Antifurto moto: quale scegliere?

Stai per salire in sella alla tua moto per il weekend e non intendi lasciarla parcheggiata in un posto isolato mentre gusti un aperitivo con gli amici? Vuoi stare al sicuro quando parcheggi il tuo scooter sotto all’ufficio in cui lavori? Allora non puoi prescindere dall’installazione di un efficiente antifurto moto. Mai come in questo caso lo slogan “prevenire è meglio che curare” risulta appropriato. Il buonsenso, che ci suggerisce di non lasciare in stallo la nostra due ruote in posti isolati o privi di illuminazione, potrebbe non bastare. Ecco perché munirsi di un sistema di sicurezza adeguato può metterci al riparo da spiacevoli sorprese. Gli antifurti moto si dividono in due macrocategorie: meccanici ed elettronici. Scopriamo insieme le peculiarità di ciascuno dei modelli.

Una scelta tradizionale: l’antifurto moto meccanico

Sono essenzialmente tre i modelli di antifurto meccanico.

  •  Blocca-disco. Si tratta di un meccanismo che impedisce la rotazione completa della ruota, impedendo il furto. Il diametro del perno varia dai 5mm (scooter) ai 13mm e il corpo principale è costruito, di norma, in acciaio. Alcuni bloccadisco vengono associati a un sistema di allarme acustico. La maggior parte dei modelli non consente l’ancoraggio del veicolo a un punto fisso. Tuttavia alcune case costruttrici hanno ideato un sistema che utilizza il blocca-disco come se fosse un lucchetto.
  •  Catene e lucchetti. Utilizzati insieme rappresentano il sistema classico di antifurto, ma non il più sicuro. Più il diametro sarà grande (superiore ai 10mm) e più i malintenzionati, muniti di tronchesi, avranno difficoltà a spezzarle. Le catene devono essere di acciaio, resistenti alle torsioni e al congelamento. È preferibile far passare la catena intorno al telaio anziché alla ruota.

Un altro suggerimento utile è quello di affidarsi a chiusure resistenti. Per impedire il furto moto è utile affidarsi a serrature imperforabili dai trapani, impossibili da scassinare e resistenti agli agenti atmosferici.

Il nuovo che avanza: l’antifurto moto elettronico

A differenza di quelli meccanici, gli antifurto moto elettronici possono agire sia nella fase pre-furto che una volta commesso il reato. Possiamo suddividerli in queste categorie.

  • Antifurto classico. È quello che entra in azione nel momento esatto in cui si prova a compiere il furto, emettendo un suono in grado di richiamare l’attenzione di chi si trova nei paraggi.
  • Immobilizer. È un tipo di antifurto che si attiva quando il ladro prova ad accendere la moto. Questa non si accenderà, impedendo la fuga.
  • Antifurto satellitare. Dotato di un sistema GPS interno e, di fatto, impossibile da estrarre, permette di identificare in tempo reale la posizione della moto. Sebbene più costoso degli altri, risulta essere il metodo più efficace in quanto permette l’immediato recupero del veicolo da parte delle Forze dell’Ordine.

Antifurto e assicurazione moto per girare in tutta sicurezza

Cercare e ottenere il massimo della sicurezza è un diritto e un dovere di ogni centauro. Per questo motivo disporre di un buon antifurto è il modo ideale per viaggiare sicuri. Ma non l’unico. Prima di mettersi in sella, infatti, è indispensabile affidarsi alla migliore assicurazione moto tra quelle presenti sul mercato. Sul nostro sito è possibile compararle generando un preventivo gratuito.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Verifica pagamento bollo moto: come effettuarla

Verifica pagamento bollo moto: come effettuarla Sommerso dalle scadenze quotidiane ti sei dimenticato di pagare il bollo autoveicoli? O peggio ancora non ricordi se hai eseguito correttamente il versamento? Non perdere la calma, esiste una soluzione per ogni cosa. Il bollo automezzi è una tassa sul possesso che viene destinata alle regioni italiane. La sua

CONTINUA A LEGGERE

Tamponamento a catena e distribuzione delle responsabilità

Tamponamento a catena e distribuzione delle responsabilità Uno degli incidenti più comuni e la cui individuazione delle responsabilità risulta più semplice: il tamponamento. Si tratta infatti della situazione una cui una vettura colpisce con la sua parte anteriore la parte posteriore di quella che la precede. Di chi è la colpa? Secondo il Codice della

CONTINUA A LEGGERE

Luci obbligatorie bici: regole, multe

Luci obbligatorie bici: regole, multe Sono obbligatorie le luci in bici? La domanda sembra banale, eppure viene spesso posta anche da ciclisti che non sono alle prime armi. La vasta gamma di modelli presenti sul mercato, impedisce di avere infatti una percezione chiara dell’argomento. Ovviamente la risposta è affermativa, ma determina immediatamente altri quesiti. Quando?

CONTINUA A LEGGERE

Pneumatici 4 stagioni: cosa sono, quali scegliere

Pneumatici 4 stagioni: cosa sono, quali scegliere Dal 15 novembre al 15 aprile in Italia vige l’obbligo di avere a bordo della propria auto le catene da neve. L’alternativa al loro trasporto, consigliata dagli esperti per una maggiore sicurezza, è quella di montare pneumatici invernali. A disciplinare la materia è una direttiva dell Ministero dei

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Abbigliamento invernale ciclismo: come vestirsi nei mesi freddi

Abbigliamento invernale ciclismo: come vestirsi nei mesi freddi Italia: terra di mare, sole e cicloamatori. Ma cosa accade quando i mesi caldi terminano e la voglia di pedalare non scema? Anche in inverno sono infatti molti i ciclisti, più o meno esperti, che non perdono il vizio di concedersi una salutare sgambata. A prescindere dal

CONTINUA A LEGGERE

Trasportare bici in treno: condizioni, prezzi e assicurazione

Trasportare bici in treno: condizioni, prezzi e assicurazione Vivi a pochi metri dalla spiaggia ma da sempre ti affascinano le imprese dei grandi scalatori. Oppure sei nato in montagna e vuoi ristorarti con una bella pedalata sul lungomare. Non preoccuparti, non sei l’unico a dover affrontare certi problemi. In Italia sono infatti molti i ciclisti

CONTINUA A LEGGERE

Anticipo TFR per acquisto auto

Anticipo TFR per acquisto auto L’acquisto di un’auto nuova è una scelta che negli ultimi anni è stata fortemente condizionata dalla crisi economica. Mentre fino ai primi anni del nuovo secolo non erano inconsueti i casi di spese per togliersi uno sfizio, mai come oggi chi si reca da un concessionario lo fa per necessità.

CONTINUA A LEGGERE

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE