Assicurazione auto conducente diverso dal proprietario: perché conviene?

Intestare una polizza RC auto a una persona diversa dal proprietario garantisce uno sconto assicurazione auto. Questa scorciatoia può risultare utili a chiunque si appresti a fare un preventivo assicurazione auto con l’obiettivo di risparmiare sulla tariffa. Per capire perché intestare la polizza assicurativa ad un’altra persona conviene, però, è opportuno non confondere i termini. Quando si parla di assicurazione auto, infatti, bisogna distinguere tra proprietario, contraente e conducente.

Proprietario, contraente e conducente: differenze

La figura del proprietario, del contraente  e del conducente permettono di capire meglio come e quando interviene lo sconto assicurazione auto e perché intestare la polizza RC a un’altra persona può risultare conveniente.

Chi è il proprietario

Con il termine proprietario si inquadra l’intestatario del mezzo che compare sulla carta di circolazione. Costui dispone dell’Attestato di Rischio, il documento che riassume lo storico assicurativo del veicolo negli ultimi cinque anni, e che comprende il numero di sinistri effettuati e la classe di merito maturata.

Chi è il contraente

Il contraente è la persona fisica che ha firmato la polizza assicurativa e deve pagare annualmente l’assicurazione.

Chi è il conducente

Non è difficile da intuire: il conducente è colui che si pone alla guida del mezzo. Le condizioni per farlo sono l’autorizzazione da parte del proprietario del veicolo e il possesso della patente. La copertura assicurativa sul veicolo resta valida indipendentemente dal conducente. Per legge i conducenti diversi dal proprietario devono essere annotati sulla carta di circolazione, soltanto se il periodo di utilizzo del veicolo supera i trenta giorni.

Perché intestare l’assicurazione auto a una persona diversa dal proprietario

Definita la distinzione tra assicurato (proprietario), contraente e conducente, risulta più semplice capire perché intestare l’assicurazione auto a una persona diversa dal proprietario. Il motivo risiede nel tentativo di ottenere un risparmio sul premio assicurativo. Ciò accade soprattutto se il contraente appartiene a una classe di merito vantaggiosa rispetto al proprietario, oppure se risiede in una regione considerata più a rischio. Occorre tuttavia ricordare che, come stabilito dalla Cassazione nel 2011, quando l’assicurazione auto è intestata a una persona diversa dal proprietario, il contraente è chiamato a pagare il premio calcolato in base alla classe di merito del proprietario. Scegliere una polizza auto intestata a persona diversa dal proprietario, dunque, comporta alcuni rischi supplementari. Il contraente della polizza può cambiare ogni anno, ma deve pagare il premio in base alla classe di merito del proprietario. Inoltre va ricordato che il bonus/malus non si applica.

Sebbene vi sia il vantaggio sul passaggio di proprietà del veicolo, inoltre, non sempre le compagnie assicurative permettono la sottoscrizione di un’assicurazione auto conducente diverso dal proprietario. Se vuoi conoscere le migliori offerte assicurazione auto del momento e trovare quella che fa al caso tuo, affidati a Quale.it. Grazie al nostro comparatore dovrai inserire pochi dati per ricevere le quotazioni delle migliori compagnie online. A quel punto dovrai soltanto metterti comodo e prenderti tutto il tempo utile per fare la tua scelta. Disporrai infatti di due mesi dalla ricezione del preventivo gratuito per decidere se convalidarlo o ripetere l’operazione.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Incidente in area privata: chi deve pagare?

In caso di incidente in area privata l’assicurazione paga? Giù la maschera: almeno una volta nella nostra carriera da automobilisti ci siamo trovati a porci la domanda. Aree di sosta, parcheggi, giardini, cortili: ogni posto è una potenziale fonte di sinistri. Come bisogna comportarsi se si resta vittime di incidenti stradali in aree private? Chi

CONTINUA A LEGGERE

Passaggio di proprietà auto per decesso: come fare

Ereditare un veicolo per volontà del defunto rientra nei nostri diritti. Qual è la procedura per effettuare il passaggio di proprietà auto per decesso? In caso di auto intestata a defunto, gli ereditari devono presentare il verbale di pubblicazione del testamento redatto dal notaio. L’accettazione eredità auto va fatta entro 6 mesi dalla morte, davanti

CONTINUA A LEGGERE

Cilindrata neopatentati: qual è il limite per le moto

Esiste una cilindrata neopatentati per moto? Aver conseguito la patente di guida da meno di tre anni, comporta una serie di restrizioni. Mentre il più significativo sbarramento per le auto riguarda il limite kilowatt neopatentati, per le due ruote la questione è leggermente differente. Bisogna infatti ricordare che i titoli di guida per moto sono

CONTINUA A LEGGERE

Moto nuova: quali sono i tempi d’immatricolazione?

Sapere come immatricolare una moto è un passaggio fondamentale per ogni possessore di una due ruote. Sia se si rileva una moto radiata, sia se si acquisti una moto d’epoca o nuova di zecca, occorre infatti formalizzare alcuni passaggi burocratici obbligatori. I tempi immatricolazione moto nuova sono generalmente brevi, così come esigue sono le spese

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Città più pericolose del mondo: classifica, come viaggiare sicuri

Viaggiare è uno tra gli hobby più gettonati dagli italiani. Chi si può permettere un weekend o una vacanza, magari all’estero, non può non tenere conto di una classifica: quella delle città più pericolose del mondo. Si tratta di un ranking che confronta abitanti e numero di omicidi, restituendo un indice di pericolosità in percentuale.

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento furto auto: come richiederlo e documenti necessari

Una cattiva abitudine che non passa mai di moda. I furti d’auto in Italia tornano ad aumentare. Secondo le statistiche diffuse dal Ministero dell’Interno, nel 2018 sono state 105.239 le macchine rubate, con una crescita del 5,2% rispetto all’anno precedente. Ottenere il risarcimento furto auto è possibile, mentre non sempre è facile tornare in possesso

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione moto: quali sono le garanzie accessorie migliori?

Quando si sottoscrive una polizza RC Moto è possibile aggiungere delle ulteriori coperture assicurative. Le garanzie accessorie servono a tutelare l’assicurato da tutti i casi che restano scoperti dalla RC obbligatoria. Intervengono quando si verificano danni non coperti da questa, garantendo il regolare indennizzo al contraente. Scegliendo di abbinarle all’assicurazione auto o moto obbligatoria, il

CONTINUA A LEGGERE

Assistenza stradale Zurich Connect: come funziona, contatti

Ricevere un soccorso immediato quando si rimane con l’auto in panne. Quando si manifesta uno degli spettri più temuti da ogni automobilista, bisogna restare lucidi. Richiedere un pronto intervento è il secondo passo da compiere. Avendo aggiunto la polizza assistenza stradale all’assicurazione RC auto, questo tipo di aiuto sarà gratuito. Tra le compagnie che offrono

CONTINUA A LEGGERE