Moto e scooter: come scegliere l’abbigliamento giusto per le vacanze estive

Come individuare l’abbigliamento moto estivo per vivere al meglio le vacanze 2020 in sella? La riapertura dei confini regionali e nazionali ha riacceso la voglia di motori. Fare le ferie a bordo della propria due ruote è un obiettivo tornato improvvisamente raggiungibile. Sia chi ha tenuto la moto ferma in garage per scelta, sia per i limiti imposti dal lockdown, può ora ridestarsi. Ogni centauro, in fin dei conti, attende la bella stagione per farsi sferzare dal vento. Ma qual è l’abbigliamento tecnico moto estivo più idoneo per affrontare lunghi viaggi? Quali sono i capi che non devono mai mancare, in sella e in valigia? Scopriamolo insieme.

Abbigliamento moto estivo: come scegliere la giacca

Come noto in Italia non vige l’obbligo delle protezioni neppure per l’abbigliamento moto estivo. L’unico dispositivo di protezione previsto dal Codice della Strada è il casco. Per quanto riguarda la giacca, se unita al paraschiena, rappresenta uno schermo fondamentale in caso di caduta. Le giacche da moto estive devono rispettare la normativa EN 17092. Sul mercato esistono giacche moto in pelle (di canguro o bovina) o in tessuto. Le prime sono più resistenti alle abrasioni ma più calde, le seconde sono senza dubbio più leggere e versatili. Il consiglio è quello di scegliere giacche traforate e sufficientemente resistenti, e di decidere in base al tipo di viaggio che si intende fare.

Abbigliamento moto estivo: come scegliere i guanti

I guanti moto estivi devono essere omologati secondo la normativa EN 13594. Per quanto riguarda la scelta, devono calzare giusti, ovvero consentire i corretti movimenti della mano, favorire la circolazione del sangue e la capacità di usare i comandi presenti sul manubrio. Anche in questo caso la scelta è tra capi in pelle o in tessuto. Sempre più centauri optano, soprattutto in estate, per guanti che abbinano i due materiali. In questo caso la chiusura è in velcro aderente e l’imbottitura interna è pesante. Per aumentare la sicurezza è consigliato scegliere guanti con inserti traspiranti e rinforzi su nocche e palmo della mano.

Abbigliamento moto estivo: pantaloni

Un altro indumento di particolare importanza per l’abbigliamento estivo moto sono i pantaloni. Quelli in tessuto garantiscono libertà di movimento e comodità. Assicurarsi che abbiano prese d’aria per favorire la ventilazione e, a seconda della meta scelta per le vacanze, che siano impermeabile. La fodera termica è invece utile soltanto se si prevede di girare per passi di montagna e con temperature rigide.

Abbigliamento moto estivo: scarpe

Spesso sottovalutate come dispositivo di sicurezza, anche le scarpe rivestono un ruolo prezioso in caso di caduta. Coniugare comodità e traspirazione è essenziale, mentre non deve mancare neppure uno strato impermeabile. Il rischio di incappare in un temporale estivo prescinde dalla località e per questo è fondamentale farsi trovare pronti. Se non si è amanti degli stivali, sul mercato esistono diverse calzature casual adatte ai motociclisti.

Abbigliamento intimo estivo per moto

Un ottimo alleato dei motociclisti è da sempre l’abbigliamento estivo termico. Autentica manna dal cielo nei mesi invernali, i capi traspiranti sono preziosi anche in estate. Per quanto riguarda la maglia a pelle, privilegiare quelli con la struttura a griglia. In questo modo viene facilitato il passaggio dell’aria e la pelle avrà modo di respirare. Come per tutti gli altri capi, il consiglio per stare freschi è essenzialmente uno: scegliere indumenti di buona qualità, magari spendendo (ove possibile) qualche euro in più.

Prima di affrontare il tuo viaggio in moto, in Italia o in Europa, ricorda di metterti in regola con l’assicurazione. Trova le migliori offerte polizza RC Moto sul nostro sito, confronta le quotazioni delle migliori compagnie e fai la tua scelta. Compila il form per ricevere un preventivo gratuito e valido per ben 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

La classifica delle strade italiane più pericolose d’Italia

Quali sono le strade più pericolose d’Italia? Le ultime rilevazioni Istat confermano il Belpaese lontano da standard di sicurezza accettabili. Nel 2019 si sono registrati 172.183 sinistri con lesioni, con un totale di 3.173 vittime entro 30 giorni dall’evento. Nonostante una diminuzione rispetto al passato, e un calo evidente negli ultimi decenni, l’allarme resta rosso.

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione terremoto: cos’è e cosa copre?

Il nostro paese ha una lunga e triste storia di fenomeni sismici, anche disastrosi. I più recenti avvenimenti riguardano quello dell’Aquila nel 2009, quello dell’Emilia nel 2012 e quello del centro Italia tra il 2016 e il 2017 che ha devastato specialmente Lazio, Umbria e Marche. Nonostante la cronaca dolorosa ci ricorda che l’Italia è

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze in moto: i controlli da fare prima della partenza

Vivere le vacanze 2020 in sella alla propria moto può essere un’occasione da cogliere al volo. Per molti centauri fino ad inizio giugno è stato praticamente impossibile prendere la propria due ruote. Riaperti i confini regionali e nazionali dopo il lockdown, però, progettare le ferie in moto è diventata un’operazione possibile. A condizione di viaggiare

CONTINUA A LEGGERE

Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown,

CONTINUA A LEGGERE