assistenza@quale.it
  06 9480 8090
  339 995 7510
  facebook messenger

Ultime novità su scatola nera e assicurazioni auto: cosa c’è da sapere

Negli ultimi anni si è diffusa a macchia d’olio l’installazione della scatola nera all’interno delle autovetture. Solo nello scorso anno sono stati effettuati oltre 5 milioni di montaggi. Come già visto infatti  in questo articolo sulla RC moto, questi dispositivi permettono di risparmiare sul costo totale della polizza auto; non tutti i proprietari di autovetture hanno però ben chiaro come funziona questo tipo di strumento e come funziona l’assicurazione di un’auto con scatola nera. Cerchiamo di fare chiarezza.

Cos’è la scatola nera

La scatola nera – o black box secondo la terminologia inglese – è un dispositivo dotato di GPS che permette di registrare alcuni valori del comportamento del guidatore in auto. Questa sua funzionalità può essere particolarmente utile in diversi momenti:

  • In caso di furto la geo-localizzazione tramite il GPS permette di rintracciare velocemente il veicolo;
  • In caso di incidente la scatola restituisce i dati sul comportamento in auto del conducente (velocità, frenata, etc..) per aiutare a riconoscere la responsabilità del sinistro.

La raccolta di questi dati avviene nel totale rispetto della privacy.

Una volta scelto di installare la scatola nera sull’auto, il contraente deve procedere al montaggio del dispositivo entro 10 giorni dall’inizio di validità della polizza, recandosi presso un Centro autorizzato. È bene ricordare che il costo di questa operazione è a carico delle compagnie assicurative.

Perché permette di risparmiare

Con l’approvazione del DDL Concorrenza, da poco più di un mese approvato dal Senato, si prevede un ulteriore forte incremento delle installazioni sulle auto della scatola nera: la legge infatti stabilisce l’obbligo per le compagnie assicurative di scontare le polizze di coloro che l’abbiano montata a bordo.

Molti vedono la scatola nera come un’intromissione nelle proprie abitudini di guida. In realtà questo strumento permette di ottenere uno sconto che può andare dal 10 al 30% sulla propria assicurazione.

Le motivazioni sono semplici da capire: oltre a quelle elencate qui sopra ce n’è un’altra, ancora più importante: la scatola nera è il rimedio più efficace contro le truffe assicurative che molti ancora mettono in atto. Le spese che le assicurazioni devono sostenere per queste truffe ricadono su tutti gli assicurati: evitarle vuol dire migliorare il servizio per tutti.

Con i dati forniti dalla scatola nera l’assicurazione è in grado di avere uno sguardo privilegiato sul comportamento in auto dei propri guidatori e, di conseguenza, uno strumento in più per contrastare i disonesti.

Quanto si risparmia?

Con l’installazione – che ricordiamo essere gratuita – della scatola nera nella propria vettura si può risparmiare fino al 24% sulla polizza auto di base. In aggiunta ulteriori offerte sono riservate sulle polizze opzionali come quelle furto/incendio.
Per trovare l’offerta migliore, confronta e richiedi un preventivo sull’assicurazione auto su Quale.it, il comparatore che permette di trovare le migliori condizioni sul mercato risparmiando ulteriormente sul costo finale.

News

L’assicurazione autobus e filobus

L’assicurazione autobus e filobus è stato modificato: 2018-04-02 di Marco L’assicurazione autobus e filobus Quando ci riferiamo all’autobus, pensiamo subito ai mezzi pubblici cittadini. Invece sono moltissimi i mezzi privati come autobus, filobus, miniautobus e minivan di proprietà di compagnie di trasporto ma anche di scuole e hotel. Per autobus si intende infatti un qualsiasi

CONTINUA A LEGGERE

Come leggere il libretto di circolazione

Come leggere il libretto di circolazione è stato modificato: 2018-03-14 di Marco Come leggere il libretto di circolazione Rilasciato dalla Motorizzazione Civile insieme alla targa in caso di nuova immatricolazione o di rinnovo, il libretto di circolazione rappresenta la “carta d’identità” della nostra automobile. Tale documento è infatti necessario alla circolazione del veicolo e deve

CONTINUA A LEGGERE

Pneumatici invernali: cosa sono e quali scegliere

Pneumatici invernali: cosa sono e quali scegliere è stato modificato: 2018-03-14 di Marco Pneumatici invernali: cosa sono e quali scegliere Con la legge non si scherza e con la sicurezza neppure. Una direttiva del 2013 del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti ha previsto che l’Ente proprietario della strada, e/o il gestore possano, dal 15

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione moto: cosa rischia chi circola senza

Assicurazione moto: cosa rischia chi circola senza è stato modificato: 2018-03-14 di Marco Assicurazione moto: cosa rischia chi circola senza Moto, che passione! In Italia è in continua crescita il numero delle due ruote a motore in circolazione su strada. Le ultime rilevazioni ACI sul parco veicolare forniscono un dato vicino ai sette milioni, con

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Eccesso di velocità: quali effetti sulla assicurazione auto?

Eccesso di velocità: quali effetti sulla assicurazione auto? è stato modificato: 2018-03-14 di Marco Eccesso di velocità: quali effetti sulla assicurazione auto? Sei appena stato multato per eccesso di velocità e vuoi sapere se ci saranno ripercussioni anche sul premio della tua assicurazione auto? Allora questo è il posto giusto per te! Come saprai, il

CONTINUA A LEGGERE

Assicurazione auto aziendale: cos’è e come funziona

Assicurazione auto aziendale: cos’è e come funziona è stato modificato: 2018-03-01 di Marco Nel mare magnum delle assicurazioni auto trovano una loro collocazione anche le polizze riservate ai veicoli aziendali. Questa particolare tipologia è riferita a contratti su vetture possedute, a titolo di proprietà o di leasing, dalle aziende per i propri dipendenti. L’assicurazione auto

CONTINUA A LEGGERE

Manutenzione auto d’inverno: i consigli per viaggiare sicuri

Manutenzione auto d’inverno: i consigli per viaggiare sicuri è stato modificato: 2018-02-08 di Marco Il clima mite che ha caratterizzato le festività natalizie e si è protratto per buona parte del gennaio italiano non tragga in inganno. Nuovi sprazzi del “Generale Inverno” sono infatti previsti a febbraio e ci costringeranno a difenderci dalle sue temperature

CONTINUA A LEGGERE