Assicurazione auto: cosa fare in caso di incidente

Assicurazione auto: cosa fare in caso di incidente

L’estate è la stagione nella quale si registra il numero maggiore di incidenti stradali. L’incremento dei sinistri è attribuibile a una serie di fattori: traffico più consistente (soprattutto sulla rete autostradale), guida distratta, velocità elevata e mancato rispetto della distanza di sicurezza. Le ultime rilevazioni Istat, relative all’anno 2016, inquadrano in luglio il mese critico. Nel settimo dell’anno si sono infatti verificati 16.981 incidenti (oltre 3.000 in più rispetto ad agosto), con 367 morti e 24.281 feriti. Spesso, inoltre, chi si trova coinvolto in un sinistro non sa quali siano i passi da compiere, né nell’immediatezza dell’accaduto né nei giorni successivi. Cosa succede, ad esempio, alla nostra assicurazione auto?

Come comportarsi in caso di incidente

Queste sono le regole basilari da osservare in caso di incidente stradale.

  •         Redigere il modulo blu di constatazione amichevole (CAI o CID). Questo non servirà a stabilire le colpe del sinistro, ma a mettere nero su bianco la descrizione dell’accaduto. È importante non firmare il modulo se non si è d’accordo con la controparte. In alternativa, infatti, si potranno compilare due constatazioni separate.
  •        Individuare eventuali testimoni. Vanno indicati già sulla denuncia del sinistro e possono diventare determinanti in sede processuale. Attenzione a non “barare”: se il testimone ha già depositato versioni per tre cause relative agli incidenti stradali, il suo nome verrà trasmesso alla Procura della Repubblica per verificare la configurazione del reato di falsa testimonianza.

Come ottenere l’indennizzo

Qualora i veicoli coinvolti siano immatricolati in Italia, identificati e se le lesioni riportate sono considerate lievi (ovvero non superano la soglia del 9% di invalidità permanente), l’automobilista coinvolto può richiedere il risarcimento diretto rivolgendosi alla propria compagnia assicurativa. È fondamentale non far passare più di tre giorni prima di denunciare il sinistro alla compagnia.

Per tutti gli altri casi (la maggior parte) l’iter è quello tradizionale e il risarcimento danni va chiesto alla compagnia assicurativa della controparte. La richiesta si effettua tramite raccomandata, con allegata denuncia del sinistro. L’assicuratore ha 60 giorni di tempo per formulare un’offerta alla parte lesa. I giorni diventano 30 se la constatazione amichevole è stata firmata da entrambi i conducenti dei veicoli.

A quanto corrisponde l’indennizzo

Ricordato che tutte le regole di cui sopra riguardano sia i casi di incidente auto che di incidente moto, vediamo adesso qual è la cifra corrisposta solitamente dalle compagnie assicurative. L’ammontare standard è quello che copre i costi necessari alla riparazione del mezzo danneggiato più le eventuali spese del carro attrezzi. In caso di veicoli vecchi e con danni che superano l’attuale prezzo di mercato, viene corrisposta una cifra pari al valore di mercato stesso. A questo punto il danneggiato potrà decidere di acquistare un’automobile nuova, e la compagnia assicurativa potrà aggiungere alla cifra appena citata anche le spese di rottamazione  e quelle relative alla tassa di circolazione.

Per scegliere la polizza più adatta a te, non ti resta che consultare il nostro sito. Lì potrai valutare le proposte delle migliori compagnie assicurative e generare a titolo gratuito un preventivo. La sua validità sarà di 60 giorni e ti darà modo di fare tutte le valutazioni utili prima di procedere all’acquisto.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Carta di circolazione moto: cos’è, come leggerla

“Favorisca patente e libretto”. Quante volte ci è capitato di imbatterci in una frase del genere? Se siete stati guidatori fortunati l’avrete ascoltata magari soltanto in tv, ma se circolate su strada da tanto è inevitabile non essere stati almeno una volta i destinatari della richiesta. I documenti richiesti dalle Forze dell’Ordine nei controlli di

CONTINUA A LEGGERE

Auto per disabili: agevolazioni acquisto, assicurazione e bollo

In Italia ci sono oltre 4,5 milioni di disabili. 160.000 sono invece le patenti B speciali attive, ovvero quelle riservate alle persone affette da handicap e che permettono di guidare auto per disabili. Lo Stato e le singole regioni prevedono diversi aiuti per il loro acquisto. Scopriamo insieme di quali si tratta e come accedervi.

CONTINUA A LEGGERE

Incidente in famiglia: si viene risarciti dall’assicurazione?

Restare coinvolti in un incidente stradale. Una paura recondita per la maggior parte degli automobilisti, una spiacevole circostanza capitata a molti. Una volta valutate le condizioni fisiche e del veicolo e accertate le responsabilità, facendo affidamento sull’assicurazione responsabilità civile obbligatoria per legge, giunge il momento di ricevere l’indennizzo. A questo punto sarà la compagnia assicuratrice

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Scarpe ciclismo: guida alla scelta

Che siate pedalatori dell’ultima ora, cicloamatori incalliti o professionisti dello stare in sella, le scarpe da ciclismo sono un dettaglio fondamentale per le vostre uscite. Se non siete d’accordo, vi basterà indossarne un paio per cogliere la differenza. Se per il primo approccio, a seconda della due ruote che si sceglie, può andar bene anche

CONTINUA A LEGGERE

Rivalsa RC Auto: quali condotte la fanno scattare

La rivalsa è il rischio più grande per ogni assicurato. Inserita in ogni contratto di responsabilità civile auto, stabilisce il diritto della compagnia assicurativa di richiedere al contraente un risarcimento per gli importi liquidati a causa di un sinistro la cui responsabilità è a lui riconducibile. Ciò avviene quando si riscontrano condizioni particolari, quali il

CONTINUA A LEGGERE

Come proteggere gli animali dai botti

Come proteggere gli animali dai botti I botti, i petardi e i fuochi d’artificio sono frequentissimi durante le feste, specialmente a Capodanno, dove purtroppo fanno danni anche tra le persone. Ogni anno seguiamo il bollettino in tv: ragazzi che perdono dita o perfino interi arti, per il divertimento di una sera. Quello a cui pochi

CONTINUA A LEGGERE

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe

Piste ciclabili: quando sono obbligatorie, divieti, multe C’è chi si lamenta perché ne incontra raramente e chi per il loro fondo spesso sconnesso. Stiamo parlando delle piste ciclabili, quelle lingue di sede stradale riservate al traffico dei velocipedi. Particolarmente diffuse e utilizzate nel Nord Italia, latitano al Centro e al Sud costringendo i ciclisti di

CONTINUA A LEGGERE