Vacanze estive 2020 in auto: tutte le proroghe che devi conoscere

L’estate 2020 vedrà molti italiani andare in vacanza in auto. Da sempre le famiglie italiane hanno privilegiato le quattro ruote per le ferie, ma mai come quest’anno la scelta sembra obbligata. L’emergenza coronavirus ha reso più difficoltosi gli spostamenti con i mezzi pubblici e le limitazioni alle frontiere hanno fatto il resto. Durante il lockdown, tuttavia, si è assistito alla proroga delle scadenze auto: revisione, patente, assicurazione e bollo. Ecco tutto quello che c’è da sapere prima di mettersi in viaggio e al rientro dalle mete turistiche.

Scadenze auto: novità giugno 2020

Dal 4 giugno 2020 in Italia e in tutti gli Stati dell’Unione Europea sono valide le proroghe scadenze auto stabilite dal regolamento dell’Unione Europea 698/2020. Si tratta di una proroga di sette mesi, su tutto il territorio UE, delle scadenze dei documenti auto quali patente, revisione e Cqc (carta di qualificazione del conducente).

Proroga patente auto

Per le patenti scadute tra l’1 febbraio e il 31 agosto 2020, la validità si considera prorogata di sette mesi rispetto alla data di scadenza indicata. Durante tutto questo periodo il titolare potrà circolare su tutto il territorio dell’Unione Europea. Se una patente è scaduta a inizio febbraio, si ha tempo fino a fine agosto per rinnovarla. Se scadrà a fine agosto, invece, la deadline per il rinnovo è fissata a marzo 2021. Questa norma estende dunque i benefici introdotti dal DL 18/2020 (Cura Italia), che aveva prorogato al 31 agosto 2020 la validità delle patenti con scadenza al 31 gennaio 2020. Attenzione però a non commettere errori: chi aveva la patente in scadenza il 31 gennaio potrà beneficiare dell’estensione della validità solo fino al 31 agosto, non rientrando quella data nell’applicazione della normativa europea.

Proroga scadenza revisione

Scadenze auto prorogate di sette mesi anche per quanto riguarda la revisione. Rientrano nell’applicazione della normativa i seguenti veicoli a motore con revisione in scadenza tra il primo febbraio e il 31 agosto 2020:

  • Automobili (categoria M)
  • Veicoli commerciali (categoria N)
  • Rimorchi con massa compresa tra 3,5 e 10 tonnellate (categoria 04)
  • Rimorchi con massa massima superiore a 10 T (categoria 04)
  • Trattori stradali o motrici (categoria Ts)

Durante il periodo in questione i seguenti veicoli possono circolare liberamente nell’Unione Europea. Quelli con scadenza precedente a febbraio 2020, possono circolare in Italia sino al 31 ottobre 2020 senza aver effettuato la revisione. Con revisione scaduta a febbraio (entro il 29 febbraio 2020) possono muoversi in Italia sino al 31 ottobre 2020 e nel territorio Ue fino al 30 settembre 2020. Quelli con revisione in scadenza nel periodo 31 marzo-31 agosto 2020, possono circolare in tutta l’Unione Europea (Italia compresa) per i 7 mesi successivi alla scadenza prevista dalle norme vigenti.

Sospensione RC Auto e periodo di tolleranza

Sul fronte dell’assicurazione RCA, invece, non si registrano novità “continentali”. Restano dunque valide le disposizioni introdotte dal Decreto Cura Italia. L’articolo 125 del DL 18/2020 ha sancito la proroga di ulteriori 15 giorni del periodo di tolleranza. Questa novità si applica alle polizze RC Auto scaduti e non rinnovati e per quelli che scadono tra il 21 febbraio e il 31 luglio 2020, relativamente alla sola Responsabilità Civile. Ciò significa che si potrà circolare con la copertura attiva per 30 giorni al posto dei canonici 15. Come si applica questo discorso alle vacanze in auto? Chi parte entro fine luglio con una assicurazione auto in scadenza al 31 luglio, può circolare coperto fino a fine agosto.

Non va inoltre dimenticato che, entro il 31 luglio 2020, si può sospendere gratuitamente la polizza auto. In questo caso i giorni di sospensione si aggiungono alla data di scadenza indicata in sede di ultimo rinnovo o di attivazione della polizza. Il corollario, in questo caso, è elementare: con l’assicurazione sospesa non si può circolare e, di conseguenza, andare in vacanza.

Scadenze auto: quale proroga per il bollo?

La carrellata si conclude con il bollo auto, la tassa automobilistica il cui versamento è in favore delle singole Regioni. Questa proroga scadenze auto non è stata disciplinata a livello nazionale, con le regioni che si sono comportate in maniera autonoma. Alcune hanno permesso di procrastinare i pagamenti per i bolli in scadenza durante il lockdown. Occorre però sapere che il limite massimo è stato fissato nella maggior parte dei casi al 30 giugno, con i soli residenti in Abruzzo e Marche che hanno beneficiato di un ulteriore mese per mettersi in regola. Il caso unico in Italia riguarda la Sicilia, dove è consentito pagare fino al 30 novembre per scadenze comprese tra l’8 marzo e il 31 ottobre. Con agosto all’orizzonte, quindi, è fondamentale aver provveduto al pagamento del bollo.

Se la tua assicurazione è in scadenza e vuoi risparmiare sulla prossima assicurazione RC Auto, affidati al nostro comparatore. Compila il form gratuito inserendo i dati richiesti e ricevi subito le quotazioni delle migliori compagnie. Salva il preventivo sul tuo pc e scegli, entro 60 giorni, se accettarlo o generarne altri.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Quando è possibile annullare l’assicurazione moto?

Annullare l’assicurazione auto o moto è possibile? Il procedimento di estinzione del contratto assicurativo è garantito dalla legge, al verificarsi di determinate condizioni. Annullamento polizza RC Moto dà diritto al rimborso di parte del premio pagato e non usufruito. Vediamo in quali casi è possibile procedere all’annullamento assicurazione e qual è la procedura da seguire.

CONTINUA A LEGGERE

L’indennizzo diretto nella RC Moto: come funziona e quando non si applica

Dal 1° febbraio 2007 è entrato in vigore in campo assicurativo il sistema noto come indennizzo diretto. Questa innovazione è valida per i veicoli a motore e prevede la richiesta di risarcimento diretto alla propria compagnia assicurativa. Rispetto al risarcimento ordinario, dunque, non si passa più attraverso la compagnia della controparte. Vediamo però l’indennizzo diretto

CONTINUA A LEGGERE

Risarcimento in forma specifica RC Auto: quando si applica?

Il risarcimento in forma specifica è una particolare clausola contrattuale che si applica anche alle assicurazioni RC Auto. Questo tipo di clausola è facoltativa e non obbligatoria: garantisce sconti a chi decide di inserirla, ma vincola il contraente a rispettare alcuni paletti. Vediamo cosa si intende per risarcimento in forma specifica RCA e cosa cambia

CONTINUA A LEGGERE

Guide

3 consigli per risparmiare sull’assicurazione auto elettrica o ibrida

Il bonus auto 2020 ha reso ancora più conveniente acquistare un veicolo elettrico o ibrido. L’articolo 74 del Decreto Agosto (104/2020) ha sancito infatti il rifinanziamento degli ecoincentivi auto o bonus auto, introducendo novità per fasce di emissioni. Scegliere un’auto a basso impatto ecologico significa anche risparmiare sul costo della polizza RCA. Vediamo allora come

CONTINUA A LEGGERE