere. Una volta tornati in Italia, la polizza durerà un anno. Al termine di questo nuovo periodo, occorre di nuovo reimmatricolare il veicolo e sottoscrivere una nuova assicurazione in Italia.

6.   Cosa fare in caso di incidente?

In caso di incidente all’estero si applica sempre la legge vigente nello Stato in cui ci si trova. Se il sinistro avviene in un paese in cui l’assicurazione auto all’estero stipulata in Italia è riconosciuta, oppure in cui è accettata la Carta Verde, si potrà gestire il tutto una volta tornati in Italia. Se, invece, l’incidente avviene altrove, bisogna rivolgersi agli uffici ACI (Ufficio Nazionale di assicurazione per l’Italia) che forniranno tutte le informazioni del caso.

La tua assicurazione auto costa troppo? Visita il nostro sito e trova le migliori polizze auto online. Compila il form e ricevi subito le quotazioni delle compagnie più competitive. Genera gratuitamente tutti i preventivi che ti servono e valutali entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Rottamazione moto: come fare, costi

La rottamazione moto è una procedura obbligatoria quando si decide di dismettere un veicolo. I modi per demolire una moto sono sostanzialmente due: se la demolizione è propedeutica all’acquisto di un nuovo mezzo, si può beneficiare dell’Ecobonus moto. Scopriamo allora cosa fare per rottamare moto, quali sono i costi da sostenere e come usufruire dell’Ecobonus.

CONTINUA A LEGGERE

Prestiti personali: 5 cose da sapere prima di richiederli

I prestiti personali sono finanziamenti che consentono di ottenere denaro per qualunque necessità di acquisto. Vengono erogati da banche o finanziarie e la somma che si riceve a seguito di una richiesta prestito va restituita tramite rate mensili in un arco di tempo prestabilito. A differenza di mutuo o leasing, il prestito personale non è

CONTINUA A LEGGERE

Rc Auto familiare: è valida per gli autocarri?

Entrata in vigore il 16 febbraio 2020, la RC Auto familiare ha ampliato i vantaggi della Legge Bersani assicurazione sul tema della classe di merito. Intervenendo sull’art. 134 del Codice delle Assicurazioni Private, questo provvedimento predispone che nell’ambito dello stesso nucleo familiare ogni veicolo si possa assicurare con una CU meno elevata. Il beneficio si

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Viaggi in moto Europa: quali sono le protezioni obbligatorie

Quando si fanno viaggi in moto Europa è fondamentale imparare le regole del paese che si intende visitare. Dopo aver individuato gli itinerari moto Europa da esplorare, dunque, c’è subito una domanda da porsi: quali sono le protezioni per moto da indossare? Le norme variano da paese a paese e sono spesso diverse da quelle

CONTINUA A LEGGERE

Visura PRA: cos’è e come ottenerla

La visura PRA è un servizio che consente di ottenere un documento contenente informazioni su un veicolo e sul relativo proprietario. Questo documento è rilasciato dal Pubblico Registro Automobilistico (PRA) e le visure PRA possono essere per targa o nominative. A cosa serve la visura PRA La visura PRA permette di: Controllare l’iscrizione di un

CONTINUA A LEGGERE

Coronavirus: come richiedere la sospensione rate mutuo

La legge di conversione del Decreto Cura Italia (DL 18/2020) rende attuabile la richiesta di sospensione rate mutuo. Questa procedura speciale è stata avallata per fronteggiare l’emergenza economica derivante dalla pandemia Coronavirus. Vediamo chi può sospendere il mutuo, come fare richiesta sospensione mutuo e qual è il modulo da utilizzare. Sospensione rate mutuo: a chi

CONTINUA A LEGGERE