Assicurazione auto all’estero: 6 cose da sapere

Come funziona l’assicurazione auto all’estero? Quando si decide di intraprendere un viaggio al di fuori dei confini nazionali, è opportuno informarsi sulla copertura fornita dalla propria polizza auto. Le assicurazioni stipulate in Italia non sono infatti accettate in tutti gli Stati stranieri. Vediamo cosa copre l’assicurazione all’estero e quali sono le procedure da seguire.

1.   Cosa copre la mia assicurazione auto all’estero?

L’assicurazione auto all’estero è valida entro i confini dell’UE. Ciò significa che quando si stipula una polizza in Italia, la sua copertura vale in tutti i paesi facenti parte dell’Unione Europea. Quando si viaggia in queste nazioni non serve nessuna copertura aggiuntiva, ma occorre portare con sé tutti i documenti relativi alla propria assicurazione.

2.   Quali sono i paesi in cui è valida l’assicurazione auto all’estero?

L’assicurazione auto sottoscritta in Italia è valida nei restanti 26 paesi dell’Unione Europea. Si tratta quindi di Austria, Belgio, Bulgaria, Cipro, Croazia, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Irlanda, Lettonia, Lituania, Lussemburgo, Malta, Paesi Bassi, Polonia, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Svezia e Ungheria. Quando si viaggia in questi paesi non c’è bisogno di sottoscrivere polizze aggiuntive. Inoltre è sufficiente l’assicurazione auto sottoscritta in Italia anche per viaggiare in Liechtenstein, nel Principato di Monaco e in Svizzera.

3.   In quali nazioni serve la Carta Verde?

La Carta Verde è il certificato internazionale di assicurazione che permette di circolari in Stati diversi da quelli in cui è stata immatricolata l’auto, beneficiando della copertura assicurativa secondo la normativa del Paese in cui ci si trova. La Carta Verde è accettata nei seguenti paesi: Albania, Bielorussia, Bosnia Erzegovina, Iran, Israele, Macedonia, Marocco, Moldavia, Montenegro, Russia, Tunisia, Turchia e Ucraina.

4.   Cosa devo fare se il Paese in cui vado non aderisce alla Carta Verde?

Se ci si trovasse a viaggiare al di fuori dello spazio CEE (Comunità Economica Europea), in una situazione in cui l’assicurazione auto all’estero stipulata in Italia non sia valida e lo Stato in questione non accetti la copertura tramite Carta Verde Europa, c’è un’unica soluzione. Bisognerà infatti assicurare auto all’estero con una polizza temporanea. In questo caso bisogna recarsi presso gli uffici di assistenza turistica alla frontiera e specificare il periodo di permanenza.

5.   Che succede se l’assicurazione auto scade mentre mi trovo all’estero?

Se durante il soggiorno in una nazione straniera la nostra assicurazione auto scade, bisogna reimmatricolare la vettura. La nuova immatricolazione avverrà nello Stato in cui ci si trova. Pertanto la nuova polizza andrà sottoscritta con assicurazioni estere. Una volta tornati in Italia, la polizza durerà un anno. Al termine di questo nuovo periodo, occorre di nuovo reimmatricolare il veicolo e sottoscrivere una nuova assicurazione in Italia.

6.   Cosa fare in caso di incidente?

In caso di incidente all’estero si applica sempre la legge vigente nello Stato in cui ci si trova. Se il sinistro avviene in un paese in cui l’assicurazione auto all’estero stipulata in Italia è riconosciuta, oppure in cui è accettata la Carta Verde, si potrà gestire il tutto una volta tornati in Italia. Se, invece, l’incidente avviene altrove, bisogna rivolgersi agli uffici ACI (Ufficio Nazionale di assicurazione per l’Italia) che forniranno tutte le informazioni del caso.

La tua assicurazione auto costa troppo? Visita il nostro sito e trova le migliori polizze auto online. Compila il form e ricevi subito le quotazioni delle compagnie più competitive. Genera gratuitamente tutti i preventivi che ti servono e valutali entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione moto conducente diverso dal proprietario: conviene davvero?

Sottoscrivere un’assicurazione moto con conducente diverso dal proprietario è un buon modo per risparmiare sulla polizza RC? Obbligatoria per legge, l’assicurazione responsabilità civile è una delle voci di spesa maggiori per ogni proprietario di un veicolo. Per questo si è sempre alla ricerca di una soluzione per contenerne i costi. Scopriamo cosa succede se intestatario

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto e omicidio stradale: quali sono le conseguenze sulla polizza RCA

L’omicidio stradale è un reato introdotto in Italia attraverso la legge n.41 del 23 marzo 2016. Inserito nell’ordinamento giuridico per fronteggiare un’emergenza, non ha finora contribuito in maniera sensibile a risolverlo. Soltanto nell’ultimo anno rilevato dall’Istat, infatti, gli incidenti stradali in Italia sono stati 172.553 e hanno causato 3.334 decessi. Ancora troppi anche se, ovviamente,

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione inquilino: cos’è e cosa copre

L’assicurazione inquilino è una polizza che garantisce un risarcimento danni completo quando si prende casa in affitto. Si tratta di uno strumento fondamentale per proteggere l’immobile e le parti in causa quando si stipula un contratto di locazione. Vediamo quando è opportuno assicurare casa in affitto, cos’è la RC inquilino e quali sono le differenze

CONTINUA A LEGGERE

Rc professionale infermiere: cos’è e cosa copre

La assicurazione RC professionale infermiere è obbligatoria dal 2014 per gli infermieri e per gli OSS, gli operatori socio-sanitari. È uno strumento indispensabile per tutelare chi lavora come libero professionista, ma anche come dipendente e collaboratore. La RC infermiere protegge l’assicurato dalle eventuali richieste economiche derivanti da un errore o da una negligenza messa in

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Passaggio di proprietà moto: come fare, documenti

Acquistare o vendere una moto usata è il preludio a un’operazione obbligatoria: il passaggio di proprietà moto. Sia che si intenda acquistare la propria due ruote dei sogni o che sia voglia puntare su un modello d’epoca, la sostanza non cambia. Per poter circolare su strada senza incorrere in sanzioni, oltre all’assicurazione RC Moto obbligatoria,

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione infortuni domestici: cos’è e cosa copre

La assicurazione infortuni domestici copre gli infortuni provocati da incidenti capitati in casa e dalle loro conseguenze economiche. La polizza è obbligatoria dall’1 gennaio 2001 e si rivela particolarmente utile per tutelarsi nel proprio ambiente domestico. Chi deve sottoscrivere, cosa si intende e cosa copre la polizza infortuni domestici? Cos’è l’assicurazione infortuni domestici La assicurazione infortuni

CONTINUA A LEGGERE

Viaggi in moto Europa: quali sono le protezioni obbligatorie

Quando si fanno viaggi in moto Europa è fondamentale imparare le regole del paese che si intende visitare. Dopo aver individuato gli itinerari moto Europa da esplorare, dunque, c’è subito una domanda da porsi: quali sono le protezioni per moto da indossare? Le norme variano da paese a paese e sono spesso diverse da quelle

CONTINUA A LEGGERE