Viaggi e vacanze in auto con il coronavirus: 10 consigli per viaggiare sicuri

Fare le vacanze in auto ai tempi del coronavirus. Dal 3 giugno 2020 sono possibili gli spostamenti fuori regione e in direzione degli Stati membri dell’Unione Europea o parte dell’accordo di Schengen. Quali sono però le regole da osservare per viaggiare sicuri? Se il periodo di lockdown ha costretto gli italiani a rinunciare alla propria auto, ora le cose cambiano. Le automobili sono infatti destinate a riconquistare le strade, con alcune significative novità. Torneranno infatti in auge le vetture di proprietà, a scapito di noleggio a medio o lungo termine e dei mezzi pubblici. A condizione di rispettare alcune fondamentali norme.

Vacanze in auto durante il coronavirus: le regole da rispettare

La seconda parte della fase 2 dell’emergenza da Covid-19 ha introdotto due importanti novità. Per viaggiare in auto non serve più l’autocertificazione e, inoltre, è stata riaperta la possibilità di valicare i confini regionali. Partire per le vacanze in auto è dunque concesso, ma bisogna stare attenti ad alcuni aspetti.

1.     Sanificare l’auto è obbligatorio?

Provvedere alla sanificazione della propria auto non è obbligatorio, ma è una pratica che si rende opportuna. Soprattutto se si decide di fare un lungo viaggio. L’ISS consiglia di pulire le superfici interne con un panno in microfibra e utilizzando preparati a base di alcol.

2.     Non pulire l’auto con candeggina e amuchina

Altamente sconsigliato è invece l’uso di gel detergenti per pulire la propria automobile. Amuchina e candeggina non vanno applicati in auto, in quanto l’ipoclorito di sodio presente al loro interno potrebbe aggredire pelle e plastica. I prodotti detergenti vanno invece utilizzati sulla tappezzeria, insieme all’aspirapolvere.

3.     Come pulire le superfici di contatto

Usare soluzioni a base di alcool per tutte le principali superfici di contatto presenti all’interno dell’abitacolo. L’automobile andrebbe igienizzata ogni settimana. Durante le vacanze può essere utile farlo ancora più spesso, magari prendendosi qualche minuto in più del dovuto prima di programmare una nuova tappa.

4.     Controllare i filtri dell’aria condizionata

Viaggiare in estate significa fare i conti col caldo. Ormai da anni gli automobilisti sono abituati al lusso dell’aria condizionata, ma in questo periodo bisogna disporne con intelligenza. Prima di partire, quindi, bisogna rimuovere il filtro dell’aria, sanificare bocchette e tubi che mandano l’aria in circolazione. A questo punto si potrà provvedere a una pulizia approfondita. L’operazione andrebbe ripetuta spesso, per evitare che il virus – se presente – resti in circolo.

5.     Lavarsi sempre le mani

Conducente o passeggero, la regola è la stessa: dopo aver guidato o essere stati a bordo di un veicolo, bisogna sempre lavarsi le mani. Inoltre è indispensabile non toccarsi bocca, naso e occhi prima di averle lavate. L’operazione va ripetuta ogniqualvolta si viene a contatto con superfici esterne all’auto. Ad esempio è buona norma usare un gel disinfettante prima di tornare in marcia quando si paga il pedaggio autostradale al casello.

6.     Quando usare la mascherina

La mascherina non va usata se si viaggia da soli o con familiari conviventi. Diventa invece necessario indossarla se a bordo ci sono persone che non convivono nella stessa abitazione o con problemi respiratori. Una volta scesi dal veicolo, qualora non si sia nelle condizioni di rispettare le regole sul distanziamento sociale, va però sempre indossata.

7.     Quante persone possono viaggiare in auto?

Se le vacanze durante il coronavirus vengono fatte in famiglia, l’unico limite è quello segnalato sulla carta di circolazione. I familiari conviventi, infatti, possono occupare tutti i posti disponibili nell’auto. Se si viaggia con amici o persone che non vivono sotto lo stesso tetto, invece, le regole cambiano. In questo caso nella fila davanti deve esserci solo il conducente mentre sui sedili posteriori deve viaggiare una sola persona. Soltanto in caso di auto da 7 o 9 posti, ovvero che permettano di rispettare il distanziamento sociale di almeno un metro, si può viaggiare in due dietro. In ogni caso è obbligatorio, tra non conviventi, l’uso della mascherina.

8.     Posizione dei passeggeri

Come abbiamo avuto modo di vedere, i passeggeri presenti in auto devono cercare di stare quanto più possibile lontani tra loro. In nessun caso, a meno che si tratti di conviventi, devono venire in contatto. Se il passeggero è un convivente, può accomodarsi indifferentemente sul sedile anteriore o posteriore. Se il passeggero non è un convivente, deve sempre stare sul sedile posteriore.

9.     Auto in car sharing: come comportarsi?

E se invece si viaggia su un’auto a noleggio? Prima di tutto è indicato pulire, con un panno in microfibra e un preparato a base di alcol, tutte le superfici che possono essere state toccate da altri. Avere cura di sanificare:

  • Volante
  • Cinture di sicurezza
  • Indicatori di direzione
  • Leva del cambio
  • Freno a mano
  • Interruttori per tergicristalli e luci
  • Specchietto retrovisore interno
  • Bocchette dell’aria
  • Chiavi e maniglie

Per provvedere all’operazione si possono usare guanti. In ogni caso, dopo aver eseguito la pulizia, non bisogna mai toccarsi naso, occhi e bocca prima di essersi lavati le mani.

10.  Controllare le scadenze

Revisione, patente, bollo e assicurazione auto sono stati oggetto di proroghe durante la fase più acuta dell’emergenza coronavirus. Prima di mettersi in viaggio, però, è utile controllare che sia tutto in regola. Fare un check-up del veicolo ed essere certi di aver provveduto a tutti i pagamenti, è un ottimo modo per viaggiare sicuri.

Se la tua assicurazione è scaduta o sta per scadere, risparmia affidandoti a noi. Usa il nostro comparatore per confrontare le migliori offerte polizze RC Auto. Scova quella su misura per te, ottieni un preventivo gratuito e fai la tua scelta entro 60 giorni.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Moto e multe: quali sono le infrazioni stradali più comuni tra i motociclisti?

Nel 2019 sono state 47.610 le infrazioni stradali commesse dai motociclisti e punite con una multa. Lo rileva l’indagine prodotta di concerto da ACI-Istat, evidenziando i comportamenti scorretti dei centauri. Il numero delle infrazioni Codice della Strada è minore rispetto a quello degli automobilisti (1.075.271) e degli autotrasportatori (450.615). Colpisce, tuttavia, la natura delle contravvenzioni

CONTINUA A LEGGERE

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Preventivo assicurazione moto: come calcolarlo e risparmiare

Assicurarsi la polizza RC Moto più conveniente grazie al miglior preventivo assicurazione moto. Quando si acquista uno scooter o motocicletta, bisogna subito provvedere alla sua copertura assicurativa. Obbligatoria per legge (art.193 Codice della Strada) la polizza responsabilità civile serve a tutelare il proprietario del veicolo da danni cagionati ai terzi. Non esiste un’assicurazione moto migliore

CONTINUA A LEGGERE