Assicurazione auto donne: quanto costa, come risparmiare

Perché la assicurazione auto donne è conveniente? La classifica delle assicurazioni meno care assegna il primato all’universo femminile. Quando si tratta di sottoscrivere o rinnovare una polizza auto, infatti, le donne pagano meno. Quali sono i motivi e quanto si risparmia rispetto all’assicurazione auto per uomini? Scopriamo perché l’assicurazione auto per donne costa meno e come massimizzare i vantaggi.

Assicurazione auto donne: la tariffa unisex

Sul tema assicurazione auto donne si registrò un’importante svolta nel dicembre 2011. Allora la Commissione Europea diramò un comunicato stampa ribadendo la volontà di fornire indicazioni al settore assicurativo europeo “per garantire la non discriminazione tra donne e uomini nei premi assicurativi”. Il settore assicurativo, pertanto, fu portato ad applicare tariffe unisex assicurazione auto e moto. Inoltre venne stabilito che i premi per gli automobilisti virtuosi continuassero ad avere un costo minore, senza distinzioni di sesso.

Assicurazione auto donne: quanto costa nel 2020

Nell’ultimo trimestre del 2019 l’assicurazione meno cara ha parlato al femminile. Il bollettino statistico IVASS evidenzia infatti un differenziale di 11,3 nel premio medio pagato tra i due generi. Le guidatrici hanno pagato in media 396,9 euro, gli automobilisti uomini 408,2 euro. In percentuale resta però maggiore il numero di uomini assicurati: 58,5% contro il 41,5% delle donne nello stesso periodo. Da ottobre a dicembre 2019 sono stati sottoscritti 1.188.767 polizze auto uomini. 842.507 sono state invece le attivazioni di un’assicurazione auto da parte di una donna.

Assicurazione auto donne: perché l’assicurazione è meno costosa

Perché le donne beneficiano di un’assicurazione auto meno cara? Il preventivo assicurazione auto donne viene calcolato rispettando alcuni parametri. Molte compagnie riducono il premio ritenendo che le donne percorreranno meno chilometri in auto rispetto agli uomini. In questo modo si riduce anche il rischio di provocare incidenti. Inoltre si stima che una donna compia tragitti più brevi e. con meno probabilità, su strade ad alta percorrenza. Tutti questi fattori, uniti, contribuiscono a far calare il rischio di incorrere in sinistri.

Assicurazione auto donne: come risparmiare

Queste considerazioni si sposano inoltre con i dati sulla frequenza di sinistro. Ormai quelli provocati da uomini e donne tendono a pareggiarsi, facendo cadere definitivamente il mito secondo cui le donne sarebbero più pericolose. Risparmiare sull’assicurazione auto per donne non è complicato. Per farlo si può optare per la Legge Bersani o RC Auto Familiare, che permette di ereditare la classe di merito di un familiare convivente. Un’altra soluzione è quella di stipulare una polizza con formula di guida esclusiva. In questo caso, se a guidare il veicolo è sempre la stessa persona e questa si rivela particolarmente virtuosa, il premio cala ogni anno. Altre alternative sono rappresentate dall’installazione della scatola nera e dall’aggiunta delle sole garanzie accessorie utili.

Il miglior modo per risparmiare sulla polizza RC Auto è sempre quello di confrontare i preventivi online. Affidati al nostro sito, inserisci i tuoi dati e ricevi le quotazioni delle migliori compagnie assicurative presenti sul mercato. Salva il preventivo gratuito sul tuo pc e decidi, entro 60 giorni, se attivare la polizza o ripetere l’operazione.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

In moto senza assicurazione: quali rischi si corrono?

L’articolo 193 del Codice della Strada stabilisce l’obbligo dell’assicurazione di responsabilità civile per i veicoli. Nonostante ciò la piaga di auto e moto che circolano senza copertura assicurativa continua ad essere irrisolta. L’ultima rilevazione effettuata da ANIA, relativa al 208, stima in 2,7 i milioni di veicoli sprovvisti di regolare RCA, pari al 6% del

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE