5 consigli da seguire per trasportare correttamente i bambini in automobile

La sicurezza dei bambini in automobile rappresenta l’obiettivo di ogni genitore. Conoscere le regole del trasporto bambini in auto, infatti, aiuta a diminuire le conseguenze di un incidente. Nel 2018 i decessi nella fascia 0-14 anni sono stati pari all’1% del totale sulle strade italiane. Le 34 vittime tra i bambini reclamano un surplus di attenzione quando si è al volante. Quali sono le regole per farli viaggiare sicuri? Meglio mettere il seggiolino auto davanti o dietro? Vediamo cosa prevede il Codice della Strada e come limitare i rischi quando si portano i bimbi in auto.

Bambini in automobile: il seggiolino è obbligatorio

L’articolo 172 Codice della Strada stabilisce le più importanti regole per il trasporto bambini in automobile. Il comma 1 prescrive che “i bambini di statura inferiore a 1,50 m devono essere assicurati al sedile con un sistema di ritenuta per bambini”. Questo sistema deve essere “adeguato al loro peso, di tipo omologato secondo le normative stabilite dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti”. A partire dal 7 novembre 2019 è inoltre entrato in vigore l’obbligo di montare i seggiolini antiabbandono per bambini di età inferiore ai 4 anni. Se non in possesso di tali dispositivi si va incontro a una multa da 81 euro a 326 euro e alla decurtazione di 5 punti patente.

Bambini in automobile: cosa sapere prima di partire

La sicurezza bambini in auto passa dunque attraverso la scelta del giusto seggiolino. Ma non solo. Quando si caricano i bambini in macchina, ad esempio, qual è il posto più sicuro per loro? Ecco i consigli utili per aumentare il comfort dei bambini in automobile.

1. Qual è il posto giusto per il seggiolino?

L’articolo 5 del comma 172 CdS stabilisce che “I bambini non possono essere trasportati utilizzando un seggiolino di sicurezza rivolto all’indietro su un sedile passeggeri protetto da airbag frontale, a meno che l’airbag medesimo non sia stato disattivato anche in maniera automatica adeguata”. In presenza di attacchi ISOFIX, il posto migliore è senza dubbio il centrale posteriore. Altrimenti quello più sicuro, in base a diversi test effettuati, risulta essere quello posteriore laterale.

2. Quale seggiolino scegliere

Qui non ci si può davvero sbagliare. I seggiolini sono divisi in gruppo in base al peso. Dal gruppo 0 fino al gruppo 3, con il consiglio di rivolgerlo in senso contrario rispetto a quello di marcia nel primo anno e mezzo di vita. Questo perché il collo è più debole e potrebbe non sostenere il movimento provocato da un contatto, pur minimo, in caso di incidente.

3. Quando cambiare seggiolino

Di quanti seggiolini si hanno bisogno durante la crescita del bambino? Per garantirsi un trasporto bambini in auto sempre sicuro, indicativamente tre. Il primo (gruppo 0 o 0+) verrà usato nel primo anno di vita, fino ai 13 chili di peso. Il secondo (gruppo 1) è indicato fino ai 4 anni, mentre il terzo (gruppo 2/3) scorterà la crescita fino agli 8 anni.

4. Come proteggere la testa

I booster (ovvero i rialzi) sono particolarmente utili a partire dai 4 anni. Sia prima che dopo, però, è opportuno dotarsi di modelli di seggiolini con schienali e protezioni laterali. Molto importante è anche la presenza di un poggiatesta regolabile in altezza, che può “accompagnare” la crescita del bambino fin quando utilizzerà quel modello di passeggino.

5. Seggiolino sul sedile anteriore? Solo se…

Molti genitori preferiscono portare i più piccoli sul sedile anteriore. Ribadito che questa possibilità è contemplata dal Codice della Strada solo a condizione di disattivare l’airbag, in assoluto non rappresenta la soluzione più sicura. Può però essere pratica se si viaggia soli col bambino, per evitare di distrarsi per tenerlo sotto controllo mentre si è al volante.

Delle violazioni dell’articolo 172 CdS è responsabile il conducente o chi è tenuto alla sorveglianza del minore. Quando viaggi con bambini in auto, ricorda di essere in regola con tutte le scadenze legate al veicolo. Se la tua assicurazione auto sta per scadere o vuoi risparmiare sulla prossima polizza RCA, affidati al nostro comparatore.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE