Ultime novità su scatola nera e assicurazioni auto: cosa c’è da sapere

Negli ultimi anni si è diffusa a macchia d’olio l’installazione della scatola nera all’interno delle autovetture. Solo nello scorso anno sono stati effettuati oltre 5 milioni di montaggi. Come già visto infatti  in questo articolo sulla RC moto, questi dispositivi permettono di risparmiare sul costo totale della polizza auto; non tutti i proprietari di autovetture hanno però ben chiaro come funziona questo tipo di strumento e come funziona l’assicurazione di un’auto con scatola nera. Cerchiamo di fare chiarezza.

Cos’è la scatola nera

La scatola nera – o black box secondo la terminologia inglese – è un dispositivo dotato di GPS che permette di registrare alcuni valori del comportamento del guidatore in auto. Questa sua funzionalità può essere particolarmente utile in diversi momenti:

  • In caso di furto la geo-localizzazione tramite il GPS permette di rintracciare velocemente il veicolo;
  • In caso di incidente la scatola restituisce i dati sul comportamento in auto del conducente (velocità, frenata, etc..) per aiutare a riconoscere la responsabilità del sinistro.

La raccolta di questi dati avviene nel totale rispetto della privacy.

Una volta scelto di installare la scatola nera sull’auto, il contraente deve procedere al montaggio del dispositivo entro 10 giorni dall’inizio di validità della polizza, recandosi presso un Centro autorizzato. È bene ricordare che il costo di questa operazione è a carico delle compagnie assicurative.

Perché permette di risparmiare

Con l’approvazione del DDL Concorrenza, da poco più di un mese approvato dal Senato, si prevede un ulteriore forte incremento delle installazioni sulle auto della scatola nera: la legge infatti stabilisce l’obbligo per le compagnie assicurative di scontare le polizze di coloro che l’abbiano montata a bordo.

Molti vedono la scatola nera come un’intromissione nelle proprie abitudini di guida. In realtà questo strumento permette di ottenere uno sconto che può andare dal 10 al 30% sulla propria assicurazione.

Le motivazioni sono semplici da capire: oltre a quelle elencate qui sopra ce n’è un’altra, ancora più importante: la scatola nera è il rimedio più efficace contro le truffe assicurative che molti ancora mettono in atto. Le spese che le assicurazioni devono sostenere per queste truffe ricadono su tutti gli assicurati: evitarle vuol dire migliorare il servizio per tutti.

Con i dati forniti dalla scatola nera l’assicurazione è in grado di avere uno sguardo privilegiato sul comportamento in auto dei propri guidatori e, di conseguenza, uno strumento in più per contrastare i disonesti.

Quanto si risparmia?

Con l’installazione – che ricordiamo essere gratuita – della scatola nera nella propria vettura si può risparmiare fino al 24% sulla polizza auto di base. In aggiunta ulteriori offerte sono riservate sulle polizze opzionali come quelle furto/incendio.
Per trovare l’offerta migliore, confronta e richiedi un preventivo sull’assicurazione auto su Quale.it, il comparatore che permette di trovare le migliori condizioni sul mercato risparmiando ulteriormente sul costo finale.

Confronta e Risparmia Subito

Quale.it, al tuo fianco per scegliere l'offerta giusta al migliore prezzo

News

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene

Assicurazione auto per un giorno: vantaggi, a chi conviene L’assicurazione auto giornaliera è un particolare tipo di polizza prevista da alcune compagnie. La sua attivazione permette di assicurare la propria vettura per 24 ore. Di solito le polizze temporanee partono da un minimo di tre o cinque giorni fino a un massimo di sei mesi,

CONTINUA A LEGGERE

Furto bici: cosa fare, come evitarlo

Furto bici: cosa fare, come evitarlo Ogni anno in Italia vengono rubate 350.000 biciclette. Un dato preoccupante e che, come prevedibile, registra nelle metropoli i suoi picchi massimi, con Roma e Milano che superano i 10.000 furti bicicletta nell’arco dei 12 mesi. In media viene rubato un esemplare ogni due minuti e ritrovare la propria

CONTINUA A LEGGERE

Controllo targa moto: a cosa serve, come si fa

Controllo targa moto: a cosa serve, come si fa Il numero di targa è un codice alfanumerico prezioso per il controllo veicoli. Grazie ai moderni sistemi targa, infatti, si possono ricavare numerose informazioni sull’automezzo. Questa procedura non è soltanto appannaggio delle Forze dell’Ordine, ma è eseguibile anche dai privati. Come funziona il sistema Targa System

CONTINUA A LEGGERE

Polizza cristalli: cosa copre e come funziona

Polizza cristalli: cosa copre e come funziona Tra le garanzie accessorie più comuni delle tradizionali RC Auto c’è la polizza cristalli. Si tratta di una particolare assicurazione che, senza costi aggiuntivi, permette di riparare o sostituire il parabrezza in caso di rottura o danneggiamento. Cos’è la polizza cristalli e come ottenere il risarcimento Spesso abbinata

CONTINUA A LEGGERE

Guide

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma

Constatazione amichevole: come compilarla, chi la firma È uno dei vocaboli con i quali si inizia a familiarizzare ancor prima di diventare automobilisti, eppure non tutti hanno chiaro cosa significhi. La constatazione amichevole di incidente è il modulo che offre una visione completa di ciò che avviene sulla scena del sinistro. Il suo nome corretto

CONTINUA A LEGGERE

Chi è il contraente di una polizza assicurativa?

Chi è il contraente di una polizza assicurativa? Domanda banale? Forse no. In ambito assicurativo è bene non dare mai nulla per scontato ed essere certi di conoscere il giusto lessico. Chi è il contraente di una polizza assicurativa? E cambia qualcosa tra contraente, beneficiario e assicurato? E come? Scopriamolo insieme. Contraente di una polizza:

CONTINUA A LEGGERE

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento

Incidente auto all’estero: come ottenere il risarcimento Durante le vacanze o sporadicamente per lavoro, sono diversi gli automobilisti italiani a circolare su strade straniere. Tra gli effetti di un costante mini-esodo c’è anche quello, indesiderato, degli incidenti. Cosa accade se si rimane coinvolti in un sinistro al di fuori dei confini nazionali? Quali sono i

CONTINUA A LEGGERE